Juve ci è mancato un Drogba | JMania

Juve ci è mancato un Drogba

Juve ci è mancato un Drogba

(Di Alessandro Magno) Grazie ragazzi per la prova generosa e per averci dato una speranza. Per la Champions comunque non eravamo attrezzati,serve altro. Questa partita forse l’avremmo potuta giocare se a Gennaio avessimo preso Drogba e non l’inutile Anelka. Poche chiacchiere a parità di gioco (ammesso che sia) conta il resto. In primis l’esperienza internazionale, …

Didier-Drogba_interview(Di Alessandro Magno) Grazie ragazzi per la prova generosa e per averci dato una speranza. Per la Champions comunque non eravamo attrezzati,serve altro. Questa partita forse l’avremmo potuta giocare se a Gennaio avessimo preso Drogba e non l’inutile Anelka. Poche chiacchiere a parità di gioco (ammesso che sia) conta il resto. In primis l’esperienza internazionale, che questa squadra non ha, visto che solo Buffon e Pirlo hanno una caratura a livello di Champions League, e contano gli interpreti. L’anno scorso il Chelsea ha vinto senza gioco e in modo fortunoso ma quando c’era bisogno le castagne dal fuoco gliele ha tolte sempre Drogba. A questa Juve manca peso specifico li davanti. Dico Drogba perché pare l’abbiano trattato ma intendo uno così, un Ibra un Falcao insomma un attaccante che faccia veramente la differenza. I nostri sono tutti degli ottimi attaccanti che sarebbero titolari in qualsiasi squadra italiana ma non sarebbero probabilmente titolari nel Barcellona nel Real nel Bayern Monaco. A Torino in questi anni si e’ fatto alla grande le nozze con i fichi secchi ma poi alla fine i nodi vengono al pettine. Troppo forte questo Bayern per questa Juve, oggi. Prendiamo l’esempio di Arrigo Sacchi unanimemente riconosciuto come uno dei più forti allenatori di tutti i tempi. Al di la del Milan pieno zeppo di campioni fra cui un certo Van Basten, non ha vinto una beata mazza, e in nazionale ha sfiorato la vittoria al Mondiale solo grazie a un altro campione immenso qual’era Roberto Baggio. E’ cosi poche chiacchiere e lo stesso vale per i Trapattoni, i Mourinho, gli Ancelotti, i Lippi eccetera. Tutti avevano squadre dove c’era una buona dose di campioni. E i campioni o bisogna avere il potere di acquisto di comprarli o la bravura di scovarli. Alla Juve di questi con la C maiuscola, se ne e’ scovato solo uno negli ultimi tempi che e’ Vidal e magari si sta pensando pure di cederlo.

Sulla partita c’e’ poco da dire. I nostri ragazzi ieri hanno fatto il loro massimo, per 60 minuti hanno giocato alla pari del Bayern che oggi è una delle squadre migliori d’Europa e del Mondo e non mi stupirei arrivassero di nuovo fino in fondo. Potevamo fare di più potevamo fare di meno? Non lo so. A livello tattico forse l’unico rimpianto è quello di non aver provato il 4-3-3 sullo 0-0. Conte ci stava pensando provando a togliere uno stanco Pogba (forse era meglio far uscire Marchisio) per mettere Matri, ma proprio in quel mentre il Bayern ha segnato. Sfortuna? Mancanza di tempismo o di coraggio di Conte? Non spariamo sul pianista. Anche il Mister a livello di Champions e’ un debuttante. Fra l’atro grazie alle squalifiche ad hoc del campionato italiano a che partita di Champions era Conte: la terza, la quarta? E’ andata cosi. Amen.

Una nota di merito va a quasi tutti i tifosi della Juventus. Obiettivamente sapevamo tutti che era un impresa quasi proibitiva ma abbiamo remato tutti nella stessa direzione sperando che il nostro sostegno alla squadra potesse in qualche modo fare la differenza. Comunque e’ stata una prova di grande maturità del popolo bianconero. ll vero vincitore. Eccellente poi e’ stato lo Juventus Stadium. Uno stadio che ha riconosciuto il valore degli avversari e incitato fino alla fine i nostri culminando nell’applauso finale sotto la curva. Una lezione per tutto il derelitto calcio Italiano. Se noi non siamo a livello delle migliori quattro d’Europa figuriamoci gli altri. D’altronde siamo abituati a ridare ogni tanto un sorriso agli straccioni. Come sempre chi non ha da godere delle proprie vittorie gode delle sconfitte altrui.

Per quest’anno va bene così, abbiamo fatto esperienza. Ora concentrati. C’e’ uno scudetto da riportare allo Juventus Stadium ad ogni costo.

18 commenti

  1. Leggo sempre con piacere gli articoli di Alessandro Magno e provo ad aggiungere il mio personale parere: l’innesto di Drogba avrebbe di sicuro giovato alla Juventus sia in Champions League che in Campionato, questo è certo ma non credo, invece, che avremmo potuto giocare alla pari con il Bayern poiché in 180 minuti solo per 60 minuti siam stati al loro livello, troppo poco. Ricordo che il Bayern sta vincendo la Bundesliga con distacchi dalle altre enormi…enormi per il calcio contemporaneo, quindi, stiam parlando di una squadra estremamente competitiva e solida. Non credo si possa, inoltre, vincere una Champions League solo con la fortuna…il Chelsea ha una rosa tecnica di assoluto valore. Son rimasto sorpreso, invece, dall’operazione conclusa da Galliani con Balotelli che, pagato “solo” 20 mln, è stato un vero affare per il Milan…noi dovremmo esser capaci di individuare questo tipo di affari e concluderli, specie ora ch epossiam gioarci di Nedved e Raiola, senza vergogna. L’esperienza internazionale conta, è vero ma i vari Barzagli (Campione del mondo e già campione in Bundesliga), Chiellini (titolare fisso nella Nazionale da anni), Bonucci (Vice campione d’Europa in Nazionale), Marchisio e Vidal (titolare nella sua Nazionale) ne hanno abbastanza, almeno…è mancata anche l’esperienza di Conte ad altissimo livello ma questa era la primissima apparizione della Juventus ad altissimo livello da anni e ne dobbiam trarre insegnamento e giovamento. Mancano diverse cose ancora ma arriveranno: Asamoah si adatterà meglio al suo nuovo ruolo di esterno, Pogba maturerà ancora come Marchisio e Vidal, magari troveremo sul Mercato un altro esterno di valore ed una punta capace di integrarsi negli schemi di Conte, cosi come ha fatto Mandzuric nel Bayern scalzando un certo Mario Gomez. Lo scouting diviene fondamentale quando si hanno poche risorse economiche e con Paratici abbiam ora un’organizzazione eccellente. La Juventus, infine, di ricorse, siam sinceri, sul Mercato ne ha immesse e spese tante…alcune volte in modo lodevole, altre in modo superficiale od eccessivo; bisogna individuare il calciatore utile e prenderlo in brevissimo tempo prima che altri si inseriscano nella trativa e ne facciano lievitare il prezzo. Se davvero giocatori come Sanchez e Suarez si possono prendere, ebbene, vanno presi! Senza pensarci troppo. Bisogna anche aver il coraggio di cedere alcuni giocatori ed individuarne di migliori o di pari livello ma meno costosi o che possano creare plusvalenze reali e tangibili. La macchina FC Juventus ora gira bene ed è efficiente, occorre solo lavorare progettualmente per migliorare e lo faremo, cosi come ha fatto il Bayern che nel tempo ha immesso Ribery (10 mln annui netti il suo salario…), Robben (scarto del Real Madrid), etc etc. Occorre tempo, duro lavoro e continuità gestionale…i risultati stan già arrivando ed arriveranno ancora.

  2. amici..io la prima partita la vidi in Emilia….c erano Boniperti gli Hansen..ecc ecc. l ho sempre seguita anche quando mi sono trovato in posti strani ,,magari captando con le onde corte i risultati……..gioie tantissime , dolori veri solo uno l Heysel…il resto e nulla al confronto…Mi ripeto ..vorrei veder piu giovani a cui viene data una possibilita….sono inutili i titoli al momento dell acquisto e poi il quasi silenzio…..il Campione si scopre in casa o si rischia con un giovane ( ricordate Baggio per Del Piero ) io per darvi un idea di che tipo sono guardo la formazione del Parma per vedere se il giovane Boniperti va in panchina, mi scruto tutte le squadre ove ci sono i nostri IN ATTESA…..e gli auguro di non essere antipatici a qualcuno cosi non faranno la fine di Immobile ..Italia campione del mondo 2006 finale con la Francia dei ns c erano buf can zam delp cam viera trez…facevano parte della squadra che aveva vinto il campionato con 15 punti di distacco……….lo sappiamo solo noi ..ma e storia una saluto

  3. Avvisate Marotta che alla COOP fanno il due per tre..

  4. Io credo che bisogna avere pazienza perchè comunque abbiamo una base solida da cui partire. Siamo passati dal 7 posto del campionato italiano, ai sorteggi quest’anno eravamo in 3 fascia, ad essere sicuramente tra le prime 8 in europa alla pari di PSG, Manc City che hanno speso milioni di euro.Adesso passare nelle prime 4 (ci metto manch un e non borussia che è al ns livello)e nelle prime due sarà difficilissimo per mancanza di risorse, un problema che riguarda tutto il calcio italiano e non solo la Juve che comunque è anni luce avanti rispetto alle altre.Pensate al milan che per comprare balotelli a soli 23 ml ha dovuto fare 5 “cambiali” pagabili in 5 anni mantre il Mach.un. sta acquistando in contanti 55 ml falcao e ha comprato van persie 20 ml in scadenza di contratto. Noi possiamo solo approfittare di operazioni alla lhorent oppure operazioni di mercato interno (jovetic o cavani) con contropartite tecniche. Piuttosto bisogna cominciare a pensare a sostituire pirlo in prospettiva(verratti sarebbe l’ideale tra un anno)ma nelle more conte dovrà pensare a un modulo che prescinde anche da pirlo da sfruttare quando pirlo non è in forma è infortunato e/o squalificato.Forza Juve sempre.

  5. Diciamo che Drogba anche se vale 2 non serviva come non è servito al Galatasaray.

    A questa squadra faccio solo applausi per i risultati ottenuti, per migliorare ulteriormente manca qualcosa al quadro d’insieme ,dai fuoriclasse ai soldi alla guida tecnica e alla mentalità della dirigenza.

    però non sono assolutamente daccordo con Giuseppe…proprio dalla difesa è arrivata la sconfitta perchè dovrebbe essere già adesso come reparto al livello dei primi della classe invece……
    2 goal il , 2-0 a Monaco e lo 0-1 sono arrivati con giocatori fermi a guardare il guardalinee se fischiava ,ma come si fà!!! …mentre il primo anche se fortunoso è una papera di Buffon….e l’ultimo non conta niente
    Poi c’è Chiellini che è considerato il punto forte della Juve ma invece è sempre stato una mina vagante …fà il fallo inutile che ti fà prendere goal come l’altra sera o come in danimarca oppure sbaglia disimpegni elementari e regala palla agli avversari.
    io lo venderei subito alla prima offerta

  6. @chuck norris:
    grazie della correzione, in effetti erano arrivati al Manchester da under-20, ma sono stati presi per la prima squadra, un pò come ha fatto il Milan con El Sharaawy, Balutelli e Niang: mi son fatto ingannare dalla giovane età dei giocatori, però il mio discorso vale ancora, prenderli giovani e metterli in prima squadra affinchè imparino dai più anziani (ma secondo voi Pogba quanto avrà imparato da Pirlo? All’inizio dell’anno si vedeva che era talentuoso, ma adesso è diventato mostruoso nel difender palla, cosa in cui è bravissimo lo stesso pirlo)

  7. @Giuseppe, pensa che io ho visto anche la Juve di Sivori e Charles e Boniperti, quindi ricordo praticamente tutte le coppe giocate dalla Juve. Al di la della “sicurezza” dico che le Juve di coppa che mi hanno più entusiasmato sono state quelle di Lippi,mentre quella attuale è poco giudicabile, essendo ancora in stato embrionale.Ma personalmente la più deludente è stata quella di Capello, Lui aveva una corazzata tipo Bayern attuale, secondo me ancora più forte, eppure uscimmo dalla coppa dopo una figura barbina contro il Werder Brema, dopodiche fummo eliminati da una squadra di raggazzini che era l’Arsenal.Secondo me per vincere la Champions, ma è solo la mia convinzione, bisogna costruire una squadra adatta a questa competizione,sopratutto come approccio mentale, ma non bisogna accanirsi col campionato che toglie energie e concentrazione, non a caso la juve vinse la champions a Roma, ma quell’anno non vinse il campionato. Infatti le accoppiate sono rarissime anche fra le grandi squadre.La Juve di Platini era fortissima, ma aveva un’allenatore, il Trap, bravo per il campionato ma poco versatile e con una cultura calcistica non adatta alle competizioni europee, vorrei vedere quella squadra in mano a Conte e prima ancora a Lippi. Ma sono solo mie impressioni e vanno prese per quello che valgono, certamente per noi la champions è maledettamente stregata!

  8. concordo con gianluca conte non puo’ giocare sempre con lo stesso modulo l’anno scorso ne variava due ora pare che non lo fa piu’ ma cosi da un arma in piu’ ai nostri avversari

    edo grazie dei complimenti

    dna bianconero su marotta abbiamo le stesse perplessità

    giuseppe no questa juve è ancora lontano dalla sicurezza che infondevano quelle squadre pero’ come dice JoJake la strada è quella giusta . ora bisogna avere il coraggio di crescersi qualche buon giovane in seno tipo boyke gabbaidini marrone immobile e comprare un vero top player in attacco anche non spendendo cifre folli. il borussia insegna ( ma il porto lo fa da una vita) i giocatori si posson comprare a prezzi abbordabili se si è svelti e bravi.
    se invece si ha qualche soldini da spnedere lascerei perdere sanchez che è l’ennessimo giovinco piccolo funamboplico e poco concludente e punterei direttamente suarez. sperando chel lorente sia veramente buono.

  9. Ciao a tutti, non scrivo molto, ma vi leggo sempre.

    Sono perfettamente d’accordo con Magno e un po’ in disaccordo con i disfattisti.
    Il bicchiere è mezzo pieno … o mezzo vuoto?!?
    Per me è mezzo pieno!!! … La Juve, i suoi dirigenti, il suo allenatore devono migliorare e crescere è giusto concedergli tempo, come sarà giusto presentare il conto al momento opportuno … e per me (mio parere personale) quel momento non è ancora arrivato. La crescita passa attraverso i momenti negativi … se non ci fossero stati i due settimi posti, forse non avremmo mai visto Conte sulla panchina della Juve … l’unico allenatore a mia memoria che abbia cercato e sia riuscito a dare un gioco e personalità alla squadra … nemmeno Lippi era riuscito a tanto in così poco tempo!!! … e allora quelli del Manchester cosa dovrebbero dire? … e del City … e del Chelsea … ecc ecc
    Siamo arrivati tra le prime otto di Europa con poco e credo che la strada sia quella giusta, l’errore sarebbe buttare via tutto per la fretta di vincere. Se andrà bene forse ci vorranno 3/4 anni per pensare di vincere la “Coppa Maledetta” … pensate lo stesso Bayern … tanto osannato … quante ne ha vinte?!? La strada è quella giusta, l’allenatore pure, il Presidente anche … alcuni giocatori sono all’altezza … altri meno, ma è sulle positività che si costruisce il futuro … Conte non è uno stupido, tutt’altro, credo che modulo e giocatori cresceranno di pari passo. Di Marotta non parlo … gli errori di mercato li commettono tutti, ma non sapremo mai quanta responsabilità sia sua e quanta di Agnelli, Conte, Nedved … nel dubbio io sono con loro …
    Io da tifoso brizzolato, cresciuto a pane, nutella e Platini chiedo solo a tutti i tifosi bianconeri di essere come ieri sera … di applaudire anche la sconfitta se meritata … ci vorrà tempo, fiducia e qualche delusione (e qualche soldino in +), ma prima o poi quella Coppa Maledetta ce la riprenderemo e spero con gli interessi!!!
    … o vogliamo fare come intertristi .. o i milanisti che un giorno si e l’altro pure vogliono cambiare allenatore e mezza squadra?!? … anzi la squadra intera?!? … o come il Chelsea che manda via l’allenatore che vince la Champions e poi esce al primo turno l’anno dopo?!? … insomma secondo me abbiamo un diamante grezzo per le mani, non vorrei che per la fretta rischiassimo di buttarlo via senza capire cosa potrà essere domani …

    … scusate lo sproloquio …

  10. Quello che chiedo a voi soprattutto a chi ha qualche anno in più è: questa Juve vi dà la stessa sicurezza di quella pre calciopoli o di quella di Platini ad esempio?
    Dette questo è vero che la Juve con la champions o coppa campioni che si voglia non ha mai avuto feeling perchè è sempre mancata la mentalità giusta per affrontare questo tipo di competizione.
    Ma quest’anno il poco feeling o la poca fortuna c’entra poco. Con il Bayern non c’è stata partita nè all’andata nè al ritorno. Sono venuti fuori tutti i nostri limiti dal poco mordente alla condizione fisica ridicola giocatori come pirlo e marchisio che è da mesi che non giocano ai loro livelli. Io darei poche colpe alla difesa perchè quando manca il filtro va in sofferenza i gol qualificazione (lasciamo stare quello di Pizarro) sono stati segnati da distanza siderale, su fuorigico e su un’amnesia su un calcio piazzato che peraltro non c’era. Dell’attacco è inutile parlare: è da quando abbiamo svenduto trezeguet che non abbiamo un attaccante degno di tale nome. Infine quest’anno con le grandi abbiamo sofferto come mai negli anni passati (anche quando siamo arrivati settimi) e questo denota qualche difetto di personalità.
    Infine la dichiarzione di Marmotta di oggi mi sembra una resa ed è in contraddizione con quello che ha detto Conte come sempre del resto. Che la società chiarisca i programmi se si vuole vincere bisogna spendere bene soprattutto e no sperperare soldi comprando mezze cartucce. Il numero di pseudocampioni acquistati in questi anni e che hanno fallito in un anno è impressionante.

  11. Per la precisione CR7, Nani, Chicharito non vengono dal vivaio Utd ma sono stati acquistati in Portogallo (i primi due) e in Messico

  12. @Ale Magno
    Son d’accordo su tutto, come sempre del resto

    @bruno:
    il caso del Barcellona non è mica unico, anche il Manchester United ha fatto crescere il grosso dei suoi giocatori nel proprio vivaio (Giggs, Scholes, Beckham, CR7, Nani, Chicharito) prendendoli da giovanissimi, lo stesso dicasi per il Borussia e il Bayern, che hanno mezza nazionale tedesca a testa. Noi italiani ci siamo arrivati al solito con un decennio di ritardo!

  13. Secondo me Conte non può giocare in eterno sempre con gli stessi e le attuali riserve, in campo europeo non sono all’altezza (vedasi juve -pescara), magari con Vidal e Lichsteiner sarebbe stata un’altra gara, ci sarebbe stata più cattiveria. L’attacco è troppo leggero, e una domanda sorge spontanea… ma Anelka, questo sconosciuto, che l’hanno preso a fare??

  14. Rispetto per tutti e mi congratulo con la società/giocatori/dirigenti tranne che con Marotta.

    La rosa è inferiore a quella delle 4 società in semifinale.

    Il gioco, la fame, l’intensità e lo spirito di gruppo sono stati argomenti che Conte ha dovuto trasmettere per vincere in Italia, ma in Europa servono gli uomini con la giusta caratura tecnica. Ieri sera è bastato Messi ad aggiustare la partita e le sorti del Barca…non aggiungo altro.

    Come dice Magno: i Campioni o li hai oppure te li vai a comprare.

    Alcuni dubbi per il futuro:
    1 il 3-5-2 è obbligatorio?
    2 la società sta pensando al dopo Pirlo?
    3 Marotta per quanto sarà dei nostri?
    4 Agnelli che è intelligente sa bene che siamo a una svolta e che per andare avanti bisogna crescere e scegliere nuove risorse e nuovi concetti …. Ma tutto questo Marotta non lo sa….

  15. ciao medmax non ho capito bene qual’è il punto su sacchi che sei in disaccordto.
    ho detto che sacchi che è riconosciuto come grande allenatore al di la del milan non ha vinto nulla enel milan pieno zeppo di campioni c’era un grandissimo marco van basten. se capisco dove non sei d’accordo ne parliamo.

    grazie bruno la veritàla so pure io che non abbiamo un gtraan felling con questa coppa pero’ bisogna insistere io dico sempre che il barcellona la prima l’ha vinta di culo nel 91 ricordi? barcellona sampdoria e solo ora è riuscita a vincerne diverse era ossessionata peggio di noi fin dai tempi di cruiff giocatore.

    magic come detto sopra non abbiamo un gran feeling con questa coppa

  16. Tanti proclami e poi andiamo in campo con un atteggiamento tattico da provinciale…..tanta paura di prenderle e poco coraggio nel far male…..se non rischi nemmeno quando non hai nulla da perdere io non lo so’?…Vucinic dietro Quagliarella e Matri nel secondo tempo, ma anche nel primo, almeno avremmo sicuramente fatto qualcosa…..invece niente…..per non parlare delle dichiarazioni del dopo partita…..Conte che cerca giustificazioni assurde per nascondere il fatto grave di essere arrivati al momento clou della stagione con i giocatori scarichi mentalmente e fisicamente, alcuni dei veri cadaveri ambulanti (Pirlo Marchisio)….invece di trovare scuse che non stanno in piedi, Antonio si prenda la responsabilita’ dei suoi errori per quanto riguarda la gestione del turn-over, altro che fare discorsi disfattisti e provinciali sul calcio italiano…..sempre forza juve

  17. @MAGNO, comprensivo e magnanimo come è giusto che sia. Ok l’accenno a Sacchi e ad altri, ma la Juve è altro, la Juve è un caso a parte. Io la seguo da oltre 60 anni, praticamente da quando la COPPA DEI CAMPIONI è nata. Una squadra naturalmente votata allo scenario calcistico nazionale. Ciononostante ha un curriculum internazionale di tutto rispetto, senza dimenticare i contributi determinanti che ha dato alla NAZIONALE, proprio per quella sua vocazione NAZIONALE.Ma io ho sempre considerato la champions una competizione MALEDETTA per la Juve. Maledetta perchè sfuggita troppe volte per episodi che molto hanno a che fare con la sfortuna, sfortuna che raggiunse il suo culmine nella tragica notte dell’HEYSEL, quando una tragedia di proporzioni apocalittiche ci impedì di giocare una finale col Liverpool che era alla nostra portata, e che ci colpì profondamente in quello che ci è più caro, tanti amici e fratelli juventini morti. Finali ne abbiamo giocate tante, ma contano le vittorie e sono poche in proporzione.Ma è proprio questo a mio avviso che deve obbligare i dirigenti della Juve a non demordere, i tempi sono difficili economicamente, ma proprio per questo mi auguro che la politica dei giovani che sta attuando la società possa dare i suoi frutti a medio termine. Inutile citare il Barcellona, caso più unico che raro, ma che deve servire da esempio. Il futuro del calcio, in questo periodo di profonda crisi ma anche in avvenire deve essere fondato sopratutto sui giovani. Foooooooooooooooooooorza Juveeeeeeeeeeeeeee

  18. assolutamente in disaccordo con te su Arrigo Sacchi, controlla le presenze in coppa e campionato di Van Basten, Gullit e Rijkaard e magari ti ricredi.
    I campioni li aveva ma quelli che li sostituivano giocavano bene .

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi