GUP Panasiti: "Tronchetti faceva all'Inter ciò che faceva in Telecom" | JMania

GUP Panasiti: “Tronchetti faceva all’Inter ciò che faceva in Telecom”

Dossier illegali. Ieri è stato il primo giorno d’udienza per la distruzione sancita per legge dei dossier che hanno violato la privacy degli spiati: le opposizioni in aula alla distruzione di file sono state veementi. Anche l’arbitro De Santis s’è opposto tramite il suo avvocato Irma Conti alla distruzione del dossier Ladroni: sarà la pietra …

Dossier illegali. Ieri è stato il primo giorno d’udienza per la distruzione sancita per legge dei dossier che hanno violato la privacy degli spiati: le opposizioni in aula alla distruzione di file sono state veementi. Anche l’arbitro De Santis s’è opposto tramite il suo avvocato Irma Conti alla distruzione del dossier Ladroni: sarà la pietra d’angolo per la richiesta di danni dell’ex arbitro. Una richiesta danni, quella di De Santis (ma anche Luciano Moggi si sta muovendo in questa direzione) che potrebbe non coinvolgere solo Tronchetti Provera, se è vero quello che scrive il giudice Panasiti, riferendolo al braccio destro di Tronchetti, Ghioni nella sentenza dei patteggiamenti di Telecom, Pirelli e Tavaroli:
“Tutte le aziende alle quali era interessato, come azionariato, il signor Tronchetti, nel senso che aveva una partecipazione, le consideravamo aziende di Gruppo; tra queste consideravamo anche l’Inter un’azienda di Gruppo
. Ne conseguiva che anche l’Inter, in quanto azienda del Gruppo, veniva tutelata e gestita, esattamente, come se fosse Telecom Italia, e, quindi, con una programmazione anche di attività di incursione su varie aree di queste aziende“.
Tornando ai dossier, dei quali prima o poi dovrà rioccuparsi anche Palazzi si sono da fare delle puntualizzazioni: mentre del dossier Ladroni 1 e 2 si sa praticamente tutto, compreso il fatto che non sia emerso nulla di che dalle indagini di Cipriani e che lo stesso Moratti lo abbia confermato, si sa meno del contenuto del dossier Como.
Il dossier Como è uno dei tantissimi raccolti dalla security di Tavaroli, ma ha una particolarità rispetto agli altri: è una bella collezione di numeri telefonici appartenenti a Juventus (l’utenza di Moggi), Figc ( Bergamo, Pairetto), Gea (Moggi junior, Zavaglia), De Santis. A dire il vero da una prima scorsa di alcuni fascicoletti si evidenzia che De Santis la benedetta/maledetta telefonata diretta con Moggi – che non esiste negli atti di Calciopoli – non l’avrebbe fatta neanche nel 2002-2003. Di sicuro, però, ad ogni chiamata attenzionata dall’equipe dell’uomo-Telecom Adamo Bove, suicidatosi nel 2006 a Napoli, c’era approfondita analisi dell’interlocutore. Nome, cognome, indirizzo e persino il codice fiscale.
In questi giorni i legali analizzeranno i faldoni, scoprendo magari che chi interrogava i database telefonici poteva trovare anche qualche telefonata tra Moggi e operatori di mercato italiani e stranieri? La prossima udienza per la distruzione dei file è fissata per il 21 luglio. Un’ultima domanda della gup resterà irrisolta, fino a quando non sarà sentito al processo di Napoli, Tavaroli: perché il dossieraggio su De Santis e gli altri – a differenza dei pedinamenti per Vieri e i giocatori – non è stato fatturato all’Inter?
La risposta la dà Cipriani: «Fu Tavaroli a darmi questa indicazione. Per quanto riguarda la fattura dell’Inter ricordo di averla consegnata a mani direttamente a lui».

(Credits: Alvaro Moretti per Tuttosport’)

Un commento

  1. arrestateli e buttate la chiave

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi