Juve, dove vai se un Pastore non ce l'hai? | JMania

Juve, dove vai se un Pastore non ce l’hai?

Il Palermo riporta la Juventus sulla terra. La larghissima vittoria di Udine aveva forse illuso qualcuno nell’ambiente bianconero sulle reali prospettive a breve della formazione juventina. Ci vorrà tanto tempo per assemblare una squadra competitiva che assimili in pieno il gioco di Delneri. Krasic è stato ancora una volta il migliore della squadra bianconera. Per …

Il Palermo riporta la Juventus sulla terra. La larghissima vittoria di Udine aveva forse illuso qualcuno nell’ambiente bianconero sulle reali prospettive a breve della formazione juventina.
Ci vorrà tanto tempo per assemblare una squadra competitiva che assimili in pieno il gioco di Delneri.
Krasic è stato ancora una volta il migliore della squadra bianconera. Per movenze e tipo di gioco ricorda tantissimo Kanchelskis, l’ex rapidissima ala russa.
Inguardabile ancora una volta la prova degli esterni difensivi juventini, con un Motta davvero imbarazzante. A vedere gli ex Cassani e Balzaretti dominare le rispettive fasce in maglia rosanero non si può non provare un pizzico di rimpianto per aver svenduto in passato due giocatori che nella attuale Juventus di media qualità sarebbero sicuramente titolari senza dubbio alcuno.
La vera differenza in campo però l’ha fatta l’unico fuoriclasse presente a Torino sul rettangolo verde : Pastore.
Il Palermo ce l’ha, ben per lui. Alla Juve manca proprio un giocatore così, un campione, un leader che trascini la squadra.
La squadra bianconera si è dovuta ancora una volta aggrappare alla classe di Del Piero, bravo ad ottenere nel primo tempo un rigore che però Orsato gli ha negato ingiustamente, ma non è bastato.
La prestazione balbettante di Storari ha confermato che spendere quasi 10 miliardi di vecchie lire per un medio portiere di 33 anni, chiamato a rimpiazzare Buffon solo per pochi mesi, è stata un’assoluta follia.
Alla Juve non resta che rialzarsi in fretta e ripartire sin da domenica sera contro il Cagliari.
La sensazione però, dopo la sconfitta contro il Palermo, è che la Juventus dovrà lottare forte per garantirsi l’accesso alla prossima Champions League guardandosi le spalle da agguerrite concorrenti come la squadra siciliana…

2 commenti

  1. Se la juve inizierà a far bene voglio vedere blog e siti in silenzio! Bisogna dare tempo. Questo è stato il vero motivo del fallimento della Juve di questi anni. Siamo presuntuosi solo perchè siamo la Juve. In verità siamo una squadra di calcio, composta da 11 giocatori in campo. Le altre squadre non stanno lì a prendere legnate dalla Juve, anzi appena possono gliele danno di santa ragione. Con la presunzione abbiamo cacciato l’ideale allenatore del momento, Ranieri, e abbiamo perso il terzo e il secondo posto guadagnati da lui. Era stata una rinascita insperata. Non per noi juventini. Volevamo di più. E questo ci ha portato a sbagliare completamente mercato, allenatore e mentalità. Ora che abbiamo un allenatore simile a Ranieri, e chissà, forse migliore, teniamocelo stretto. E’ dalle basi che si torna a vincere. e’ dall’umiltà e dal saper giocare a calcio. Il 4-4-2 è il modulo di base del gioco del calcio e da qui si riparte. Il vero fenomeno in campo era Del Piero e non Pastore (contro il quale non ho nulla). Tutti sanno che non abbiamo un suo erede e un vero leader. Questo è il motivo della rifondazione Juve. Un progetto vero, concreto, impossibile da attuare immediatamente, ma nel giro comunque di poco tempo. Vogliamo sbagliare ancora? Allora diciamo una buona volta: Forza Juve, sei sulla strada giusta!

  2. la juve con l’acquisto di del neri ha voluto una stagione di medio livello.
    I risultati sono di medio livello.
    Non ci sono fuoriclasse in circolazione da inserire in un 4-4-2 perchè le squadre che hanno fuoriclasse non giocano con il 4-4-2
    La juve ha dei corridori ottimi per il 4-4-2

    Se hai dei fuoriclasse bisogna acquistarli e bisogna cambiare modulo e quindi allenatore.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi