Una Juve che non perdona | JMania

Una Juve che non perdona

Una Juve che non perdona

Questa volta la Juve non ha avuto nessun calo. Bravo Allegri a tenere tutti sulla corda. Le battute a vuoto di Milan e Palermo non si sono viste

Questa volta la Juve non ha avuto nessun calo. Bravo Allegri a tenere tutti sulla corda. Le battute a vuoto di Milan e Palermo non si sono viste. Con la Lazio è stato uno show. Un monologo. La Juve l’ha condotta dall’inizio alla fine senza pause. La Lazio è stata sempre messa alle corde e non ha avuto mai una reazione, nonostante venisse da due vittorie di fila dopo il cambio del mister. C’è voluta tutta la bravura di Marchetti per evitare un passivo ben più pesante. Grande Pogba ormai uomo assist a tutto campo, grandissimo Dybala che mancava da un po’ ed è un gran talento in verità.

Anche ieri assenze pesanti. Chiellini, Marchisio, Morata. Tre nazionali. Ma questa Juve è uno schiacciasassi. Nessuno si tira mai indietro. 23 vittorie e un pari nelle ultime 24 partite, 72 punti su 74 disponibili, 2 gol subiti nel girone di ritorno di cui uno su rigore, 9 partite in casa senza subire gol. Ha ragione Bonucci questa squadra dovrebbe essere un orgoglio riconosciuto da tutti, invece i gufi imperversano, aspettano la nostra caduta, gonfiano i fegati, celebrano i secondi. Perché in Italia il calcio più bello, più spettacolare, più europeo lo giocano sempre gli altri. Ieri era la Roma oggi è il Napoli. Fino a qualche mese fa era la Fiorentina. Che poi tutte queste squadre non hanno vinto nemmeno una Coppetta del Nonno non cambia nulla, l’importante è non celebrare la Juve.

Juve: la più gufata dagli italiani

Non è bello che vinca la Juve ci sono due terzi di Italiani che ci stanno male. Cerchiamo di capirli. D’altronde l’Italiano non perde mai per demeriti propri o bravura dell’avversario c’è sempre una scusa a giustificare una sconfitta. Cosicché potrete constatare che Napoli Bologna 6-0 è stato un grande spot per il calcio mentre Juve Lazio 3-0 avrà mille se e mille ma, non escluso il “si sono scansati” o “ve la siete comprata”. Ovviamente invece il Bologna contro il Napoli ha dato l’anima. È una vecchia storia che non scalfisce di una virgola i nostri meriti anzi rende solo più meschini i nostri detrattori. A noi bastano e avanzano le vittorie sul campo e gli attestati di stima che arrivano dall’estero (questa settimana Puyol). Solo una cosa mi domando e chiedo. Ma come fanno certe tv come Sky a tenere come opinionisti e grandi guru personaggi come Sconcerti che non ne azzeccano una ma nemmeno per sbaglio? Anche questo si sta rimbambendo ad aspettare e auspicare la nostra caduta. Ormai imperversano per il web tutti i pronostici suoi, completamente disattesi. Ma io poi mi chiedo, ma uno che non ci piglia mai è giusto che venga proposto come un grande esperto?

Un commento

  1. troppo forti ragazzi…fino alla fine a pressare, correre, difendere, aiutarsi…riuscissimo a mantenere i ritmi di corsa dei tedeschi per tutta la partita e per tutta la stagione sarebbe veramente il top

    speriamo che la voglia di correre rimanga anche l’anno prossimo e che i nostri campioni vogliano rimanere per alzare la CL con la juve…

    ieri ottimi schemi di attacco e anche su calcio piazzato, dovremmo imparare a segnare di più su punizione e calcio d’angolo, ma siamo sulla buona strada

    Ultima cosa su Dybala. 40 milioni spesi meglio. Istinto killer, velocità di esecuzione, visione di gioco, assist, corsa e aiuto in difesa…ieri per un attimo mi è sembrato Messi quando stava per segnare il terzo partendo da centrocampo…sarebbe venuto giù lo stadio…è forte come pochi sto ragazzino!

    Complimenti ad Allegri e Marotta per la gestione e gli acquisti

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi