Inter-Juventus: ultras nerazzurri aggrediscono tre bianconeri | video

Inter-Juventus: 20 ultras nerazzurri aggrediscono tre tifosi bianconeri | video

Inter-Juventus: 20 ultras nerazzurri aggrediscono tre tifosi bianconeri | video

Durante Inter-Juventus del 14 settembre a San Siro, 20 ultras nerazzurri hanno lasciato il proprio settore per nadare ad aggredire tre tifosi bianconeri


Inter-Juventus. Immagini che non vorremmo vedere mai, eppure continuano ad accadere puntualmente. ‘CanaleJuve.it’, riporta il video di Youtube nel quale si vede chiaramente cosa sia successo ieri sera sugli spalti di San Siro. Il filmato confermerebbe le testimonianze oculari di alcuni tifosi della Juventus: un gruppo di circa venti ultras dell’Inter si sarebbero spostati dalla curva di casa verso l’adiacente secondo anello arancio per aggredire tre tifosi bianconeri che avevano esultato al gol di Vidal. Per circa un quarto d’ora si capisce ben poco, perché prima che il parapiglia venisse sedato dalle forze dell’ordine sono passati proprio 15 minuti. Gli steward del settore, inspiegabilmente sono rimasti immobili ad osservare quanto accadeva. Inutile aggiungere altro, lasciamo parlare le immagini, cosicché ciascuno si possa fare la propria idea di quanto sia accaduto.

Video tratto dal Web

10 commenti

  1. Qualcuno ha notizie dei tre tifosi juventini? Hanno riportato lesioni?
    Vi metto un link: è la base del cambiamento del calcio inglese dopo le tragedie provocate dagli hooligans. E’ lungo e in inglese, ma vale la pena leggerlo, soprattutto se la premessa (punto 59) è questa: “..Non è sufficiente puntare solo alle minime misure necessarie per la sicurezza. Quello che è richiesto è la visione e l’immaginazione necessarie per raggiungere una nuova etica nel calcio. L’obiettivo dovrebbe essere quello di fornire una sistemazione più moderna e confortevole, con servizi migliori e più vari, maggior dialogo con i sostenitori e leadership più positive. Se tale politica verrà applicata non solo migliorerà la sicurezza. Ci sarà anche un miglioramento nel comportamento, rendendo più facile il controllo della folla…”

  2. Ero allo stadio con mio figlio, a circa 20 metri dall’accaduto e gli stewart non arrivavano mai…
    Stadio da chiudere, ma questa storia in TV non la racconterà nessuno.
    E comunque anche in questo caso agli interisti piace vincere facile, CONIGLI VIGLIACCHI!!!
    FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS
    Karl

  3. Il calcio italiano è, purtroppo, lo specchio fedele della società italiana: incivile, barbara, selvaggia, violente e specialmente IMPUNITA.

  4. 4 mezze seghe….
    presi uno per uno sarebbero già dal chirurgo plastico.
    organizzazione insufficiente = chiusura dello stadio.
    semplice

  5. interista ladro e coniglio da sempre

  6. semplice semplice… basterebbe schedare certa gente e bandirla per 5-10 anni da qualunque stadio (pena 5-10 anni di galera), e in un anno si risolverebbe il problema… ma in Italia si preferisce avere i teppisti allo stadio invece che della brava gente…

  7. Grande,Guido………….facciamoli arrosto………hahahahahahahaha.

  8. cominciamo a dire che qui non abbiamo a che fare con tifosi interisti, qui abbiamo a che fare con delinquenti, e i delinquenti non sono tifosi e non hanno bandiera che non sia quella della stupidità! I delinquenti come questi sono veramente delle bestie, nell’accezione più negativa e traslata del termine, e come le bestie vanno trattati.Innanzitutto non capisco come mai sia possibile scavalcare così agilmente delle barriere che dovrebbero isolare i diversi settori dello stadio!? Io lavoro in campagna, e siccome certe bestie non devono entrare nei vigneti, vi si mette intorno del filo a bassa tensione per deterrente…..in questo caso il filo dovrebbe essere ad alto voltaggio, tanto se queste bestie ci rimangono attaccate non è altro che un sollievo per la società!

  9. Video semplicemente agghiacciante. Ho visto alcune partite negli stadi inglesi; se fosse accaduto lì quei “signori” sarebbero finiti in galera già per il solo fatto di aver scavalcato le recinzioni. Gli Stewards dov’erano? In Italia non c’è la volontà di far cessare la violenza. Non ha senso chiudere le curve, la responsabilità è individuale. Chi frequenta la curva è ben conosciuto: queste bestie vanno identificate e arrestate; chi non li denuncia va denunciato per reticenza. Non è vero che non esistono le leggi: ci sono, ma restano fuori dai cancelli degli stadi! Il calcio non è una zona franca: certi comportamenti criminali vanno combattuti con il codice penale e con la certezza della pena. Cominciamo ad arrestarli e a condannarli: facendo così da domenica ci sarebbero 20 violenti di meno allo stadio. Le caxxate come la tessera del tifoso, il daspo, la chiusura delle curve non servono a combattere la violenza.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi