Juve | Llorente | "In Champions ce la giochiamo"

Juve, Llorente: “In Champions ce la giochiamo”

Juve, Llorente: “In Champions ce la giochiamo”

Juve, Fernando Llorente fa il punto a pochi giorni dall’inizio del campionato: ecco cosa ha dichiarato il bomber spagnolo a Tuttosport

llorente-twitterLa Juve 2014-2015 “è più forte dell’anno scorso. Ha conservato lo zoccolo duro e sono arrivati cinque giocatori di livello. Dobbiamo credere nella Champions”. Parole e musica di Fernando Llorente, attaccante spagnolo della Juventus che in questo pre-campionato ha già dimostrato di essere in un ottimo stato di forma. Con i nuovi arrivi e con le tattiche di Allegri, stanno arrivando più cross per Llorente, che ha cominciato a metterla dentro molto prima dello scorso anno: “L’anno scorso è stato molto dura per me – ammette il navarro a ‘Tuttosport’ – , all’inizio. I primi mesi. Non ero abituato al lavoro di Conte. Dopo la preparazione estiva svolta a Chatillon, sono entrato in momento molto… molto male. Come si dice esattamente in italiano?”.

Ripercorrendo le prime settimane alla Juventus lo scorso anno, Llorente ammette di aver avuto molte difficoltà e di essere stato giù di corda:

Mi sentivo male, fisicamente. E il morale era giù. Ovvio: mente e corpo si condizionano a vicenda. E se non ti senti bene fisicamente, è difficile controllare il messaggio che il corpo invia alla testa. Ma, grazie a Dio, piano piano, giorno dopo giorno, sono migliorato. E ho recuperato fiducia. Poi – continua – ho avuto anche la fortuna di approfittare di quell’occasione avuta nella mia prima gara da titolare”.

Il primo gol in A al Verona, è stato lo spartiacque della sua stagione: da quel momento in poi sono cambiate le gerarchie in attacco e LLorente è diventato il partner titolare di Tevez:

Sì, in quella partita è cominciato la svolta: quella rete cambiò all’improvviso la mia vita. Mi aiutò a recuperare la serenità. Quindi arrivarono altre partite, altre reti. E ogni volta acquistavo sempre più fiducia, convinzione. Fino a che ho cominciato a capire cosa significhi essere contento. Essere contento anche in Italia. Alla fine ho segnato 18 gol in tutto – ricorda – , tra campionato e Champions. Ed è arrivato lo scudetto dei record. Una stagione molto bella, a maggior ragione perché era la prima fuori dalla Spagna, per me.

Ora sulla panchina c’è Allegri e non più Antonio Conte. Cosa cambia?

Intanto adesso ho fatto l’abitudine ai sistemi italiani. E poi – prosegue Llorente – con questo tipo di preparazione mi trovo molto meglio. Sono stanco come tutti, ma fisicamente mi sento bene. Stiamo svolgendo un lavoro molto importante che ci servirà per tutto l’anno. Soprattutto qui a Sydney. A Giacarta faceva troppo caldo, c’era tantissima umidità, era molto più difficile allenarsi. Invece qui in Australia il clima ci aiuta, anche se fa freddo. Abbiamo potuto aumentare finalmente i carichi di lavoro, secondo le necessità.

Rispetto alla scorsa stagione, dunque, Llorente si aspetta di segnare di più:

Assolutamente sì, lo spero proprio. Soprattutto grazie alla squadra. Che mi nutrirà di palle gol. E sempre più di cross. E così potrei segnare anche di più.

Un commento

  1. In effetti se si passerà alla difesa a 4 con Evra che sa crossare credo che Fernando possa solo che trarne vantaggio e segnare di piu soprattutto di testa. Lo scorso campionato gli sono arrivati pochi cross ma se gli vengono fatti bene lui è micidiale sotto porta.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi