Juventus 2 - Il solito nulla 0 | JMania

Juventus 2 – Il solito nulla 0

Juventus 2 – Il solito nulla 0

Juventus – Inter 2-0. La partita contro l’Inter è stata più facile del previsto. La Juventus nonostante a differenza dei suoi avversari…

Juventus – Inter 2-0. La partita contro l’Inter è stata più facile del previsto. La Juventus nonostante a differenza dei suoi avversari avesse giocato una partita tostissima in settimana, con grande dispendio di energie psicofisiche contro il Bayern Monaco, non ha mostrato alcun segno di cedimento. A parte la solita nota stonata dell’acutizzarsi del solito problema al ginocchio per Chiellini ed è l’ennesimo infortunio quest’anno, è tutto filato assolutamente liscio. La partenza è stata straripante con la Juventus che nel primo quarto d’ora ha rischiato seriamente di chiudere i conti con per lo meno 3-4 azioni limpide, fra cui una traversa di Hernanes. L’Inter ha resistito agli attacchi bianconeri alla bene e meglio e con molti patemi e un po’ di San Kulovic si è tenuta sullo 0-0. Nella prima frazione la Juventus ha chiaramente sprecato troppo sia con Dybala che con Mandzukic. Loro in difesa sono stati un valzer di errori e svarioni quasi comici sin da subito. Infatti poi nel secondo tempo Bonucci segnerà su assist di D’Ambrosio.

Ad un certo punto della partita però non sbloccata da noi, l’Inter ha preso quasi il sopravvento a centrocampo, un po’ complice la vena grigia di Khedira, un po’ perché sappiamo quale è la strategia tanto cara ad Allegri e molto meno cara ai tifosi, stringersi tutti dietro la linea della palla, far sì che gli avversari si scoprano e colpire con fulminee ripartenze. Così è sembrato solo per qualche momento che l’Inter potesse dire la sua e fare un qualche cosa, purtroppo per loro, e con gran demerito di Mancini, giocare con Kondogbia, Melo e Medel è qualcosa che va al di fuori di ogni logica ed è l’apoteosi dell’anticalcio. Infatti i tre, che presi uno per uno e messi in una squadra decente magari a fianco e a protezione di qualcuno dai piedi buoni, potrebbero esser pure degli onesti mestieranti del pallone, tutti insieme non fanno la classe di un Padoin e ho detto tutto. Che poi su questo centrocampo di mazzulatori vorrei spendere ancora due parole. Uno: pagare Kondogbia che seppure pare avere qualcosa rimane un mediano, quanto noi abbiamo pagato Dybala è proprio da Inter. Due: al tanto chiacchierato e chiacchierone Melo ieri non abbiamo consentito di fare neppure quello che gli riesce meglio, ovvero il picchiatore pazzo. Rocchi è stato sì molto permissivo (tantissmi falli negati alla Juventus su Dybala al limite dell’area) ma alla fine la differenza fra le due squadre è stata abbastanza netta. Addirittura Allegri si è preso il lusso di dare un turno di riposo a Cuadrado.

Una Juventus non proprio irsistibile ma…

Per concludere devo dire che la Juventus non è che abbia disputato una delle sue più belle partite, ma è bastato che alcuni dei suoi giocatori, Buffon, Lichtsteiner, Alex Sandro Mandzukic e soprattutto Bonucci, fossero sugli scudi per stendere questa Inter i cui nodi sono venuti finalmente al pettine. La verità è che si sono trovati in testa alla classifica più per demeriti degli altri (brutte partenze di Juve, Napoli e Roma) che per grossi meriti propri. E’ vero che c’è sempre un antico dilemma che è quello se sia poi meglio giocare bene e perdere piuttosto che giocare male e vincere, tuttavia se le due cose non si possono avere entrambe subito va da sé che il giocare male prima o dopo non porta frutti e così è stato. Se in più ci mettiamo che la squadra vincente in genere ha un gioco ben definito e una sua identità e questi non ce l’hanno proprio, tutto torna.

Ops… scusate mi sono dilungato a parlare di Inter. Chiedo perdono non capiterà più. In ogni caso è sempre un piacere farvi barba e capelli.

3 commenti

  1. ciao ragazzi bonucci ieri direi assolutamente migliore in campo poi gli altri che ho citato. su kondogbia direi che non si paga 40 milioni un mediano neppure fosse gattuso o deschamps o davids. non mi pare che il francese abbia propensione al gol è sicuramente un buon giocatore con un ampia prospettiva se giocasse in un contesto migliore di quello ma resta un mediano.

  2. Direi che le ultime partite giocate (e vinte!) bene o male con la grandi del campionato sono più o meno tutte uguali, giochiamo così così, ma annulliamo l’avversario riducendolo a qualche sporadico tiro in porta e alla fine riusciamo a portarla a casa con una giocata o simile (vedi gli 1-0 contro Milan, Roma, Napoli, ora 2-0 con l’Inter, il 2-0 con la lazio a roma).
    Non è esaltante il gioco, ma è esaltante la capacità di distruggere le armi offensive dell’avversario e di gestire le partite, anche le più difficili. Noi ci teniamo stretto tutto quanto, sinceramente io di vincere (non so voi) ma non mi stufo mai e, col bel gioco o senza, noi si vince spesso e tutto ciò è comunque esaltante.
    Su Kondogbia Magno secondo me ti sbagli, questo è un ’93 che, sia a Siviglia che a Monaco, sia in campionato che in Europa, faceva le onde a centrocampo. Non facciamoci abbagliare dalla solita inter che riesce a fare sembrare brocchi anche i più bravi, son d’accordo che 40 milioni sono tantissimi, ma se lo usi nella giusta maniera questo è uno bravo veramente, con fisico, piede e anche tiro da fuori. Ovvio che vicino a Medel e Melo (loro sì veramente scandalosi) non può fare nient’altro che guardare gli altri giocare (vedi anche Icardi, che è buono anch’esso, ieri sembrava una comparsa, dato che di palle buone forse glien’hanno data sì e no una…). Non farti fregare dai 40 milioni che gli han dato solo perchè lo voleva anche il Milan, sono esagerati perchè a milano non sono capaci di fare una trattativa come si deve e si fan la guerra annientandosi tra di loro, ma come valore il ragazzo c’è eccome.
    Pensa che da noi stiamo recuperando ai suoi livelli pure Hernanes e forse forse riusciamo a cambiargli pure il ruolo…….questo per dirti che il contesto molto spesso fa’ tutta la differenza del mondo anche per i migliori.

    Proviamo a continuare così cercando di non soccombere ai troppissimi infortuni.

  3. Ciao Magno. Ottimo articolo come sempre. Pensa che x quella penosa trasmissione che è diventata la Domenica Sportiva hanno definito il clamoroso errore di D’Ambrosio che passa la palla a Bonucci x il prino gol cone uno “sfortunato” colpo di testa e l’hanno dettovdue volte: non ci volevo credere. Cercano di giustificarli in ogni modo non capendo che è proprio qui la differenza con la Juve. Da noi un errore é errore e basta e si cerca di non farlo più. Per loro sono alibi x i non risultati. Pensa se il Bayern avesse affrontato l’ Inter di ieri sera: li avrebbero disintegrati. Infine un elogio particolare a Bonucci: un grande, un vero guerriero. Aveva detto che bisognava affosssare l’Inter e l’ha fatto in prima persona: grandissimo!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi