Genoa - Juventus 1-3: le interviste a Carrera, Vucinic, Marchisio, De Canio e Immobile | JMania

Genoa – Juventus 1-3: le interviste a Carrera, Vucinic, Marchisio, De Canio e Immobile

Genoa – Juventus 1-3: le interviste a Carrera, Vucinic, Marchisio, De Canio e Immobile

“Abbiamo sofferto nel primo tempo e sapevamo quanto fosse difficile giocare in un catino come Marassi.. Il Genoa è tosto e ci ha fatto soffrire parecchio. Nel secondo tempo siamo stati più larghi e abbiamo alzato il ritmo”. Massimo Carrera si esprime così ai microfoni di ‘Sky Sport’ al termine della vittoria della Juventus sul …

“Abbiamo sofferto nel primo tempo e sapevamo quanto fosse difficile giocare in un catino come Marassi.. Il Genoa è tosto e ci ha fatto soffrire parecchio. Nel secondo tempo siamo stati più larghi e abbiamo alzato il ritmo”. Massimo Carrera si esprime così ai microfoni di ‘Sky Sport’ al termine della vittoria della Juventus sul Genoa per 3-1. Riguardo al tourn over, il vice di Conte ha aggiunto: “Sono state scelte tecniche dettate anche dai tanti nazionali al rientro di recente. Alla fine abbiamo avuto ragione vincendo .Sicuramente abbiamo sofferto sui lanci lunghi. Dobbiamo dire poi che diversi elementi, come Chiellini, Barzagli, De Ceglie e Caceres non erano in forma ottimale per vari motivi. Dobbiamo assolutamente migliorare per evitare di subire certe ripartenze. Vucinic in panchina? Non scopriamo oggi che Mirko è un grande campione. Però veniva dal doppio impegno in nazionale e abbiamo visto meglio Matri”.

Molti si aspettavano il debutto dal primo minuto di Pogba per dare respiro a Pirlo: “Sicuramente Paul è un giovane importante che troverà spazio. Andrea oggi è stato in difficoltà come tutti nel primo tempo, poi è migliorato come tutta la squadra”, spiega ancora Carrera.

Mirko Vucinic, invece, evidenzia ai microfoni di Sky la reazione del gruppo al vantaggio del Genoa:

Abbiamo cambiato tutti insieme non solo noi della panchina. Basta che non giri uno e non va la squadra. Abbiamo fatto tutti bene giocando e pensando da grande squadra. Il rigore? Sì ho chiesto il pallone a Giovinco e a Pirlo che mi hanno lasciato tirare il rigore. Messaggio al Chelsea? No è un messaggio per il campionato. Al Chelsea penseremo da stasera.

Claudio Marchisio, ai microfoni Rai spiega poi da vero leader che non si tratta di un tourn over vero e proprio:

Sì, però come ha detto già il nostro allenatore, non è che sia un vero e proprio turnover. Ci sono dei giocatori che giocano di meno ma che sono comunque all’altezza di sostituire gli altri. E’ vero che il primo tempo abbiamo affrontato un Genoa molto determinato, con un gran ritmo, dove non era sicuramente facile creare delle occasioni e poter cercare il gol. Invece poi nella ripresa il nostro ritmo è aumentato e forse anche la loro stanchezza, ci hanno permesso di recuperare una partita che si era messa non benissimo per noi. Doppia ammonizione di Bonucci? C’è stato il cambio di assegnazione dell’ammonizione perché Pirlo gli diceva che non l’aveva presa Bonucci ma lui. Al di là della lealtà di Andrea che appunto ha detto che l’aveva presa lui e non Leonardo, c’è il fatto che a volte le ammonizioni vengono date senza veder bene chi ha fatto qualcosa e quindi credo che o i guardalinee o gli arbitri di porta potrebbero dare di più una mano senza aver fretta nel dare cartellini gialli.

Il classico gol dell’ex per Ciro Immobile è servito a poco o nulla. Ecco le parole dell’ex bianconero a Mediaset Premium:

La Juve gioca bene al calcio mette in difficoltà tutti abbiamo lavorato quai tutta la settimana e quindi volevamo far bene, abbiamo giocato con il cuore ma non e’ bastato. Nel mio futuro vorrei altri gol come questo segnare contro la Juve e’ un’emozione,  non vorrei fare nessuno sgarbo volevo dare me stesso ai tifosi e ci sono riuscito. Con Borriello mi trovo bene, Marco ha tenuto banco io mi sono trovato bene gettandomi dentro negli spazi. Non credo che abbiamo pagato nel secondo tempo,  se Buffon non faceva il paratone con Bertolacci..  nel primo tempo ho sbagliato, volevo alzarla ma e’ andata male.

Il tecnico del Genoa, Luigi De Canio, recrimina per l’espulsione di Bonucci, ma ammette che le sostituzioni hanno ribaltato la partita a favore della Juve:

La partita è racchiusa negli episodi, contro squadre di gran valore succede così. Se hai le occasioni devi sfruttarle dimostrando di essere forte di testa e gambe. Loro sono stati bravi ma sono molto soddisfatto per la prestazione mostrata. Stiamo cercando di ricostruire dimostrandoci squadra, e prestazioni come queste aiutano. Vucinic e Asamoah sono grandi giocatori ed è chiaro che cambino gli equilibri. Recrimino solo sulla mancata espulsione di Bonucci, Rocchi è stato quasi perfetto. Poi la parata di Buffon su Bertolacci e il gol su ribaltamento di fronte ha cambiato gli equilibri. Sull’episodio di Bonucci ci può anche stare la valutazione del fallo non da ultimo uomo, però a mio avviso ci stava il rosso. Però è un episodio come un gol sbagliato, succede e ho fatto i complimenti al direttore di gara come alla squadra. E’ mancato solo il risultato.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi