Juve, parlano i legali di Conte | JMania

Juve, parlano i legali di Conte

Juve, parlano i legali di Conte

Contrariamente a quanto invece propagandato a chiare lettere sul corriere dello sport stamani, La Stampa (tramite MASSIMILIANO NEROZZI) riferisce invece di ben altre situazioni in seno alla dinamica difensiva degli avvocati di Antonio Conte. Preparare la Supercoppa con il Napoli in menù a Pechino, è un manuale che la Juve sta rispettando: ieri, con una …

Contrariamente a quanto invece propagandato a chiare lettere sul corriere dello sport stamani, La Stampa (tramite MASSIMILIANO NEROZZI) riferisce invece di ben altre situazioni in seno alla dinamica difensiva degli avvocati di Antonio Conte. Preparare la Supercoppa con il Napoli in menù a Pechino, è un manuale che la Juve sta rispettando: ieri, con una lettera al Presidente Agnelli, Cristian Stellini ha rassegnato le proprie dimissioni, dopo aver trascorso due stagioni da fidato collaboratore di Antonio Conte e, prima ancora, essergli stato accanto come calciatore a Bari. Fatale, dopo qualche giorno di riflessione, s’è rivelata la condanna nel processo sul calcioscommesse, con il patteggiamento a due anni e mezzo di squalifica. «Qualunque sia l’evoluzione delle vicende giudiziarie che mi coinvolgono ha spiegato Stellini – penso che sia doveroso da parte mia dimostrare serietà e sollevare l’ambiente della Juventus da un peso, cadutole sulle spalle, per fatti risalenti nel tempo ad altre stagioni della mia carriera, quando militavo in altre società». Agnelli, di fronte a una decisione che appare «irrevocabile», ha apprezzato il gesto, umano in primis: «Stellini, così come durante tutta la sua esperienza juventina, dimostra grande senso di responsabilità e rispetto per i colori bianconeri in un frangente così difficile della sua vita».
Appena appiccicate sul sito del club le due lettere, è tornata al centro del dibattito anche la posizione di Antonio Conte, in serata amplificata da Sky: i legali bianconeri non difenderanno più il tecnico. Poco dopo, ecco le nota della società bianconera: notizia «destituita di ogni fondamento. Eventuali integrazioni a tale collegio saranno valutate solamente laddove, malauguratamente, il caso le renda necessario». Comunicazione rinforzata dall’intervento sul satellite dell’avvocato Michele Briamonte, membro del cda juventino e consulente legale del club: «Il collegio difensivo è unito e ogni decisione dipenderà da Conte». Per tutta la vicenda, sarebbero utili alcune not. Di certo, restano le parole di Agnelli, «nessuno sarà lasciato solo», suggellate il giorno seguente da John Elkann, presidente di Exor, azionista di maggioranza e di riferimento del club: fiducia piena ed incondizionata in Antonio Conte. Inoltre è chiaro che c’è anche la cronaca giudiziaria, sportiva e non, che andrà comunque valutata con estrema attenzione: dalla sentenza del processo sul calcioscommesse, attesa tra domani e giovedì, agli sviluppi del nuovo filone della Procura di Bari, sullo stesso argomento. Per il quale, secondo attendibili fonti investigative, presto sarà solo ascoltato il tecnico bianconero. Da questi sviluppi, e da qualche discussione per la decisione del patteggiamento in sede sportiva (poi rifiutato dalla Disciplinare), dipenderà appunto il rapporto tra i legali e Conte: che potrebbe anche cambiare, mentre qualcuno già paventava il nome dell’avvocato Giulia Bongiorno. Illuminante era stato Briamonte: «Non escludo nulla, dipenderà dagli eventi».

[youtube width=”540″ height=”370″]https://www.youtube.com/watch?v=S8AU9XWFKFQ[/youtube]

Le dimissioni di Stellini, che forse hanno risparmiato alla società una sofferta decisione, due anni e mezzo sono uno stop eterno, vanno inquadrate in tutto questo, senza ignorare la fiducia che lega l’assistente di campo all’allenatore. Qualche indizio era stato sparso, dato che Stellini non era salito sull’aereo per Pechino, e secondo programmi fino a ieri sarebbe dovuto arrivare in Cina mercoledì. Invece è arrivata la notizia delle dimissioni. In molti forse  non se le aspettavano. «Da oggi penso che sia corretto dedicarmi con tutte le forze al chiarimento di quelle vicende – ha scritto ancora Stellini- che riguardano esclusivamente la mia persona e non coloro i quali hanno semplicemente condiviso con me gli spazi di uno spogliatoio». Poche ore prima, dentro all’Olympic Sports Center, campo d’addestramento juventino, Conte s’era fermato a lungo a parlare con Angelo Alessio, suo vice: magari stava parlando di tagli, di pressing e schemi, ma l’espressione era preoccupata. In fondo sabato c’è una Supercoppa da giocare e da vincere: perchè non esserlo?

17 commenti

  1. La cosa più terrificante è sapere in anteprima la sentenza espressa a titoli cubitali dalla Gazzetta.

    Conte è stato tradito da Palazzi indirizzandolo a Patteggiare per colpe non commesse, in cui non ci sono indizi di colpevolezza, solo per evitare un processo, ormai definito da tutti, ” Farsa-Scommettopoli “.

    Bonucci non cade nel 2° tranello tramato da Palazzi, che in tutti i modi,anche, di fronte alle incongruenze emerse cerca in qualsiasi modo di fare ammettere a Bonucci il senso di colpa con un semplice Patteggiamento.

    Questa si chiama giustizia?…Vergogna! Vergogna !…Continuando così si da credibilità a coloro che vendono le partite, incassano tangenti e proliferano rapporti con ambienti malavitosi a discapito delo Sport.

    Ormai si deve Rinunciare a qualsiasi Patteggiamento, si devono perseguire tutte le vie che portano alla giustizia , anche a costo di fermare il campionato, pur di estirpare le radici che stanno affossando la dignità dei giocatori e della JUVE che sono il fiore all’occhiello del Calcio Italiano e Mondiale.

    Forza Juve, Ora e Sempre.

  2. Attendete le sentenze, penso che ci sarà l’ennesima sorpresa, e stavolta sono fiducioso.
    In un paese da palcoscenico, è lecito attendersi l’enfasi del ridicolo.

  3. …come hanno già scritto altri, le notizie che circolano sono un chiaro (e pacchiano quando prima pubblicano degli articoli e poi li modificano in fretta e furia) tentativo di destabilizzare l’ambiente Juve e rinfocolare il sempreverde “sentimento popolare” antijuventino.
    Scusate, ma date pure credito ai giornalistuncoli ultras de la repubblica (delle banane) quando scrivono di Juve? Ma cosa vi aspettate dalla curva sud d’a maggggicaaa targata zunino/mensurati (se andate su facebook e vedete il profilo di marco mensurati, secondo voi quale squadra di calcio ha messo il ns. come sua preferita?)
    Lacsiamo perdere le str…ate che scrivono certi scribacchini da strapazzo, perchè sono solo le loro speranze da antijuventini

  4. @ArPharazon

    Mi auguro con tutto il cuore che ogni tua singola parola corrisponda a verità nel riscontro dei fatti.

    Non voglio nemmeno immaginare un qualsiasi altro allenatore sulla panchina a meno che non sia pro tempore.

    Conte deve aprire un ciclo alla Ferguson, bravi come lui e juventini fino al midollo come lui in giro non ce n’è.

    Abbiamo appena perso Del Piero… anche Conte no… anzi… NO!

  5. @Manuel
    Conte non si dimetterà…l’amore fa brutti scherzi(mi riferisco al patteggiamento),ma non è che si passa dall’amore all’odio dalla sera alla mattina.In fondo la Juventus ha bisogno di Conte e Conte della Juventus:prescindendo dai contrasti e dalle liti,fin qui solo paventate da media palesemente antijuventini,le condizioni per la separazione non credo ci siano.

  6. Il caos sembra sia scoppiato con le dimissioni di Stellini, la Juve non ha fatto molto per difendere il secondo in panchina, anzi, a dire il vero Agnelli si è limitato a prendere atto della decisione di Stellini con un peso in meno sullo stomaco.

    Questo a Conte non è piaciuto, come anche l’imposizione dall’alto prima, di chiedere il patteggiamento con la collaborazione del legali bianconeri Chiappero e Briamonte, per poi vederselo rifiutato e finire sotto processo dopo aver rimediato una pessima figura sotto il profilo etico e morale. Non è un caso che la notizia di queste ultime ore sia la volontà da parte del tecnico bianconero, nel processo di appello, di cambiare il proprio collegio difensivo avvalendosi di un principe del foro come Giulia Bongiorno, affiancata dall’avvocato di fiducia De Riensis. Come dire: cara Juventus, la tua strategia mi ha portato al tracollo, ora uso la mia.

    Si parla già di appello perchè sembra scontato il verdetto contenuto nel dispositivo depositato oggi e che sarà reso pubblico domani: 10 mesi di squalifica contro i 15 chiesti da Palazzi. Cinque mesi in meno che non andranno a compensare di certo i tre chiesti in sede di patteggiamento. In realtà Conte avrebbe voluto fin da subito dimostrare la propria innocenza evitando la richiesta di sconto della pena, ma c’era un campionato e una Champions da portare avanti e fino alla scorsa settimana la ragion di stato ha prevalso.

    Ora gli schemi sembrano essere saltati del tutto e, nonostante la società faccia muro attorno al proprio tecnico: “Conte resterà con noi anche in caso di condanna”, l’allenatore già dopo la Supercoppa potrebbe annunciare le proprie dimissioni, chiudendo così nella maniera più sgradevole il rapporto con la Juventus. Sgradevole non per la decisione in sè, tanto legittima quanto doverosa, e neanche per una questione di vuoti di potere sulla panchina bianconera. La pessima figura sarebbe tutta nelle mani di Agnelli e della società, caparbia, anzi, testarda e ottusa, in una sorta di “accanimento terapeutico” nei confronti dell’inchiesta sui suoi tesserati. Tra oggi e domani sapremo se il re è nudo, non Antonio Conte, ma la Juventus, e negli ultimi anni non sarebbe la prima volta.

  7. maiellabianconera

    io repubblica non l’ho letto, anzi non l’ho mai letto,pertanto la notizia l’ho appreso dal blog”tuttojuve”.Le paventate dimissioni di Conte, per il sottoscritto,fanno parte di una strategia di destabilizzazione dell’ambiente juventino.La società in questo momento deve stare il più possibile vicino al nostro allenatore, non fargli mai mancare la fiducia. La Juve deve pensare che con le eventuali “dimissioni” di conte va incontro ad un fallimento.Non ci sono allenatori,al momento, che possono sostituirlo.La società deve reaggire a queste notizie destabilizzanti. Deve farsi sentire attravervo i suoi canali in tutte le forme e i modi.Questo è di nuovo un attacco mediatico, e non solo, alla rinascita della Juve.

  8. Io credo fermamente…che Agnelli e Conte abbiano molte cose in comune…dal punto di vista caratteriale,etico e i onesta. Per questo credo che siano amici. Conte avrà giustizia Perchè è innocente…come Pepe e BONUCCI .
    Anzi sino alla omuncaxiobe UFFICIALE spero ancora in tre Assoluzioni…Perchè leggendo le carte e dopo le Difese dei Legali..i tre casi sono legati allo stesso genere di Pentiti..CONTRADDETTSI tre o cinque volte.
    Il modus operandi di PALAZZI è stato identico…mirato e indifferente al fatto che nel TRIBUNALE PENALE…PER CONTE CI SARÀ …ASSOLUZIONE…come lo stesso PM DI MARTINO HA COMUNICATO!!!

  9. Certo che comunque vada stiamo assistendo inermi ad un altro delitto mediatico-giurisprudenziale contro la nostra Juve!!!

  10. lo danno già per dimissionario

  11. @maurettogobbo
    io quoto la seconda che hai detto.A quello che c’è scritto su Repubblica c’è anche da aggiungere Sportmediaset.Secondo me sono tutte bufale,però devo dire che se Conte si dimettesse per la questione del “patteggiamento” beh ha tutta la mia comprensione e stima anche se piangerò lacrime amare.

  12. maurettogobbo

    Di più nell’articolo, in pochi minuti modificato, è stato aggiustato il titolo inserendo “Juve: non si tocca” e poi questa frase – Una ipotesi che però la società smentisce. “Conte non si tocca, resterà il nostro allenatore anche in caso di condanna” – e tagliandone altre ………………. working progress

  13. maurettogobbo

    Gaver, nell’articolo da me citato si dice “La società – che crede invece con forza nell’innocenza di Bonucci e Pepe ed è convinta di strappare l’assoluzione fin dal primo grado – non ha certamente ancora trovato un eventuale sostituto di Conte, anche se le voci intorno a Prandelli iniziano a farsi ricorrenti” …… non lo trovi più adesso ……. è già stato modificato …. non so per quale strana ragione …….. lo trovi però riportato sul sito di TuttoJuve http://www.tuttojuve.com/?action=read&idnotizia=105383

  14. ho letto anch’io la notizia…non sono per niente tranquillo…per niente…mi aspetto qualsiasi cosa…

  15. amici miei, la figc,. prima di continuare a rompere i co…..ni, cominci a quantificare il danno in soldoni provocato a tutti e ripeto a tutti continuando questa folle corsa contro la juve. e comincino a quantificarla anche i media tutti, stampa e tv. la figc e’ come quel marito che per fare dispetto alla moglie si taglia gli zebedei.non basta aver perso 2 squadre nel ranking uefa, impoverito il parimonio giocatori, fatto fuggire fior di campioni e scoraggiarne altri a venire da noi. fra poco avremo un campionato di livello svizzero, forse e allora saranno tutti contenti. eh beh diranno ma abbiamo fatto fuori la juve! i miei complimenti a queste emerite teste di c……..

  16. LA repubblica è notoriamente una testata che non ha molto a cuore la juve. ad ogni modo nessuno ne discute conoscenze e competenza, ma vi sfido a cercare e trovare(per esempio) qualche briciolo di notizia su quel giornale che parli seppur velatamente del cambiamento in seno alle posizizoni di bonucci e pepe. il mio consiglio è di aspettare; spesso i giornalisti mettono alla gogna esclusivamente a senso unico, dimenticando sovente poi di chiedere scusa. La stampa ha riportato dichirazioni testuali dei legali di Conte e della società, ed è lecito e doveroso dar loro credito.

  17. maurettogobbo

    Scusate ho appena letto un articolo su Repubblica, il più influente giornale in Italia, a firma Matteo Pinci.
    Delle due l’una: o questi sanno molto, oltre che dagli ambienti giudiziari sportivi e non, anche da quelli juventini, ed allora smettiamola di dire che lottiamo contro questo sistema mediatico antijuve, pertanto Conte sarà condannato, usciranno gli avvocati della Juve dal suo collegio difensivo e si dimetterà, e quindi sarà un’altra terribile sconfitta per tutti noi, anche perchè adesso stanno tralasciando la vicenda Bonucci e Pepe per lanciarsi su Conte e sul nuovo filone di Bari
    Oppure la Juventus e Conte debbono scatenarsi.
    Perchè questo è un attacco scientifico, in questo momento sportivamente delicatissimo, tra mercato e supercoppa.
    Un attacco criminale, ed allora, se in effetti Conte sarà condannato, gli avvocati bianconeri usciranno e Conte si dimetterà avrà ragione La Repubblica e cambierà la credibilità di questo giornale nei miei confronti.
    Se ciò non accadrà, o almeno tutto ciò non accadrà, bisognerà reagire con forza, anche togliendo forze ai più importanti obiettivi sportivi. Perchè o questa è una guerra totale o altrimenti è una presa in giro !!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi