Ibrahimovic da piccolo tifava Barcellona | JMania

Ibrahimovic da piccolo tifava Barcellona

Ai tifosi dell’Inter lascerà sicuramente bei ricordi, magari qualche gestaccio negli ultimi tempi, ma di certo non rimarrà a Milano il cuore di Ibrahimovic. Come avevamo anticipato nei giorni scorsi, solo un maremoto avrebbe potuto evitare che Eto’o andasse all’Inter e Ibrahimovic al Barcellona. Si potrebbe stare a parlare per giorni interi sulle conseguenze tecnico-tattiche …

ibra_gestaccioAi tifosi dell’Inter lascerà sicuramente bei ricordi, magari qualche gestaccio negli ultimi tempi, ma di certo non rimarrà a Milano il cuore di Ibrahimovic. Come avevamo anticipato nei giorni scorsi, solo un maremoto avrebbe potuto evitare che Eto’o andasse all’Inter e Ibrahimovic al Barcellona. Si potrebbe stare a parlare per giorni interi sulle conseguenze tecnico-tattiche che lo scambio avrà sulle compagini. L’Inter si rafforzerà? Si indebolirà? Sarà il campo a dirlo, anche se di certo i nerazzurri dal punto di vista economico hanno fatto un affare: tanti soldini cash, un ottimo attaccante che negli ultimi tre campionati ha avuto una media di quasi un gol a partita, e il prestito di un giocatore (Hleb) che può giocare anche di più che qualche semplice partita in Coppa Italia.
Mourinho non è contento, lo si sapeva (nei giorni scorsi, furenti i litigi con Branca per il mancato acquisto di Deco e Carvalho), e la conferma l’ha data lo stesso presidente Moratti: “Mourinho è felicissimo”. Excusatio non petita, accusatio manifesta. Il tecnico portoghese si sente tradito dal patron nerazzurro e dallo stesso svedese ed ha raggiunto la consapevolezza che quest’anno dovrà per la prima volta far giocare la squadra. L’anno scorso non ce n’è stato bisogno; lo schema era unico e sempre efficace: palla a Ibra e al resto pensa lui. Ora bisognerà trovare un’altra soluzione altrettanto efficace, non per forza nell’organico di cui dispone, ma magari convocandoa Milano il barese che l’Inter ha da qualche anno parcheggiato a Genova.
Intanto lo svedese è tornato in patria per qualche ora di relax prima della presentazione in pompa magna in quel di Barcellona, a cui seguirà una conferenza stampa della quale proviamo ad indovinare la prima frase che l’ex juventino dirà ai suoi nuovi tifosi: “Da piccolo tifavo blaugrana e il mio sogno era quello di giocare nel Barcellona”. Ovazione!!!

3 commenti

  1. Grande briga! Come sempre. Salutami il maresciallo

  2. buongiorno alex e franz,
    Ibra per l’inter è stato una plusvalenza in tutti i sensi!Arrivato “grazie” a calciopoli,per circa 22 milioni di euro (cobolli ha anche ringraziato…visto che il buon Galliani voleva “rubarlo”x circa 14 ..) ha portato a milano la plusvalenza che MANCAVA A MORATTI=le palle quadrate!! Ha vinto da solo 2 scudetti,nonostante un Inter senza allenatore.
    E’ stato venduto per circa 50 milioni..quelli che noi abbiamo rifiutato per Buffon,con in piu’ Eto'(un’altra testa calda da unire a Balotelli).
    Consiglio a Moratti la ciliegina sulla torta,alias Cassano!

    il tridente scemo+scemo(Balotelli,Cassano,Eto’)

  3. Dai immagina che già ha detto del fatot di tifare juventus, poi inter, poi barcellona!
    Fra due anni per chi tiferà?
    Io resto dell’avviso che sono tutti dei mercenari!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi