Juve ultime calciomercato: tra Higuain e Jovetic spunta Negredo | JMania

Juve ultime calciomercato: tra Higuain e Jovetic spunta Negredo

Juve ultime calciomercato: tra Higuain e Jovetic spunta Negredo

La ‘Gazzetta dello Sport’ di oggi fa il punto sugli attaccanti seguiti dalla Juve. Mentre Gonzalo Higuain si dice stuzzicato dalla possibilità di giocare con Fernando Llorente, e la Fiorentina conferma di non voler cedere Stevan Jovetic per meno di 30 milioni di euro, il club bianconero avrebbe pronto un piano B che porta ad …

FBL-ESP-CUP-SEVILLA-ZARAGOZALa ‘Gazzetta dello Sport’ di oggi fa il punto sugli attaccanti seguiti dalla Juve. Mentre Gonzalo Higuain si dice stuzzicato dalla possibilità di giocare con Fernando Llorente, e la Fiorentina conferma di non voler cedere Stevan Jovetic per meno di 30 milioni di euro, il club bianconero avrebbe pronto un piano B che porta ad Alvaro Negredo, 28enne centravanti del Siviglia, che vanta anche 14 presenze e 6 reti con la maglia della nazionale spagnola. Nell’ultimo turno di campionato, Negredo ha messo a segno un poker che ha condannato il Valencia all’Europa League, facendo crescere le attenzioni nei suoi confronti. Secondo il quotidiano sportivo milanese, la Juve avrebbe già avuto dei contatti con l’entourage del giocatore: possibile che l’attacca della Vecchia Signora il prossimo anno parli solo spagnolo?

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=bVrYvg2CGkw[/youtube]

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

26 commenti

  1. @Ionemax….non si puo’ dire che abbiamo una grande dirigenza…. quindi quell’articolo sicuramente e’ pieno di errori macroscopici e soprattutto l’autore e’ amico del famigerato Marotta….. 🙂 ….. forza juve

  2. Che Marotta sia un poco “limitato” è facile da capire quando prese a suon di milioni Quagliarella dal Napoli: DeLa prese a molto meno Cavani dal Palermo. Tutti sapevamo che “el matador” era una punta molto forte, ma il duo Marotta-Del Neri gli preferì il Quaglia. Pensate davvero che un DG con i cosiddetti non avrebbe aperto gli occhi a Del Neri? Moggi ne sapeva di calcio perchè seguiva i giovani sin dagli anni ’60 ed aveva una grande capacità di mediazione. Molti dimenticano ciò che Moggi fece a Napol (scudetto e Coppa UEFA), la rifondazione a zero soldi del Torino … Marotta è semplicemente “limitato”! Si bea del suo perbenismo e si concede volentieri alle telecamere mentre gli affari latitano e sono gli altri a farli. Salut

  3. bello l’articolo; ma allora abbiamo una grande dirigenza?

  4. @koko:
    articolo illuminante, ti ringrazio, l’altra volta avevo iniziato a leggerlo ma non l’avevo concluso… in teoria quindi lo spazio di manovra per un acquisto da Juve ci sarebbe eccome, anche senza necessariamente vendere uno dei nostri pezzi da 90!

  5. @Manuel…..non ho niente di personale contro di te, anzi rispetto il tuo pensiero anche se non lo condivido….d’altronde siamo qui’ per condividere la nostra passione per il calcio, senza ossessioni e integralismi…..come diceva un mio idolo bianconero, “niente e’ importante nel calcio”…… un abbraccio a te e sempre forza juve

  6. Mi intristisce sentire che qualcuno considera il servo del nano come “il miglior dirigente calcistico italiano”…..allora vi meritate tutto questo schifo di calcio che c’e’ in italia, pieno di gente corrotta e disonesta……. Moggi e’ un vero DS, il nano e’ solo un mafioso del calcio, che di calcio non ne capisce un bel nulla…..forza juve

  7. Certamente,oggi il migliore dirigente calcistico è Galliani,ieri era Moggi,l’altro ieri era Allodi;ora abbiamo un gran signore,che ha vinto due scudetti in tre anni,e che è il volto migliore che la Juve poteva presentare dopo quello che le è,ingiustamente,stato contestato.A me sta bene cosi!I signori prima o poi escono fuori.

  8. Che a comandare sia JE non ci sono dubbi..
    mi ripeto:
    Marotta non è stato finora all’ altezza del blasone Juve.
    Vidal è stato comprato perchè Inler è andato a Napoli.Ho letto un articolo ,l’ho anche postato e lo rifaccio molto illuminante
    http://www.juventibus.com/articoli.php?articolo=Dicesi_potenza_di_fuoco

    il problema di Marotta è il non riuscire
    a trattare Un Balotellli a 20mln pagabili in 4 anni..
    anche perchè all’ estero la comproprietà non esiste.Un esempio: la viola per JoJO vuole 30mln cash.. bene se trovano un .irla che glieli da bene.Io ti faccio un offerta, non l’accetti ok a presto..ma non tornare chiedendo se Jojo interessa ancora.. perchè poi la mia offerta cala.. intanto fomento il malcontento del giocatore..lo Ripeto quando vedrò Marotta tenere un giocatore giorni in albergo ad aspettare un possibile acquisto
    (Maxi Lopez in albergo ad aspettare Galliani) allora cambierò parere su di lui

  9. @frano fiumicino

    Oh Dio, ma leggi ciò che scriviamo?
    Ma chi ha mai chiesto di spendere 30 milioni cash per Jovetic? Se le condizioni sono quelle, che se lo tengano i Della Valle (i quali, senza quei soldi non potranno manco fare mercato).

    Io mi sono stufato di vedere/sentire Marotta tutti i giorni spararne una nuova davanti ai giornalisti. Meno chiacchiere e più fatti!

    Vorrei che Conte avesse la rosa al completo o quasi per l’inizio di luglio e poter fare la preparazione, invece di fargli arrivare il Bendtner di turno il 31 agosto, ingrassato e fuori allenamento in quanto fuori rosa da mesi all’Arsenal, che per recuperarlo poi ci vuole un anno intero, e scopri che è una pippa lo stesso.

    Vorrei che interrompesse i rapporti coi soliti procuratori Bozzo e Tinti, che gli rifilano le loro pippe invereconde, vorrei che interrompesse i rapporti coi club italiani che ogni volta ci dissanguano (Atalanta Udinese Bologna Catania Samp), vorrei che desse un ultimatum a codesti club che hanno nostri giocatori in prestito (o li comprano o CE LI RESTITUISCONO).

    Siamo la Juve, dobbiamo comandare noi, quelle società sopravvivono vendendo ogni anno, abbiamo noi il coltello dalla aprte del manico, le alternative non mancano di certo.

    Infine vorrei che guardasse un pò di più in Europa e meno in Italia, perchè se Astori e Ogbonna valgono 15 milioni, all’estero con 5 milioni trovi tranquillamente gente alla loro altezza.

    Se i soldi non ci sono, è inutile sparar cazzate davanti alle telecamere ogni giorno, per poi coprirsi di ridicolo come negli ultimi 3 anni (nei quali son stati spesi 200 milioni, e non sempre son stati spesi bene).

    Non hai i soldi per Van Persie? Ok, allora non perdere tempo a fare 10 viaggi a Londra, non pagargli il viaggio per venire qui, non sprecare un mese di mercato per una trattativa che non andrà mai in porto. Lascia perdere e punta su qualcun altro, ad esempio Reus (oggi no, oggi costerebbe una fortuna)

  10. frano fiumicino

    @ edo e tutti gli altri contro MAROTTA
    non esalto l’operato di Marotta, ma sono conscio che non si può avere tutto quello che si vuole.
    EL CANE dice ce si deve comprare senza parlare, però non scuce un euro….i soldi dicono di non averli, però si deve copiare il BAYERN, il quale compra in contanti pagando la clausola per intero.
    Se Marotta non è capace come voi dite, perchè il buon padrone della società non stacca un assegno di trenta milioni e prende JOVETIC, come dice di fare?
    Evidentemente ci sono ragioni che a me sfuggono e probabilmente negano a MAROTTA di agire come Voi desiderate.
    Certo ai tempi della triade avevamo un altro credito, che però era dovuto al nome dei veri AGNELLI, Gianni ed Umberto.
    Oggi Andrea deve dipendere da ELCANE, riflettete………..

  11. Qualcuno si dimentica che i 200 milioni sono serviti per cambiare un intera rosa di giocatori (sono rimasti i soli Buffon, Chiellini e Marchisio rispetto)… scusate, nel frattempo si son vinti 2 scudetti.. Andrea Agnelli ha già rinnovato il contratto di DG a Marotta… Amen!!

  12. @Manuel , @lucio5325 :

    quanto avete scritto qui sopra sarebbe da stampare in grande e appendere di fronte alla sede bianconera!

    Stò applaudendo davanti al PC 😀

  13. @lucio5325

    Grazie, la tua aggiunta è preziosa.

  14. @manuel,
    ottima e condivisibile analisi. A proposito della filastrocca “Pirlo-Barzagli-Vidal-Pogba” …ci sarebbe da aggiungere qualcosina. Pirlo era stato estromesso di fatto dalla rosa del Milan ed è stato un giochino (ma l’ha fatto lui???) tesserarlo. Più o meno stessa sorte era toccata a Barzagli. Pogba è stato proposto ( …o imposto) da quel volpone di Raiola. Forse Vidal è stata l’unica vera sorpresa positiva attribuibile al nostro Beppe. Detto questo, ogni insofferenza verso il nostro DS è destinata scomparire nel nulla, fintanto che questo personaggio (diciamocelo, da squadra di seconda fascia…)godrà della illimitata fiducia del nostro presidente. Probabilomente, capendoci poco Agnelli di calcio e calciomercato, si è rimesso completamente nelle mani (e nei piedi..) di Marotta, che sembrerebbe difenderlo anche contro i malesseri di Conte. Un ultima parola ai nostri amici juventini che difendono a spada tratta l’operato del nostro Beppe: Con 200 milioni spesi in due anni qualcuno è convinto che forse si poteva pretendere qualcosina di più in termini di acquisti? E badate bene che mi riferisco ad acquisti di valore internazionali. Per Il campionato italiano vanno bene anche i Peluso, i Padoin, Isla, e aggiungerei anche i Bendtner e gli Anelka da tenersi in panchina

  15. @magic!!!! è una battaglia contro di me??? 🙂

    Per alcuni la fiera dei sogni, per me la fiera del nulla, delle cazzate ancora più in libertà del solito.

    I giornali ci ammalieranno con nomi mirabolanti, quando la realtà racconta invece una storia tutta diversa. Il calcio italiano è periferia d’Europa, non ha soldi da spendere né altri benefits da garantire (non so: istituzioni efficienti, ambiente educato, stadi sicuri, informazione seria e indipendente).

    Ma il circo dei sogni non si cura di questi dettagli e la giostra dell’inganno girerà ancora nello stesso verso di sempre.
    Il mercato della Juventus seguirà il medesimo canovaccio degli ultimi tre anni. Marotta ha già parlato, rispolverando credo la stessa intervista del 2010, o del 2011, o del 2012. Parla a ruota libera Marotta, è la pacchia dei giornalisti. Loro chiedono e lui risponde, spiattella nomi, cifre, ipotesi, prospettive. Ragiona di calciomercato come me al bar in pausa pranzo, senza filtro.

    Aggiungeremo qualità, sfrutteremo le opportunità, seguiamo certi profili, doti tecniche ma soprattutto morali, questo è difficile, quell’altro è più semplice. Terribile e sconfortante.

    Non tollero più il suo tono di voce, il suo faccione bonario, la sua retorica da curato di campagna. Perché li associo ai Dzeko, agli Agüero, ai Van Persie, a tre anni di presunti colpi sbandierati e puntualmente falliti. Ai Beppe Bozzo e ai Tullio Tinti, interlocutori privilegiati. Alle solite botteghe italiane da arricchire a peso d’oro che già si staranno sfregando le mani, Udinese su tutte.

    Non tollero che un’altra sessione di mercato sia gestita da lui, perché so come sono finite quelle precedenti. Non capisco perché dovrei credere che quest’anno arriveranno quei colpi in attacco promessi ogni volta in passato e mai mantenuti, perché mi dovrei fidare di chi risponde alle domande in maniera assertiva invece che negare tutto come dovrebbe fare un bravo operatore di mercato.

    Leggo nomi che verranno depennati nel giro di qualche settimana, poi ne seguiranno altri che avranno la medesima sorte, poi si inizierà a parlare del “tesoretto”. Altra parola che mi fa venire il voltastomaco.

    Giocatori che venderemo a destra e a sinistra, soldi sicuri in arrivo che poi invece diventeranno prestiti, o svendite o giocatori messi fuori rosa perché invendibili. Nel frattempo avremo speso quei pochi soldi disponibili in acquisti di complemento, perché bisogna “rinforzare la rosa”, e nell’ultimo mese andremo alla disperata ricerca di elemosina sotto forma di esuberi altrui da raccattare in prestito con diritto di riscatto.

    E a Conte, se nel frattempo non si sarà rotto le scatole e avrà salutato la compagnia, verrà chiesto l’ennesimo miracolo: vincere ancora coi Matri, coi Quagliarella, con i Giovinco, con gli Isla e gli Asamoah. E con il Bendtner di turno arrivato dopo chissà quali peripezie nei dintorni del 31 agosto.

    Sì, non ho fiducia. I grandi attaccanti sarebbero potuti arrivare in questi tre anni nei quali sono stati investiti complessivamente 200 milioni in nuovi acquisti, e non sono mai arrivati. Nulla mi porta a immaginare che arrivino adesso, con la prospettiva di ulteriori ristrettezze economiche, con una proprietà che ha chiesto “risultati finanziari dopo quelli sportivi”, ma soprattutto con le mani sul timone operativo di Corso Galileo Ferraris che sono rimaste le stesse.

    Un po’ ci avevo sperato nei giorni scorsi, speravo in un cambio di rotta, in un ridimensionamento del ruolo di Marotta che invece non c’è stato. Ci sono state invece due interviste a Sky, quella di Agnelli lunedì e quella di Marotta ieri. Due interviste rivelatrici.

    In una settimana tutti i tasselli sono tornati ai loro posti e il puzzle che ne è venuto fuori lo conoscevo già. La giostra ricomincia a girare, i nomi sono altisonanti come il copione iniziale impone. Per quelli di secondo, terzo e quarto piano c’è tempo.

    P.S.: All’obiezione che recita la filastrocca “Pirlo-Barzagli-Vidal-Pogba” la risposta è sempre la stessa: non basta. O meglio: non basta più. Senza campioni negli ultimi trenta metri i miracoli di Conte finiranno presto.

  16. @Manuel…..Il tuo parallelo Giovinco/marotta non sta in piedi ….. i fatti ti danno torto….Marotta ha portato giocatori fondamentali per i successi della juve….I nomi te li ho gia’ citati…. i campionati li’ vincono i giocatori, senza pirlo barzagli Vidal Marchisio Asamoah Chiellini Buffon ecc…puoi avere il miglior tecnico del mondo, con le idee piu’ strabilianti, ma non vinci, anche se si chiama Antonio Conte… poi, come dici tu, ognuno puo’ dire cio’ che gli pare, l’importante e’ continuare a vincere…..:-)….forza juve

  17. @magic66

    Ciao carissimo,

    Ti dirò non ho antipatie “personal” , non conosco Marotta magari umanamente è più simpatico di tutti.

    Se parto dal tuo ragionamento e non dal mio è come dire che Giovinco è un campione.

    Mi spiego, non conta che a partita sbagli 10 goal fatti conta quello che segna,. e visto che nella Juve c’era anche Giovinco e la juve ha vinto Giovinco è un campione.

    x non è uguale a y. Giovinco è un buon giocatore ma non da Juve, Marotta è un buon dirigente ma non da Juve. Punto.

    L’unica strada è come disse Conte qualche tempo fa, inventarsi qualcosa. Peccato che a dover ingegnarsi è il bonario Marotta, che di certo non è uno squalo alla Moggi o Galliani e che a mio avviso è privo di quella sana “figliodiputtanaggine” necessaria per poter portare a termine trattative di mercato che riguardano giocatori affermati.

    è la mia opinione, molti la pensano come me, senza antipatie ne partito preso.

    Se vogliamo “alzare l’asticella” come dice Andrea dobbiamo cominciare cambiando Dg.

    🙂 Nel rispetto e nell educazione si può dire tutto tanto poi sai…. sono solo parole 😉

  18. @Manuel……”Non voglio qui rivangare gli autentici disastri commessi da Marotta nel suo primo anno di Juve”….pero’ continui a farlo, e a me sta bene, cio’ che non va’ e’ la tua mancanza di obiettivita’, dato che se parli dei fallimenti di Marotta (direi Martinez, quello piu’ eclatante), non vedo perche’ non dovresti parlare anche dei suoi successi, (sottolineati pure da Andrea non molto tempo fa’)…..mi sembra che anche Marotta abbia diritto ad essere giudicato per quello che di concreto ha fatto e non in base a “simpatie o antipatie personali”….. Quindi Marotta finora ha fatto un ottimo lavoro, e non lo dico solo io, ma pure il nostro presidente, gli addetti ai lavori, e pure qualche tifoso juventino, molto attento alle cose juventine, come Antonio Corsa…..se poi tu mi vuoi far credere che il campionato l’ha vinto Conte da solo, e non i vari “fallimenti” di Marotta, tipo Barzagli, Vidal, Pirlo, Vucinic, Asamoah, lichsteiner ecc…allora il nostro discorso si ferma qui’, siamo in un campo che appartiene piu’ alla superstizione che alla realta’…..un saluto a te e sempre forza juve

  19. a parte l’incapacità di mercato abbastanza evidente che da sola già basterebbe ad un suo accantonamento, la cosa più sconcertante di marotta è l’incapacità nel gestire la società durante tutto l’arco dell’anno …

  20. @franco fiumicino:

    vorrei sapere chi paga te per esaltare l’operato di Marotta che è sotto l’occhio di tutti.

    Io, se proprio vuoi saperlo, ero abituato a un certo Luciano Moggi.
    Uno che, quando la stampa o i rosiconi di turno (Sensi, Moratti, Zeman, Simoni) spalavano merda sulla Juve, andava in TV e li faceva neri, coprendoli di quel ridicolo di cui si son sempre distinti in Italia.
    Uno che chiudeva sempre il bilancio in attivo, giacchè era una volpe sia nel comprare, ma soprattutto nel vendere.
    Uno che ha venduto Zidane, il calciatore più forte del mondo, alla cifra più alta mai pagata fino ad allora, e con quei soldi ha rifondato la squadra.
    Uno che stava per portare CR7 giovanissimo nel 2003 alla Juve.
    Uno che ha fatto sì che l’acquisto di Nedved comparisse sui giornali per la prima volta solo DOPO aver concluso con successo la trattativa.
    Uno che si faceva pregare per rilasciare una dichiarazione alla stampa, invece che fare il contrario.
    Uno che non spiattellava ogni giorno davanti alle telecamere le strategie di mercato.
    Uno che intratteneva i rapporti con le altre società, invece che coi procuratori dei calciatori all’insaputa delle società.
    Uno che non aveva bisogno di mettere zizzania tra calciatori e società di appartenenza.
    Uno che quando ha acquistato Vieri e Inzaghi dall’Atalanta, sapeva che con l’Atalanta poteva tirare sul prezzo, ma quando ha preso Buffon e Thuram sapeva bene che il prezzo era quello e l’avrebbe dovuto accettare.

    Che Marotta sia meglio di Secco e Blanc non lo nega nessuno, ma quanti ce ne sono migliori di lui in Italia?

    Similmente, l’anno scorso avevamo commentato “piuttosto che prendere Bendtner, tanto valeva tenerci Borriello”. Ma io ho aggiunto “sì ma quanti ce n’erano meglio di Borriello?”

  21. dnabianconero

    @ frano fiumicino
    il solito patetico e avvilente.
    se non sbaglio ti ho già risposto in un altro post alla stessa maniera…
    (chiedo la supervisione dell’amministratore: ognuno è libero di esprimere quello che sente, ma non di giudicare volgarmente!!!)

    Quanto al fattore tecnico..la risposta te l’ha data MANUEL

  22. @franco fiumicino

    Nessuno che si definisca Juventino vorrebbe mai più una dirigenza simile a quella post calciopoli,.

    detto questo bisogna considerare anche obiettivamente l’operato di Marotta.

    Ora, per non insultare l’intelligenza di nessuno ripettando le opinioni di tutti bisogna considerare l’evolversi dei FATTI post farsopoli:

    Dopo molti anni la Juve si è ridata delle basi solide ed ha ricostruito una discreta squadra in grado di spadroneggiare in Italia, in un calcio che, con l’eclisse della Juve di Moggi, si è ritrovato per incanto molti livelli più in basso, trasformato da ristorante di lusso in pizzeria, tanto per usare le parole di zio Fester.
    Il cambio di passo per tornare ai vertici nazionali lo ha impresso Conte che, con il lavoro sul campo e con la moral suasion nei confronti della società, ha determinato il decisivo cambio di rotta. L’unico soggetto col quale non sembra essere entrato in sintonia è Marotta, personaggio la cui flemma e il cui fare approssimativo e dilettantistico evidentemente determina in Conte dei disturbi digestivi.

    Non voglio qui rivangare gli autentici disastri commessi da Marotta nel suo primo anno di Juve, dall’ingaggio di Del Neri, alla trattativa per Cassano, all’acquisto di una sfraccata di brocchi. Ciò che appare evidente è che questo personaggio non abbia il passo, la personalità, la grinta per fare il dirigente della Juve, tanto per la sua incapacità di tutelare la squadra nelle polemiche e negli attacchi quotidiani, quanto nella sua incapacità di gestire con un minimo di sagacia la campagna acquisti

    Tanto Marotta latita quando dovrebbe intervenire (ad esempio non abbiamo sentito nulla in merito al servizio sull’Epo della televisione olandese), tanto è stupidamente garrulo nel propagandare ai quattro venti le intenzioni di mercato della Juve, intenzioni che, una volta rivelate ai quattro venti, diventano quasi sempre irrealizzabili. E’ possibile che non sia reperibile sul mercato un dirigente più capace e più sveglio?

  23. frano fiumicino

    @ dnabianconero, @ edo
    mi piacerebbe sapere chi vi paga per scrivere sempre infamie contro MAROTTA.
    Eravate abituati a COBOLLO$GIGLIO insieme a SECCO e BLANC………ma che c…o pretendete? BASTA

  24. dnabianconero

    ecco qua ci risiamo…
    quoto Edo
    partiamo a razzo e finiamo a ca..o!!!!
    Andremo a mendicare in mezza europa e poi per giustificare la mediocrità diremo che abbiamo inserito un giovane (magari anche in comproprietà!!!).

    Ma dai…

    Marotta è l’anello debole!

    Ogni anno è la solita solfa: “vorrei, ma non so” – “mi piacerebbe, ma come si fa?” – “ho paura e allora mi rivolgo all’udinese, alla sampdoria e al catania”

  25. Stiamo volando ancora troppo alti… a luglio pregheremo per avere la metà di Belfodil… e ad agosto mendicheremo per mezza Europa in cerca di un fuori rosa qualunque, il Bendtner della situazione… gli anni passano, i giocatori passano, MA MAROTTA RESTA SEMPRE !!!

  26. già ho perplessità sull’ambientamento di uno spagnolo (visti i precedenti storici), figuriamoci di 2…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi