Incidente d'auto: muore il genero dell'allenatore della Juventus Luigi Del Neri | JMania

Incidente d’auto: muore il genero dell’allenatore della Juventus Luigi Del Neri

Un operaio morto e altri due feriti, di cui uno in maniera grave. Il Passante chiuso per circa quattro ore e traffico in tilt. È il bllancio dell’incidente avvenuto sulla carreggiata ovest del Passante di Mestre all’altezza di Martellago ieri pomeriggio verso le 15.40. È stato causato da un autocarro che ha investito tre operai …

Un operaio morto e altri due feriti, di cui uno in maniera grave. Il Passante chiuso per circa quattro ore e traffico in tilt. È il bllancio dell’incidente avvenuto sulla carreggiata ovest del Passante di Mestre all’altezza di Martellago ieri pomeriggio verso le 15.40. È stato causato da un autocarro che ha investito tre operai e il loro furgone, impegnati nel rifacimento della segnaletica. L’incidente è avvenuto in direzione di Milano. il traffico in quel momento era molto intenso in entrambe le direzioni. Verso le 15.30, un gruppo di operai della «Sis Cop» di Monfalcone, con due furgoni che indicano e segnalano un cantiere autostradale, stanno rifacendo la segnaletica orrizzotale lungo la corsia di emergenza all’altezza del comune di Martellago. Un operazione rischiosa comunque, tantopiù con il traffico sostenuto di ieri. I due operi impegnati a realizzare la segnaletica sono protetti da un furgone col classico «freccione» che indica la deviazione. Qualche centinaio di metri prima un altro furgone preannuncia il cantiere stradale.\r\nAll’improvviso sul gruppetto piomba un autocarro condotto da B.L., 40 anni, di Agrigento che trasporta scatole di vino. Il camionista fa appena in tempo a toccare i freni. Ma non serve a nulla. Il camion tampona violentemente il furgone col «freccione» condotto da G.V., 40 anni bulgaro. L’automezzo, travolge a sua volta, i due operi impegnati a dipingere la segnaletica e prende fuoco, infatti è carico di solventi e una scintilla fa scoppiare l’inferno. L’a utista bulgaro viene estratto dall’abitacolo a fatica, mentre sotto al furgone che brucia rimane uno degli operai travolti. L’altro suo collega riesce a scansarsi in tempo. Ad avere la peggio è Tobia Speranza, 31 anni, di origini campane ma residente a Monfalcone. Finito sotto al furgone muore sul colpo e viene parzialmente deturpato dalle fiamme.\r\nScattano immediati i soccorsi. Sul posto arrivano i sanitari del Suem trasportati dall’elicottero. Il più grave dei feriti è il conducente bulgaro del furgone che ora si trova ricoverato in prognosi riservata all’ospedale dell’Angelo. Oltre a varie contusioni e fratture, ha riportato anche delle ustioni in varie parti del corpo. L’altro dipendente della cooperativa di Monfalcone viene trasportato all’ospedale di Mirano e medicato per alcune contusioni. È sotto choc ed è ricoverato in osservazione. Illeso, invece, il camionista che ha causato l’incidente.\r\nPer rimuovere i mezzi e consentire i rilievi la polizia stradale di Mestre intervenuta con diverse pattuglie, ha chiuso la carreggiata ovest dalle 15.30 fino a quasi le 20. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici dello Spisal, per verificare se tutte le misure di sicurezza previste erano state adottate dai tre.\r\nIl giovane morto era diventato padre di una bambina tre mesi fa. Bimba avuta da un relazione, finita, con la figlia dell’allenatore della Juventus Luigi Del Neri.\r\n\r\nAl Mister ed a sua figlia le condoglianze più sentite della Redazione di Juvemania.it\r\n\r\nCredits: La Nuova Venezia\r\nFracassi Enrico – Juvemania.it

LEGGI ANCHE  Juventus 2016-2017: i nuovi record di Allegri

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi