Juventus | Allenamento tra le leggende, Marchisio recuperato

Juventus: allenamento tra le leggende, Marchisio recuperato

Juventus: allenamento tra le leggende, Marchisio recuperato

La Juventus si è allenata oggi a Vinovo in una cornice ricca di “leggende”: presso il centro tecnico bianconero, infatti, erano presenti David Trezeguet e tutte le altre Juventus Legends che affronteranno il Boca Juniors domani, 8 settembre 2015 alle ore 20:45. Buone notizie per Massimiliano Allegri, poiché, come riferisce il sito ufficiale Juventus.com, Claudio …

La Juventus si è allenata oggi a Vinovo in una cornice ricca di “leggende”: presso il centro tecnico bianconero, infatti, erano presenti David Trezeguet e tutte le altre Juventus Legends che affronteranno il Boca Juniors domani, 8 settembre 2015 alle ore 20:45. Buone notizie per Massimiliano Allegri, poiché, come riferisce il sito ufficiale Juventus.com, Claudio Marchisio è pienamente recuperato e sabato potrà essere in campo dal primo minuto contro il Chievo Verona. Ha ripreso le terapie riabilitative il centrocampista tedesco Sami Khedira, che lavorerà ogni giorno per essere in campo il prima possibile (le previsioni parlano di inizio ottobre).

Intanto, Stephan Lichtsteiner, ha rilasciato dal ritiro della Svizzera alcune dichiarazioni al sito ufficiale della Fifa. Il terzino svizzero della Juventus, ha ricordato tra le altre cose la finale di Champions League persa a Berlino contro il Barcellona:

Durante la settimana che ha preceduto la finale ero piuttosto nervoso – racconta – , ma il giorno della partita passò tutto: ero rilassato ed eccitato per la finale. Sapevo che in due ore sarebbe finito tutto, in un modo o nell’altro. Pensi a vincere la coppa, tutto ruota attorno alla partita e l’attesa ti consuma. Avevamo disputato una grande stagione, vincendo due titoli, ed eravamo preparati a mettere le mani su quello “grande”. La Juve è una delle Grandi d’Europa, ma non ancora al livello di Real Madrid, Barcellona o Bayern Monaco. Club come questi raggiungono la finale regolarmente. Per me, tuttavia, era come l’opportunità di una vita, di quelle che non ti capitano più. Dopo il match ero fortemente deluso, ma in fin dei conti, pensandoci bene, potevo essere felice di tutto ciò che avevamo ottenuto come squadra. Sono anche orgoglioso della mia prestazione: ho giocato tutti i minuti delle 13 partite di Champions.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi