Inghilterra: Capello lancia un vassoio a tavola | JMania

Inghilterra: Capello lancia un vassoio a tavola

Un giocatore dell’Inghilterra invia un sms di nascosto a tavola, Fabio Capello se ne accorge e lancia un vassoio contro un muro: è la scena surreale che descrive il domenicale News of the World. L’episodio sarebbe avvenuto nel ritiro della selezione la scorsa settimana in Ucraina, prima del match valido per la penultima giornata delle …

fabio_capelloUn giocatore dell’Inghilterra invia un sms di nascosto a tavola, Fabio Capello se ne accorge e lancia un vassoio contro un muro: è la scena surreale che descrive il domenicale News of the World. L’episodio sarebbe avvenuto nel ritiro della selezione la scorsa settimana in Ucraina, prima del match valido per la penultima giornata delle qualificazioni mondiali.
Nell’articolo non si fa riferimento al giocatore che avrebbe violato il rigido codice di disciplina adottato dall’inflessibile commissario tecnico. A raccontare i fatti è il procuratore di un giocatore della Nazionale. “I calciatori stavano mangiando, erano divisi tra due tavoli. I tecnici erano seduti a un altro tavolo. A un certo punto, Capello ha visto che uno dei giocatori stava mandando di nascosto un sms, tenendo il cellulare sotto il tavolo”, dice l’agente. “Prima che gli altri si rendessero conto di cosa stesse accadendo, Capello si è alzato e ha lanciato un vassoio contro il muro della sala. Quindi, ha urlato ai giocatori dicendo che chiedeva solo un’ora del loro tempo  per il pasto, senza distrazioni e in particolare senza l’uso di cellulari”, prosegue l’anonima fonte. Il gruppo, che comprende strapagate star di livello assoluto, è rimasto senza parole.
I giocatori sono abituati alla disciplina ferrea e alle norme imposte dal ct. Lo show in Ucraina, però, “è stato un autentico choc. Lo avevano già visto arrabbiato, ma non aveva mai reagito con tale violenza. Per il resto del pasto, sono rimasti in assoluto silenzio e avevano anche paura di incrociare lo sguardo del ct. Se Capello voleva sottolineare chi comanda, c’è riuscito in  pieno”.
Il cellulare spento a tavola è uno dei comandamenti del ct,  che dai calciatori pretende anche puntualità assoluta. I giocatori, poi, devono indossare le divise ufficiali fornite dalla Federazione senza dimenticare la cravatta. Negli spogliatoi si può ascoltare musica con l’iPod, ma sono proibite scene da concerto. Infine, in albergo meglio evitare di passeggiare con le infradito: il ct non le tollera.

Credits: SkySport
Fracassi Enrico – Juvemania.it

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi