Highlights Juventus-Benfica 0-0 | Europa League | Tabellino e video

Highlights Juventus-Benfica 0-0: tabellino e video

Highlights Juventus-Benfica 0-0: tabellino e video

Highlights Juventus-Benfica 0-0: i bianconeri non riescono a ribaltare l’1-2 dell’andata nonostante nel finale i portoghesi siano ridotti in 9

juventus-benfica-probabili-formazioniHiglights Juventus-Benfica 0-0 (andata 1-2). La Vecchia Signora saluta l’Europa League in semifinale: Tevez e soci non riescono ad andare in gol al cospetto dei portoghesi che partono forte per 10 minuti e poi trascorrono il resto della gara nella propria metà campo a difendersi e a perdere tempo. Non si può rimproverare nulla, però, al Benfica, ancora imbattuto in Europa League, semmai occorre guardare il bicchiere nostro, vuoto per trequarti.

La Juventus che vince tre scudetti di fila, non riesce ad arrivare in fondo ad una modesta Europa League. Mancano alternative, nel gioco e nella rosa: se Luisao e Garay si piazzano al centro della difesa e rinviano puntualmente tutti i palloni sterili che arrivano dalle loro parti, e non si sa trovare un’alternativa, c’è poco da fare. La gara di stasera, al netto delle occasioni, diverse, avute per andare in finale (con Vidal su tutti), dice che questa Juventus può continuare a vincere in Italia, ma non è ancora pronta per vincere in Europa.

Juventus-Benfica 0-0 (and. 1-2): il tabellino

Juventus (3-5-2): Buffon; Caceres, Bonucci (28′ st Giovinco), Chiellini; Lichtsteiner, Vidal (34′ st Marchisio), Pirlo, Pogba, Asamoah; Tevez, Llorente (33′ st Osvaldo). A disp.: Storari, Barzagli, Padoin, Vucinic. All.: Conte

Benfica (4-2-3-1): Oblak; Pereira, Luisao, Garay, Siqueira; Amorim, Perez; Markovic (41′ st Sulejmani), Rodrigo (24′ st Almeida), Gaitan (31′ st Salvio); Lima. A disp.: Artur, Jardel, Cavaleiro, Cardozo. All.: Jorge Jesus

Arbitro: Clattenburg (Ing)

Marcatori: –

Ammoniti: Asamoah (J), Rodrigo, Perez, Oblak, Salvio (B)

Espulsi: 22′ st Perez (B) per doppia ammonizione, 44′ st Vucinic (J) e Markovic (B) per comportamento antisportivo a bordo campo

Juventus-Benfica 0-0: gli highlights

Foto: Fb.com/Juventus

6 commenti

  1. La solita Juve internazionale: grande incapacità a finalizzare positivamente le azioni di gioco.
    Tutto sto tikitaka de noantri ( Bonucci verso Chiellini, verso Bonucci, verso Pirlo, verso Bonucci ecc…) sterile quanto un cappone castrato, non serve a niente. La lentezza impressionante delle nostre ripartenze favorisce il riposizionarsi degli avversari , salvo i soliti lanci lunghi di Bonucci-Beckenbauer preda dei raccattapalle (prendere esempio dal Benfica: palla a terra e pedalare…). E poi il nostro mister ancora una volta si dimostra inadeguato per gli scenari europei: Modulo inadeguato, cambi come sempre in ritardo. Vidal andava sostituito prima, Llorente andava sostituito prima, sempre spalle alla porta e rarissimi cross per la sua testa. La difesa, anche se non ha preso goal, rimane comunque la maggior indiziata per le nostre esclusioni dalle competizioni europee: gli errori delle partite di andata si scontano pesantemente. Bonucci e Chiellini inadeguati, urge trovare soluzioni alternative ( no Paletta, please……). Il nostro centro campo è troppo Pirlo dipendente, nel bene e nel male. Con lui in campo un 433 è da scordarcelo. Poi, gli esterni. Irei sera ASAMOAH si è dato molto da fare, ma è mancato parecchio in precisione. Lichsteiner ha corso senza incidere più di tanto, mancando nella conclusione decisiva sottoporta. In attacco il solito Tevez che si danna l’anima per trovare soluzioni. poi, buio pesto. Daltronde questi sono i giocatori che abbiamo. Con questi dobbiamo puntare al campionato e mettere una pietra sopra le competizioni europee. Cari Marotta & C. lasciamo perdere i proclami. L’hanno capito anche i sassi: o si investe in giocatori di caratura internazionale o il nostro obiettivo resta solo il campionato di seconda categoria che abbiamo…..E finiamola di dare sempre la colpa agli arbitri se le cose non sono andate come dovevano. La partita è finita al 98esimo, non era sufficiente ?? Di chi è la colpa se anche quel C…..e di Vucinic ci ha fatto perdere 3 o 4 minuti ? meditate gente meditate…..

    • Beh, se giochi 40 minuti effettivi in tutto, poi puoi anche uscire dal campo al 150° minuto, un po’ di incazzo ti viene senz’altro perché l’arbitro non ha fatto nulla per mettere fine alle continue sceneggiate dei portoghesi.

  2. La storia della Juve dice che le competizioni europee sono sempre state “una sofferenza”, una costante praticamente. Detto questo invito gli juventini delusi a guardarsi attorno e considerare il fatto che nel 2006 la società è stata praticamente distrutta e ricostruita con molta difficoltà e parecchi, forse inevitabili, errori.Dove sarebbe oggi la Juve senza FARSOPOLI e l’iimmane danno economico che essa ha provocato? Non ci è dato saperlo ma si può immaginarlo. Eppure la società Juventus è rinata, si è data una struttura solida, ha risanato un bilancio drammaticamente negativo, ha costruito uno Stadio di proprietà , acquisito terreni per un Villaggio sportivo all’avanguardia, raggiunto ricavi che avvicinano le grandi d’Europa e vinto, quasi, 3 scudetti di fila. 1986/1994, otto anni di buio quasi totale e sotto l’amministrazione Boniperti-Agnelli. Cosa serve per avvicinare i grandi club europei , almeno una decina, dal punto di vista economico? Molti invocano la cessione della società, a qualche indonesiano forse? Stringiamoci attorno a questa società e aiutiamola a crescere , accettando anche le inevitabili delusioni, stiamo vivendo tempi drammatici e la sola sopravvivenza è già un successo.

  3. Eh si, in Europa è un’altra storia! Sarà forte questo Benfica, a me non pare eccezionale. Ricordiamoci che la juve è uscita in champions per mano del Galatasaray, non battendo il Copenaghen! In Italia stravince, in Europa manca ancora tanto! Occorre il campione che estrae la magia dal cilindro (in attacco) o qualcuno che salti l’uomo sulle fasce. Anche se alla fine, in Europa, i gol decisivi sono stati presi da disattenzioni difensive, vedi lisbona, istanbul, copenaghen. Ogbonna da rivedere, ma anche il trio italiano difensivo nei momenti decisivi si distrae. bisogna spendere. Con soltanto lo scudetto vinto, stagione sufficiente (il livello delle squadre italiane è mediocre). Bisognava fare strada in champions o vincere europa league (quando ricapiterà finale in casa?). Rifletto e penso che le grandi squadre europee ancora sono di un altro pianeta (lo dimostrano le due partite vs il Real). Non basta più sentire: Vista una grande Juve, anche se ha perso. Risultato falso, etc… Bisogna spendere e comprare i campioni, quelli veri! Bisogna adeguarsi ai fischietti europei. Bisogna fare il salto di qualità che, anche quest’anno, in europa, non ho visto.
    Sinceramente,
    un tifoso deluso

  4. Posto che l’atteggiamento dei portoghesi è stato sempre di ostruzione, soprattutto dopo l’espulsione si è trasformato in una farsa totale non credibile a livello europeo e avallata da quell’idiota che arbitrava, ci manca qualità sulle fasce, è lampante.
    Se gli attaccanti non riescono a sbloccare e i centrocampisti non riescono a inserirsi, per forza devi allargare sulle fasce, che era il posto dove loro ci facevano trovare un po’ di spazio.
    Ma gli Asa e i Licht non hanno qualità, Asa non è riuscito mai a saltare l’uomo ne’ a mettere un cross decente. Licht ha corso a vuoto, con l’aggravante dell’errore finale del mancato aggancio solo davanti al portiere, un errore clamoroso e devastante per la squadra.

    Se sommiamo questa mancanza di qualità generale con gli errori commessi all’andata, in difesa sui 2 gol concessi, ma anche in attacco con i marchisio che sbaglia davanti al portiere e chiellini che sparacchia da un metro, si capisce che manca ancora molto per vincere qualcosa in europa.

    La delusione comunque rimane grossa, ci speravo, bastava un merdoso gol che in casa quest’anno abbiamo sempre fatto. In campionato tutte vinte in casa, in europa solo 3 su 7, qualcosa significa sta cosa.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi