Giustizia sportiva a due velocità: lumaca con Moratti e Zamparini... | JMania

Giustizia sportiva a due velocità: lumaca con Moratti e Zamparini…

La giustizia sportiva ha due velocità: non ce ne accorgiamo oggi, ma tutto il mondo ha visto cosa è successo circa quattro anni fa. Un processo di 20 giorni manda in serie B e distrugge una squadra basandosi su “un sentimento popolare” e inventando un “illecito strutturato” che non esiste in alòcun codice. Mentre quando …

La giustizia sportiva ha due velocità: non ce ne accorgiamo oggi, ma tutto il mondo ha visto cosa è successo circa quattro anni fa. Un processo di 20 giorni manda in serie B e distrugge una squadra basandosi su “un sentimento popolare” e inventando un “illecito strutturato” che non esiste in alòcun codice. Mentre quando si tratta di prendere provvedimenti su illeciti accertati tutto va a rilento: è stato così per il passaporto di Recoba (per la giustizia ordinaria Oriali è stato ritenuto colpevole e condannato) e lo stesso si sta verificando con “l’affaire” Motta-Milito: non si può trattare con dirigenti inibiti, ma se lo fa qualcuno che ha una società di Milano con la casacca nerazzura i discorsi cambiano e per giudicare non bastano 20 giorni, anzi forse un anno è pure poco.
Riporto di seguito un bell’editoriale di Fulvio Bianchi per Repubblica.

Più di un anno, una giustizia sportiva che è una lumaca: Moratti e Preziosi, n.1 di Inter e Genoa, hanno trattato nel maggio dello scorso anno l’acquisto di Milito e Thiago Motta e adesso andranno a processo, davanti alla Disciplinare, il prossimo 8 luglio. Tanto ci è voluto perché il superprocuratore Stefano Palazzi venisse a capo dell’inchiesta e fosse fissata l’udienza di primo grado (poi c’è l’appello). La stagione si è chiusa, i due contratti sono validi ma Giancarlo Abete, quando torna dal Sudafrica, dovrà mettere mano a questa giustizia sportiva che così non può certo funzionare. E’ vero che la procura federale è oberata di lavoro, e adesso ha anche i compiti dell’ex Ufficio Indagini. Ma così non va. Contro questa giustizia sportiva anche Maurizio Zamparini, n.1 del Palermo, che oggi ha scritto una lettera aperta ai ”colleghi presidenti”. Il patron rosanero è stato inibito per 6 mesi dalla Disciplinare per plusvalenze fittizie nel trasferimento di calciatori. Per il presidente rosanero si tratta di una ”nefasta applicazione della Giustizia sportiva odierna”. ”Caro collega- scrive Zamparini-, come al solito ci troviamo (oggi il Palermo) vittime di un sistema di ordinamenti federali che penalizza le nostre società, i nostri diritti costituzionali violando le più elementari norme di giustizia ordinaria”. Zamparini sostiene che l’inibizione è collegata a ”un fatto provocato nel giugno 2002 dalla proprietà della Roma, proprietaria allora anche del Palermo”, ovvero lo scambio di giocatori (Bombardini e Brienza) tra la società rosanero e quella giallorossa. ”Questo -spiega- provocava notevoli plusvalenze per Palermo e Roma di proprietà della Famiglia Sensi, e un aggravio per ammortamenti notevoli per il Palermo”, negli anni dal 2003 al 2006. Zamparini acquistò le azioni del Palermo nell’agosto 2002 obbligandosi con la proprietà a confermare in sede di approvazione di bilancio le operazioni fatte fino al 30 luglio 2002 dalla proprietà Sensi. Ora è stato punito, ”ma se esiste un fatto di plusvalenza fittizia (ed allora anche di ammortamento) dovrebbe esistere per il Palermo e per la Roma”. Zamparini ora chiede di riportare la giustizia sportiva e gli arbitri (suo vecchio cavallo di battaglia) sotto la tutela della Lega Calcio. L’Associazione Arbitri si è già opposta con Marcello Nicchi: comunque, sembra che sia una battaglia (persa) solo di Zamparini…

4 commenti

  1. la juve in inghilterra non ce la vogliono
    ci basta già il danno che hanno fatto in italy

  2. E che ci aspettavamo? Ci sorprendiamo ancora di quanto sia tutelato quell’essere infame e tutta la sua cricca di prepotenti arroganti falsi? O si uniscono le volontà (Bayern, Roma [che pure i Sensi son dei magheggiatori della peggiore razza eh?!!!], Juve) o pian pianino smontano tutto. E che non si trovi la documentazione dell’inibizione di Preziosi è un’altra chicca che “StudioSporK” e la “Pugnetta dello Sport” si sono lasciati sfuggire…ma che strano…
    Viene voglia di seguire solo il calcio estero e mandare a fanculo tutta sta merda. Potrebbero trasferire la Juve in Inghilterra e lasciare che qui sprofondino tutti nella merda che si meritano (da un lato GODO che diffamatori della Juve come i Sensi si ritrovino ora con un bel ca**o nerazzurro nel deretano).

  3. [email protected]

    vabbè ma che ci si aspettava che facessero un processo lampo come quello di calciopoli??? scendete dal vostro castello sulle nuvole e tornate sulla terra

  4. FOSSI IO IL PRESIDENTE DEL BAYERN…. O DELLA ROMA….
    CHE CASINO COMBINEREI—-

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi