Juventus 2 - Catenacciari piagnucolosi 1 | JMania

Juventus 2 – Catenacciari piagnucolosi 1

Juventus 2 – Catenacciari piagnucolosi 1

Alcune considerazioni a freddo su Juventus-Milan, anticipo della 28.a giornata di Serie A che continua ancora a generare polemiche

Confesso che mi sono rotto di scrivere di questi malati di mente degli antijuventini. Tutti bravi a lamentarsi anche a torto quando gli danno cose contro, tutti molto bravi a minimizzare quando le cose sono a favore. I Milanisti come una qualsiasi squadra di terza categoria pare abbiano distrutto gli spogliatoi dello Stadium, e mi scuso con i giocatori delle squadre di terza categoria. Non mi pare noi all’andata abbiamo fatto altrettanto pur avendo perso una partita, quella sì per un vero torto. Spero la Juventus mandi il conto al Milan o che il Milan si offra di pagarlo se hanno ancora un minimo di decenza. Oggi i tifosi del Napoli ci hanno messo uno striscione a scherno dei nostri rigori e ne hanno avuti due, entrambi inventati, a favore. Sarri e De Laurentis han sorvolato, Nicola poveraccio penultimo in classifica ha dato una lezione di stile a tutti quanti a 90esimo minuto. Ed è curioso se non emblematico che abbia più stile l’allenatore del Crotone di tutti gli altri. Siamo veramente alla frutta. Top per distacco Pioli dopo una partita vinta 7-1 sbloccata fra l’altro da un rigore simile a quello dato alla Juve dichiara : ”In italia si ha la cattiva abitudine di parlare degli arbitri”. Intanto direi che dopo un 7-1 a favore sanno fare gli stilosi tutti e poi invece del ”si ha” almeno dire un ”abbiamo” visto il casino fatto dopo Juventus-Inter mi sembrava proprio il minimo. Il calcio italiano è morto. E’ morto da tempo. Dovremmo andarcene a giocare in un altro campionato. Un campionato tipo Premier League. Ne abbiamo mezzi tecnici ed economici. Questi senza di noi diventano un campionato tipo la Bielorussia e nel giro di tre anni al massimo dichiarano bancarotta. Pensiamoci. Liberarci per sempre da questi malati di mente.

Venendo alla partita, la Juventus ha strameritato di vincere. Se ci fosse stato un arbitro piu’ corretto avrebbe dato i due rigori prima su Dybala e per fallo di Bacca, e probabilmente avrebbe espulso Pasalic almeno due volte graziato da un secondo giallo e poi opportunamente sostituito da Montella. Se ci fosse stata la tanto decantata Var il gol di Bacca sarebbe stato annullato in quanto fuorigioco di 20 cm. La macchina poi non fa sconti se sono 1 o sono 20, sempre fuorigioco è, e quindi sarebbe stato annullato. Aldilà di tutto questo la Juventus ha preso un palo e una traversa. Non so chi era e non mi interessa neppure saperlo ma uno del Milan ha salvato una palla che stava entrando quasi sulla linea di porta e Donnarumma ha fatto almeno 5-6 interventi prodigiosi. Il Milan ha fatto schifissimo. Ripeto schifissimo, perché solo schifo sarebbe riduttivo. Ha creato nel nostro stadio meno del Crotone e del Palermo. Hanno giocato tutti nella loro metà campo in stile catenaccio di Nereo Rocco e Montella mi chiedo se fosse sobrio quando nelle interviste ha detto che alla fine pensava di poterla vincere. Non so su quale canale ha visto la partita ma non hanno proprio mai dato l’impressione di poterla vincere, anzi si è avuta la sensazione che potessero capitolare da un momento all’altro. Tutto il Milan è stato due ripartenze di cui una il gol, come si è detto, e un tiro che Buffon ha deviato in angolo. Tutto qui il Milan che si è arrabbiato fino a farsi scoppiare il fegato per un misero punticino che stava strappando via sudando sette camicie. Sono stati presi a pallonate dal primo all’ultimo minuto. Chi non dice questo mente sapendo di mentire.

LEGGI ANCHE  Juventus-Milan, Dybala: "Si lamentano da sei anni"

La Juventus mi è piaciuta molto. Anche se non avesse vinto ne ho apprezzato trame e soluzioni offensive. Nonostante alcune assenze pesanti: Chiellini, Cuadrado e Mandzukic. Se non fosse stato per Donnarumma, in grande spolvero, il risultato giusto sarebbe stato 3-4 a zero. Poi si c’è stata un poco di imprecisione e fretta sotto porta, soprattutto da parte di Pjaca che è giovane e si farà. Uno sbandamento di Barzagli che invece è anziano e va perdonato. Ma aldilà di queste due cose, solo tanta Juventus, che anche con un 1 a 1 avrebbe senza sé e senza ma, meritato la vittoria. Tutto il resto sono chiacchiere da Bar.

5 commenti

  1. Io l’ho recentemente scritto, ANDIAMOCENE IN UN ALTRO CAMPIONATO!!!! Lasciamo che i perdenti affoghino nel loro delirio. Togliamogli l’alibi del loro fegato marcio anche se resterete sempre e solo PERDENTI

  2. Capitan Sparrow

    Concordo con quanto scritto da A.M. e da chi ha commentato finora; pensate che meragiflia giocare all’Emirates o a Samford Bridge. Una convenzione con una linea aerea e via,,,,
    Venebdo alla partita, ho visto una bella Juve (nelle partite precedenti sembrava un pò in debito di ossigeno); soprattutto ho visto un grande Dybala: ha trascinato la squadra per tutta a partita, ha calciato un rigore in condizioni molto difficili con una sicurezza e una maturità incredibile ma soprattutto ha risposto alle contestazioni dimostrando quanto sia carente la società.

  3. Ormai siamo alla frutta, per non dire al delirio totale. Si nega perfino l’evidenza e di questo passo non so dove andremo a finire. Io ero a Udine e lì devo dire che se avesse vinto l’Udinese non ci sarebbe stato nulla da dire, anche se c’era un rigore per la Juve. Giustamente Allegri ha detto punto guadagnato, ma senza polemizzare sull’arbitro.
    Ma venerdì sera con il Milano dovevamo vincere 4-0 e questi hanno pure il coraggio di lamentarsi (23 tiri contro 2) con un gol in fuorigioco e un rigore nettissimo su Dybala nel primo tempo e sfasciano pure lo spogliatorio come dei teppisti.Montella che dice che i punti persi a Torino possono compromettere l’Europa League: e i tre punti presi a Milano annullando il gol regolare di Pjanic?
    Sono tutti ipocriti che parlano solo quando le cose sono a loro sfavore mentre quando hanno episodi a favore allora sono tutti muti.
    Come ha detto Dybala voglio vedere chi parlerà del rigore di Zapata. Infatti citano solo il rigore al 94′ omettendo tutto il resto o minimizzandolo. Quanto casino ha fatto Galliani per il presunto fuorigioco di Tevez di qualche anno fa…
    Vogliamo poi parlare del rigore che c’era per l’Atalanta prima della goleada dell’Inda? Ho visto i gol dell’Inda e praticamente appena gli interisti entravano in area segnavano in totale libertà. Ma ieri l’Atalanta non si è scansata, vero? Super Inter titolano i giornali oggi.
    In Italia, nel calcio, la sportività è diventata un optional ormai da molti anni e purtroppo la nostra società non dicendo nulla fa il gioco di tutti questi piagnoni.
    Ecco se c’è una colpa della Juve è che come società non risponde a tutte le insinuazioni degli antijuventini che arrivano dappertutto e stanno creando un clima pericoloso.
    Sarebbe bello cambiare campionato ma purtroppo lo ritengo un’utopia.
    L’unica speranza è che creino questa Superlega Europea in modo da giocare di più con squadre straniere e meno in Italia.

  4. Jusep concordo appieno. Via dall’Italia. La vergogna è non accettare la superiorità della Juve in tutto. In Italia le eccellenze si combattono non si apprezzano.QUESTA é VERGOGNA…perchè i grandi gruppi industriali e non scappano via..i talenti di qualsiasi settore..non vale la meritocrazia…ma la politica del fango….Agnelli per favore portaci via dall’Italia…ci pregheranno di tornare.Forza JUVEEE

  5. ma magari si potesse cambiare campionato!!! ma pure la Ligue 1 …
    Ormai ho perso le speranze, addirittura l’unico giornalista lucido rimasto è Sconcerti, e nessuno che invece chieda conto a Montella della penosa prestazione dei suoi.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi