Inter-Juventus 2-1: state calmi se potete | JMania

Inter-Juventus 2-1: state calmi se potete

Inter-Juventus 2-1: state calmi se potete

Inter-Juventus 2-1: brutta sconfitta non c’è nulla da dire. Meritata che è pure peggio. Contro l’Inter in rimonta poi che è peggio del peggio del peggio

Inter-Juventus 2-1. Brutta sconfitta non c’è nulla da dire. Meritata che è pure peggio. Contro l’Inter in rimonta poi che è peggio del peggio del peggio. Urge una seria strigliata da parte della società a mister e giocatori. Squadra molle priva di aggressività, tanto titubante al cospetto di un Inter normale che, con questo atteggiamento inspiegabilmente attendista, abbiamo fatto diventare speciale. E dire che erano stati messi sotto da Pescara e Israeliani con l’aggressività. Giustamente Allegri invece fa il contrario e invece di aggredire aspetta così che questi man mano che passano i minuti prendono sempre più coraggio fino ad esser addirittura straripanti, che nemmeno il loro pubblico osava aspettarsi tanto. Una Juventus davvero molto molto brutta. Ci si chiede dove sia finita la Juventus vista nei primi tempi con Fiorentina e Sassuolo? Che poi puoi comprare anche Messi, Ronaldo e Neymar se la giochi tutta nella tua metà campo non vai da nessuna parte.

Inter-Juventus 2-1: perché Mandzukic?

C’è una gestione quanto mai curiosa delle cose. Mandzukic torna titolare pur senza aver dimostrato quest’anno ancora niente a confronto di un Higuain che anche nel poco gioco di ieri e del mercoledì di coppa riesce a crearsi occasioni lo stesso. Forse che Mandzukic si sia lamentato. E’ un ipotesi tutt’altro che campata in aria. Così come il totale inutilizzo di Cuadrado che pure l’anno scorso fu decisivo in molte partite e anche a partita in corso. Lecito chiedersi perché lo abbiamo acquistato. E ancora Pjanic marcato praticamente a uomo a cui non siamo riusciti a trovare la contromisure adeguate. Aggiungiamo Pjaca utilizzato sempre 5 minuti o i cambi fatti sempre oltre il 70mo. Sempre l’anno scorso seppure saltuariamente riuscivamo ad alternare al 3-5-2 e il 4-3-1-2 con alterne fortune ma ci dava sicuramente una variante al gioco. Oggi Allegri pare confuso ed a corto di idee. Ieri non siamo riusciti a trovare le contromisure nemmeno all’ingresso in campo di Perisic.

Inter-Juventus 2-1: Asamoah una sciagura

E poi dulcis in fundo Asamoah. Il buon Asa ha fatto un’ottima partita contro la Fiorentina di fronte a una squadra viola che non ci ha aggredito per niente e ci ha concesso molto dopodiché tutte prestazioni insufficienti. Ieri è stato una frana. Una prestazione sconcia condita dalla ciliegina sulla torta del retropassaggio fatto a cacchio di cane che ha dato il là al secondo gol dei milanesi. Quanto meno questa è una colpa che Allegri deve dividersi con la società. Il fatto di non aver concluso l’acquisto di uno fra Matuidi o Witsel comporta che alla Juventus manchi un tassello fondamentale nella zona nevralgica del campo ovvero il centrocampo. Né Lemina (il meno peggio con Sturaro) né tantomeno Asamoah ed Hernanes danno ampie garanzia di titolarità. Tutte al massimo buone riserve. Questo purtroppo sarà fino al ritorno di Marchisio e bisognerà vedere il buon Claudio dopo tanta lunga assenza in che condizioni psicofisiche sarà.

La Juventus è stata veramente così brutta ieri da non sembrare vera. Fortunatamente prestazioni così ci capitano una volta ogni secolo. La cosa positiva è che pure in una serata cosi abominevole siamo riusciti a creare lo stesso 3-4 palle gol nitide con Higuain, Pjanic e Khedira. Forse è il caso che ripartiamo da qui. Da un calcio più aggressivo, d’altronde non è che per essere propositivi bisogna esser per forza Zemaniani esistono anche le vie di mezzo, e soprattutto ripartiamo da un bagno di umiltà che forse farà bene a molti. Le cose non sono facili gli altri trovano stimoli contro di noi e fanno la partita della vita. Questo è così da sempre. Forse qualcuno se lo era scordato o non lo ha ancora imparato.

9 commenti

  1. alessandro magno

    al solito vi leggo tutti

  2. a dire il vero è oramai la terza o quarta partita di fila che facciamo di bassissimo profilo a san siro, non ho capito se i nostri leggono troppo i giornali e poi quando arrivano là si sciolgono improvvisamente, fatto sta che facciamo sempre partite brutte ultimamente in quello stadio, brutte per l’atteggiamento completamente sbagliato.
    Anno scorso uno scialbo 0-0 con l’Inter (il palo di khedira), poi la vittoria 2-1 sul milan, ma poco meritata visto che loro corrrevano il doppio e ci hanno surclassato col gioco, poi l’obbrobrio/incubo del 3-0 con l’inter nel ritorno della semifinale coppa italia, anche quello vinto (ai rigori) senza meritare, anzi l’unica cosa che meritavamo quella volta era una lunga fila di schiaffoni.
    Ora ancora una partita molle in cui stavamo per portarla a casa senza meritare, poi abbiamo pensato bene per una volta di rendere il favore, se non altro.

    Anche secondo me Mandzukic può diventare il problema se sente scendere la fiducia attorno a se’. Ma se vuoi grandi giocatori, poi devi essere in grado di gestirli, altrimenti ti tenevi Matri e lo facevi giocare solo se il titolare si rompeva una gamba.
    E poi devono capire in fretta che la pressione addosso ce l’avremo sempre noi, gli altri quando affrontano la Juve hanno poco da perdere, se escono sconfitti nessuno si scandalizza, se invece ci battono diventano eroi. Questa cosa dobbiamo capirla prima di subito, sennò son cazzi.

  3. La questione Mandzukic a lungo andare può diventare un problema perché secondo me lui non accetta la panchina molto volentieri e quindi non vorrei che pur di farlo giocare ogni tanto lo si fa a discapito di chi è già in forma. Forse era meglio tenere Zaza come vice Higuain. Cmq perché non far giocare titolare Higuain con l’Inter e Mandzukic con il Cagliari? O perché non avere coraggio e schierarlu entrambi con Dybala almeno in qualche partita? Tanto Mandzukic è bravissimo a rientrare a difendere. Ieri l’unico di positivo è stato Alex Sandro. Mi sembra che Allegri sia un po’ in confusione come l’anno scorso. Penso che bisogna andare avanti con la formazione vista contro il Sassuolo e sperare nel rientro di Marchisio che l’anno scorso ha ribaltato la stagione. Cmq se presa bene può essere una sconfitta salutare come con il Sassuolo l’anno scorso.

    • alessandro magno

      l ho detto questa estate sul mio facebook. avrei tenuto zaza perchè manzo alle prime panche avrebbe fatto panca ed era impensabile comprare un calciatore 90 milioni per tenrlo fuori

  4. sicuramente c’è confusione nella formazione e nella dinamica del gioco.

    manca un centrocampista di primo livello (qualsiasi nome sia…)

    Allegri starà diventando catenacciaro?

    con questa rosa dovremmo essere stellari almeno nell’atteggiamento, se poi il risultato non viene qualche volta allora possiamo comprendere, ma se continua a scendere in campo con questa grinta i risultati saranno sempre pessimi!

  5. Egregio sig. Magno,
    vorrei sapere da lei quale partita della Juventus può essere additata come ottima da quando viene allenata da Allegri. Inoltre vorrei capire quale è il gioco che è stato praticato e che pratica questo allenatore. O forse mancano i giocatori di qualità? La Juve deve abbandonare la nomea di squadra italo-provinciale e lo deve fare con ben altri allenatori e non con Allegri.
    Se gli spettatori, nella gara con il Siviglia, non hanno applaudito ci sarà stato un motivo o mi sbaglio. E Bonucci invece di ritenersi offeso da questo atteggiamento dovrebbe farsi un piccolo mea culpa. Noi tifosi paganti pay-tv dovremmo incominciare, come si fa in ogni lavoro, ad acquisire solo quando la “merce” vale essere acquisita.

    • alessandro magno

      ciao amico se ti va diamoci pure del tu no allegri ha utilizzato sempre fin ora un calcio molto redditizio e poco spettacolare diciamo è un filosofo del massimo risultato con il minimos forzo. in ogni caso se ti mettono a disposizione una rosa importante devi anche dare non dico spettacolo ma un buon calcio poi nel calcio moderno questo catenaccio è abbastanza superato c’è solo l’atletico madrid che lo pratica ma infatti ha vinto abbastanza poco.

      • Quello che volevo esprimere io era l’evidenza dei fatti: Allegri non è mai riuscito ad entusiasmare con le sue squadre, nemmeno con il Cagliari. Se la Juve vuole fare il cosiddetto salto di qualità deve affidarsi ad altri allenatori. Speculare sempre sul risultato alla fine deprime anche i giocatori. Dopo più di 60 anni di tifo per la Juve incomincio a stancarmi di assistere ad un calcio mediocre. Il calcio deve essere anche spettacolo! Non vorrei che anche la dirigenza incominci a diventare una prima donna e si bei di aver comperato ottimi giocatori e non abbia pensato alla qualità dell’allenatore.
        La Juve di Conte, in certe partite, era bella da vedere, non solo per il risultato ed aveva giocatori meno bravi ed in minor numero. Poi, in campo internazionale, ha fatto figuracce perché il sig. Conte era più interessato a raggiungere punteggi da ricordare per il campionato. Tipico atteggiamento italico, assecondato dalla dirigenza.

  6. Ma stiamo scherzando l’uomo più pagato nella storia della Juventus F.C. in panchina l’uomo fino ad ieri con la media gol più alta in europa. Lemina l’uomo che forse è l’unico in rosa che può far non rimpiangere Pogba e gioca meglio di tutti da regista/incontrista che in estate lo volevano 2/3 squadre in premier che l’avrebbero pagato fior di milioni in panca. Pjanic ruolo sbagliatissimo deve giocare da mezzala altrimenti Dybala si fa un culo così. Cuadrado perchè non ha giocato una volta squalificato d.alves ok lichstenier ha fatto gol ma pure questo è stato un rischio visto che in estate voleva andare all’inda. Allegri è un furbo gioca con la società a fare l’autolesionista ha capito che ha tutto tranne il centrocampo quindi esalta questa falla altrimenti non ci sono altre spiegazioni.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi