Il padre di Iuliano attacca Padovano: "Dava la droga ai compagni della Juventus" | JMania

Il padre di Iuliano attacca Padovano: “Dava la droga ai compagni della Juventus”

Il padre di Iuliano attacca Padovano: “Dava la droga ai compagni della Juventus”

Dopo la condanna di Michele Padovano a 8 anni e 8 mesi di reclusione per traffico di stupefacenti, Alfredo Iuliano, padre di Mark ex calciatore della Juventus, si è lasciato andare nel pomeriggio di ieri a dichiarazioni fortissime nei confronti dell’ex calciatore di Genoa, Napoli e Juventus: “Padovano è colpevole. Forniva droga ai giocatori della …

Dopo la condanna di Michele Padovano a 8 anni e 8 mesi di reclusione per traffico di stupefacenti, Alfredo Iuliano, padre di Mark ex calciatore della Juventus, si è lasciato andare nel pomeriggio di ieri a dichiarazioni fortissime nei confronti dell’ex calciatore di Genoa, Napoli e Juventus: “Padovano è colpevole. Forniva droga ai giocatori della Juventus”, scrive il padre dell’ex calciatore sul proprio profilo di Facebook. Non contento, Iuliano fa poi anche il nome di Gianluca Vialli, definendolo, insieme a Bachini ed al figlio Mark, una “vittima” come “altre decine di calciatori” delle malefatte di Padovano. Per Alfredo Iuliano, dunque, Michele Padovano è un personaggio da evitare anche perché ha già rovinato tante famiglie: “Padovano era un trovatello cresciuto in un orfanotrofio,spacciava già da ragazzo, dio gli diede l’opportunità di cambiare,invece porto la sua diabolica inclinazione anche nel calcio. è stato devastante… sono felice, mark è un ragazzo mite e buono, è stato facile abbindolarlo… purtroppo la nostra famiglia è stata segnata per sempre. capisci il mio dramma”, risponde Iuliano a chi gli chiedeva spiegazioni sul social network.

7 commenti

  1. uno sfigato in cerca di qualche Euro rilasciando qualche intervista..

  2. Ma quant’è simpatico panzer che cia sempre napoli città in bocca… qualke napoletana nn te la data.. ??????

    Bando alle ciancie,dichiarazioni diffamatorie a dir poco e che spero nn vengano dimenticate sto signore deve essere internato per ste CAZZATE che ha raccontato..!!!

  3. [email protected]

    lui ha detto forniva a certo giocatori della juventus non ha detto tutta la juventus o nel momento cui erano giocatori alla juventus….

    detto questo se mi nomini napoli capisco subito dove e nato il problema….

  4. Dichiarazioni strumentalizzate.
    Vedremo se sarà querelato.
    Non è normale che un giornalista si esponga tanto senza avere un minimo di documentazione a supporto.
    Intanto vediamo come va il processo.
    E comunque da qui a dire che la Juve dell’era Lippi era una Juve di tossicomani, ce ne corre.
    Era una squadra calata nell’ambiente di quei tempi, con i problemi di quei tempi. Se c’erano, o ci sono, cocainomani nella Juve, non è che gli altri club siano esenti dal problema…

    Ultima cosa: Iuliano tira in ballo un presunto coinvolgimento di Padovano nel caso Bergamini, suo compagno di squadra al Cosenza quando fu tragicamente investito da un camion. Il caso fu archiviato come suicidio, se non ricordo male, ma si è sempre parlato a mezza voce di omicidio legato al mondo della droga o del calcio scommesse. Chissà…

    Sono ferite aperte che prima o poi sarebbe bello chiudere nella maniera giusta: con la scoperta della verità.

  5. Ma a napoli e genova non spacciava???

  6. Dichiarazioni fondate sul nulla. Quali prove ci siano che Padovano spacciasse nello spogliatoio della Juventus? Siamo seri, questo qui si beccherà minimo un paio di querele. Devi portare le prove se fai affermazioni così pesanti

  7. [email protected]

    se e vero mi dispiace ma allo stesso tempo c’e da vergognarsi per padovano….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi