Juve, archiviazione per Cannavaro. Rischiano i medici | JMania

Juve, archiviazione per Cannavaro. Rischiano i medici

Eviterà qualsiasi sanzione, Fabio Cannavaro, per quell’iniezione a base di cortisone dopo la puntura dell’ape, e per una volta il diritto filerà dietro al buon senso: escluso il dolo, al difensore non è neppure imputabile colpa, se la Juve non ha aperto una raccomandata e non ha spedito alla Procura Antidoping i documenti medici per …

fabio_cannavaroEviterà qualsiasi sanzione, Fabio Cannavaro, per quell’iniezione a base di cortisone dopo la puntura dell’ape, e per una volta il diritto filerà dietro al buon senso: escluso il dolo, al difensore non è neppure imputabile colpa, se la Juve non ha aperto una raccomandata e non ha spedito alla Procura Antidoping i documenti medici per l’integrazione del modulo di esenzione. Per questo, in giornata il procuratore Antidoping del Coni, Ettore Torri, chiederà al Tribunale nazionale antidoping l’archiviazione della posizione del giocatore della Juve.
Rischiano qualcosa, invece, i medici bianconeri, Bartolomeo Goitre e Luca Stefanini che potrebbero essere mandati a giudizio davanti allo stesso tribunale, forse già lunedì. Il magistrato pare non sia rimasto troppo soddisfatto dalla versione che i due gli hanno fornito giovedì sera, nella sede bianconera: ci siamo costantemente informati se fosse o meno arrivata posta, ma la risposta è stata sempre negativa. 
Una motivazione che potrebbe non reggere, secondo la Procura: la nuova normativa antidoping, infatti, prescrive chiaramente che venga inviata la documentazione medica sul trattamento cui è stato sottoposto l’atleta, in caso di urgenza: se non il referto del pronto soccorso (non era questo il caso), il rapporto del medico. Tutte carte che non sono mai state spedite a Roma. I medici juventini, in linea teorica, potrebbero andare incontro a una squalifica (da uno a sei mesi), ma l’ipotesi è che possano cavarsela con un’ammonizione o un’ammenda. L’episodio, che non ha precedenti, potrebbe rientrare nella casistica dell’articolo tre (punto tre) delle Norme sportive antidoping, documento attuativo del programma mondiale della Wada. La norma prevede infatti la sanzione per «la mancata collaborazione di qualunque soggetto anche non tesserato (…) per il rispetto delle Norme Sportive Antidoping». Nulla, al contrario, rischia la società, perché non è previsto alcun tipo di responsabilità oggettiva.
Il procedimento dei medici, per la sua particolarità, potrebbe pure seguire un corso diverso. Chiesta l’archiviazione per Cannavaro, Torri potrebbe infatti mandare il resto del fascicolo alla Procura federale di Stefano Palazzi: in questo caso i dottori rischierebbero il processo per violazione delle norme procedurali. Un’opzione (marginale) sulla quale si medita poiché le norme antidoping possono punire solo l’uso o il tentativo di utilizzo di sostanze proibite. Si saprà a ore. Ieri mattina, Cannavaro s’è allenato a Vinovo, in attesa di raggiungere la Nazionale domani: il difensore ha ricevuto la visita dell’ad Jean-Claude Blanc, che l’ha salutato con calore, sotto gli occhi delle telecamere: come dire, siamo con te. E, forse, una sorta di scuse per l’episodio, visto che il pasticcio l’ha combinato la società. «Qualcosa non ha funzionato – ha ammesso Ciro Ferrara – ma la cosa principale è che Fabio è esente da ogni colpa e alla fine non è risultato positivo».

Credits: La Stampa
Fracassi Enrico – Juvemania.it

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi