Fiorentina-Juventus: le interviste. Il solito ritornello di Del Neri: "Gli avversari non hanno mai tirato in porta" | JMania

Fiorentina-Juventus: le interviste. Il solito ritornello di Del Neri: “Gli avversari non hanno mai tirato in porta”

Fiorentina-Juventus: le interviste. Il solito ritornello di Del Neri: “Gli avversari non hanno mai tirato in porta”

Gigi Del Neri: “Non abbiamo concesso nulla. Io ci credo ancora” “Abbiamo trovato una squadra che ha lottato 90 minuti. Non è che non ci siamo impegnati e non abbiamo corso, ma il campo di Firenze è molto difficile e d esistono anche gli avversari. Rinunciatari nel primo tempo? Intanto le partite durano novanta minuti …

Gigi Del Neri: “Non abbiamo concesso nulla. Io ci credo ancora”
“Abbiamo trovato una squadra che ha lottato 90 minuti. Non è che non ci siamo impegnati e non abbiamo corso, ma il campo di Firenze è molto difficile e d esistono anche gli avversari. Rinunciatari nel primo tempo? Intanto le partite durano novanta minuti e poi non abbiamo concesso nulla, trovando anche diverse occasioni da gol nella ripresa. Non ci si deve fossilizzare su uno schema del resto domenica scorsa, con il 4-4-2, abbiamo risulto la gara contro il Genoa. Sfrutteremo ancora questa capacità di variare il modulo. La prova di Krasic? Oggi non ha inciso, ma può capitare. I tre punti danno possibilità a tutti di giocarsela sino alla fine. Giochiamo per vincere tutte le partite e poi vedremo cosa accadrà a fine maggio. Certo, deve andare tutto bene e gli altri devono compiere passi falsi, però fino a tre domeniche fa ci davano tutti per spacciati e poi invece siamo tornati in corsa…”.

Simone Pepe: “Aspettate la fine per giudicare”
“Sarà il campionato a dare i verdetti. Ora pensiamo alla sfida contro il Catania, poi si vedrà. Non abbiamo fatto una gara eccelsa, ma abbiamo avuto un’occasione importante con Bonucci a inizio ripresa che poteva cambiare la partita e potevamo sfruttare meglio qualche contropiede, come ci era riuscito a Roma. Ora dobbiamo invertire di nuovo la rotta e ricominciare a vincere le partite. Mopntolivo? Riccardo sa impostare bene il gioco all’inizio non abbiamo perso le misure poi abbiamo cercato di marcarlo meglio perché riusciva ad allargare il gioco su Vargas e Berhami mettendoci in difficoltà. Matri isolato là davanti? In queste ultime partite, giocando con questo modulo, abbiamo ottenuto tre vittorie e un pareggio, quindi evidentemente non è così”.

Marchisio: “Potevamo portare a casa i tre punti”
“Con un pò di fortuna sicuramente potevamo portare a casa il risultato, anche se non ci abbiamo provato così tanto per vincerla la gara. Abbiamo sofferto l’aggressività ed il gioco della Fiorentina che è in un ottimo periodo, al di là della propria posizione di classifica che occupa. In questo periodo noi siamo più consapevoli delle nostre forze, siamo più fiduciosi e oggi abbiamo difeso bene per tutti i novanta minuti. Loro forse hanno giocato meglio di noi, però come occasioni in sé non sono stati davvero pericolosi ed anche Gigi non ha fatto delle grandi parate. Questo è molto importante, significa che stiamo bene mentalmente e fisicamente. Dobbiamo pensare alla prossima partita. Si parla sempre di quarto posto, non possiamo sperare soltanto in noi, ma dobbiamo guardare purtroppo anche alle altre squadre, perché abbiamo sbagliato troppe partite in precedenza”.

Mihajlovic: “Potevamo vincere. La Juve ha larosa per arrivare in Champions”
“Penso che oggi i ragazzi han fatto il massimo giocando bene e dominando, di rischi non ne abbiamo corsi però difettiamo nelle azioni da gol. Per quel che ho visto però tra noi e Juve meritavamo ben più dello 0-0. Il rammarico c’è, la nostra stagione è stata condizionata da infortuni a raffica, una volta riavuto l’organico pieno i risultati sono arrivati. Vedere giocare Vargas e Montolivo giocare così fa venire il rammarico di quel che poteva essere, però è andata così abbiamo pagato queste cose e dei carichi nervosi. Mi dispiace per i tifosi. Questa squadra non ha limiti, queste squadre quando le affronti devi vedere anche il loro momento. Il Milan doveva vincere e ha fatto bene con noi, oggi trovavamo una Juve in forma e ancora in corsa per il quarto posto. Purtroppo non abbiamo nemmeno tanta fortuna, spesso in queste sfide o abbiamo perso per un gol di scarto o pareggiando gare che meritavamo di vincere. La Juve ha una bella squadra, è stata penalizzata da infortuni e da troppi cambiamenti, con la squadra al completo è da terzo-quarto posto ma non al livello delle milanesi”.

19 commenti

  1. @Tredix: mi sa che non era chiaro che partivo da una realtà incontestabile cioè che Delneri non ci sta capendo una mazza e, di conseguenza, nemmeno i giocatori.

    Mettendo in chiaro questo, io volevo solo dire che se in una partita Pepe e Krasic ti fanno una bella prestazione, per quella dopo è logico che conti su di loro, no? Come è stato detto, gioco non ce n’è, si vive di spunti dei singoli. A maggior ragione ti affidi a chi, nella partita precedente, ti ha dato maggiori garanzie. Se poi gli stessi, invece, non hanno il fiato per saltare una volta, e dico una, l’uomo in velocità e ti fanno una partita da 5 tirato…beh, sarebbe in difficoltà chiunque.

    Ovvio, se alla base ci fossero degli schemi, un assetto tattico ben definito, uomini giusti nei ruoli giusti e, non mi stancherò mai di ripeterlo, una CONDIZIONE FISICA all’altezza non staremmo qui ad aggrapparci alla prestazione dei singoli e a criticare Delneri.

    Non essendoci nulla di tutto ciò, preghi che Matri faccia ancora l’impossibile (e mica sempre può farlo!) e che gli esterni d’attacco facciano il loro lavoro. Non è successo, torni di nuovo al 4-4-2…e mica sempre ci sono i vari Juan, Riise, Dainelli e involontari assist di Aquilani che ti salvano le chiappe.

    Tutto qui. 😉

  2. é troppo avvilente ascoltarlo e leggere quello che dice! Punto!

  3. @ black&white
    ti quoto tutto tranne il giudizio su Pepe.
    Il laziale va bene in panca che può essere messo in campo per difendere un risultato acquisito oppure per fare rifiatare i compagni di altro spessore.
    Ricorda che se l’Udinese e il buon Guidolin se ne sono liberati senza avere a disposizione chissà quali nomi alternativi, un motivo ci sarà (eccetto Sanchez).

  4. quoto Tredix e dnabianconero.
    Ma se la società non si mette in testa che c’è bisogno di un Signor Allenatore che sappia dare mentalità vincente alla squadra non andremo da nessuna parte.
    Una squadra di calcio che voglia ambire a dei traguardi seri deve avere alle spalle una società forte o un allenatore che sappia fare la differenza (se poi li ha tutti e due è meglio). Quando la società è forte può permettersi anche di scommettere su un giovane di talento, vedi il primo Lippi, vedi Allegri etc… Altrimenti una società mediocre per fare il salto di qualità spesso si affida ad un allenatore di primissimo piano e carisma, vedi l’inter di Mourinho.
    La nostra dirigenza è così così, mostra segni di debolezza (la conferenza stampa di Agnelli a gennaio, la pessima gestione del caso buffon-Storari, il rinnovo di del piero etc…), il presidente non gestisce il portafoglio e l’amministratore delegato è stato chiamato a fare la spesa con i soldi del monopoli oltre a dover gestire un mercato in uscita che lo scorso anno era davvero complicato. Ha risolto qualcosa rastrellando però anche un po’ di spazzatura, l’unico vero acquisto sbagliato è stato Martinez, che magari non sarebbe neanche sto’ bidone se utilizzato nel suo ruolo, ma che certo non vale il prezzo pagato al Catania. Motta è in prestito e Traorè anche. Pepe, a mio modo di vedere, resta un giocatore prezioso e valido per ogni situazione.
    Resto dell’idea che se accanto a Bonucci ci fossero dei difensori seri non sfigurerebbe neanche lui, dubito che anche uno come Vidic non soffrirebbe a difendere con davanti Felipe Melo (insopportabile caratterialmente e tatticamente indisciplinato) e a destra e sinistra Motta e Traorè…
    Poi la juve mostra segnali di nervosismo che storicamente non le appartengono, la scenata isterica di Bonucci a Sorensen a Firenze, la lite tra Storari e Aquilani nel match contro il Genoa. Oltretutto Storari andava richiamato immediatamente per le dichiarazioni deliranti del dopo Roma-Juve, i panni sporchi si lavano in famiglia-spogliatoio, non siamo mica l’inter o la roma… o forse lo stiamo diventando…
    Scusate, mi sono dilungato, bastava una sola parola per esprimere il mio pensiero: Wenger

  5. Si parla di un ipotetico arrivo di Van Gaal.
    Ci rendiamo conto che uno come lui esige nomi e budget importanti?

    Del Neri ha detto che ha visto spunti interessanti, ma dove? Sul suo futuro in qualche provinciale? Dopo tutto se lo richiamasse il Chievo oppure il Catania/Bologna/Bari/Genoa/Lecce io credo che potrebbe fare benissimo e la piazza lo potrebbe acclamare come un profeta.

    La Juve è al suo 4° risultato consecutivo. Ma avete visto l’atteggiamento tattico da provinciale? Difesa, contropiede, azioni disperate e confuse e ….. nient’altro!

  6. @ Dna ti quoto tutto, e da quanto dici pare tu sia abbastanza d’accordo con le mie tanto criticate pagelle 😀

  7. @ tredix:
    confermo e sottolineo la tua valutazione….ieri ho visto una squadra che lasciava i tre giocatori di attacco da soli a cercare una soluzione senza gioco e movimenti collaudati. Ma dov’era il resto della squadra? i due mediani e i terzini???? La difesa e i mediani hanno contenuto bene, ma questo atteggiamento dove porta?
    Siamo la juve e, naturalmente, ambizioni e gioco devono essere imposti a tutti!
    Del Neri e qualche giocatore ormai parlano in politichese e negano l’evidenza!!!!
    Il buon Pepe che ogni partita “lascia i polmoni in campo” non ha mai sviluppato un’azione di gioco serio e pericoloso.
    Che tristezza vedere Marchisio fare delle giocate sporche per sbrogliare la matassa oppure correre alla disperata sulla fascia dx.!!! Aquilani non mi sembra quel campione che può mettere metodo e fosforo nel centrocampo del futuro.
    Non esiste un gioco e una ricerca dell’azione sgusciante verso la porta avversaria.
    Serve un allenatore che non può andare in confusione ogni domenica e che dopo un anno non è riuscito a plasmare il piglio del gioco….. non mi si dica che non ci sono gli uomini adatti, perché altre squadre di serie A che stanno dietro in classifica hanno un bel gioco.

  8. Peccato che la fiorentina stava per segnare nel primo tempo… 🙂

  9. Gli avversari non hanno mai tirato in porta. NEANCHE NOI!!!!!!!!!

  10. ma una squadra in cui giocano pepe e motta, che è allenata dal delneri e diretta da marotta ma dove si pensa possa andare? elkann vendi la juve, fai una cosa giusta nella tua breve e insignificante vita di proprietario della squadra.

  11. Ashahsashahsahsahsahsahshashasha aveva ragione numero 7 XD
    p.s andate a vedere la prima pagina di tuttosport ce a sbelicarsi..

  12. il FALLIMENTO vero è iniziato in tempi non sospetti, GRAZIE elkann(INFAME) per queste belle soddisfazioni. p.s spero tanto che la sfiga vi colpisca DURAMENTE!!!

  13. Scusate gli errori, ma scrivo da iphone.

  14. @Luke
    Stavolta dissento, e ti spiego perchè. Vero che i giocatori che dovevano farci fare la differenza oghi sono stati nullo, ma la cosa che manca a questa squadra è un’idea di gioco. Non si vedono schemi, i giocatori sembrano sbattuti in campo senza sapere precisamente cosa debbano fare. Cambiano posizione 3 o 4 volte nell’arco di una partita. Sembra lasciato tutto all’improvvisazione, al momento. E non si può andare avanti così. Poi dai, le interviste di Del Neri lasciano sempre più basiti. Ogni volta pensi di aver raggiunto il colmo, salvo ricrederti 7 giorni dopo. Ed anche i giocatori (stavolta Pepe) sembrano prenderci in giro con le loro farneticazioni post-partita.. Inutile prenderci in giro e dire “si giudica alla fine”. Qualsiasi sia la posizione raggiunta dalla Juve alla fine sarà fallimento. O forse no, solo perchè l’anno scorso si è fatto lievemente peggio? Se poi gli obiettivi della Juve nei prossimi anni saranno i quarti posti (che ricordiamo dal 2012 manda in europa league) allora il fallimento risiederà già in partenza. Io mi rifiuto di credere che Andrea Agnelli non veda le cose che un babbeo come me vede. Per questo sono sicuro che Del Neri andrà via, ed è la cosa migliore. Serve mentalità vincente, e con questa arriveranno gioco e risultati. Se ti giochi una finale in cui subisci per 90′ e pareggi, e ti dichiari soddisfatto per la bella partita disputata dalla tua squadra allora………..

  15. L’anima juventina
    è un complesso modo
    di sentire,
    un impasto di sentimenti,
    di educazione,
    di bohemienne,
    di allegria,
    di affetto,
    di fede alla nostra volontà di esistere
    e continuamente migliorare

    Enrico Canfari

    Dovrebbe far riflettere a molti…

  16. Lenti, senza idee, Aquilani che a parte un paio di interventi insolitamente grintosi non ha saputo far girare la squadra (ma vai a capire dove è mancato lui e dove i compagni piantati in terra!).
    Pepe e Krasic NULLI. Non può un allenatore, e qui scagiono in parte Delneri, in una partita vedere che la squadra gira bene col 4-3-3 e in quella dopo col 4-4-2. Se “toppano” gli unici interpreti che possono farci fare punti (Krasic e Aquilani in primis) non è colpa del mister.
    Sangue dai muri non se ne cava.
    E aggiungiamoci la condizione fisica allarmante: lingua di fuori dopo 20 minuti.

    Se non fosse stato per Melo, Marchisio e Bonucci ora staremmo qui a parlare dell’ennesima sconfitta.

    Ah, che dicevo riguardo i nostri gol che recentemente nascevano da errori altrui ed esplosioni di singoli (Matri, che Dio lo benedica)? Oggi, contro una squadra attenta che ha rischiato poco, non abbiamo saputo tirare in porta per tutto il primo tempo.

  17. Cari amici juventini rassegnamoci tanto con questa squadra non vinceremo mai niente, ma non vedete che nell’arco di 90 minuti facciamno solo 1 tiro in porta.

  18. Simone Pepe: “Aspettate la fine per giudicare”

    site delle skiappe. ve lo anticipo!!

  19. Juventinonelsangue

    Dai mister,coraggio….ci restano 5 finali!!!!!AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi