La Juventus in tribunale Primo Piano

Figc, Uva difende la Juve: “Processo mediatico”

Michele Uva - Figc - Juventus
Scritto da Redazione JM

Michele Uva, dg della Figc, esce allo scoperto e dice la sua sul caso biglietti e il presunto coinvolgimento del presidente della Juventus, Andrea Agnelli

Michele Uva, dg della Figc, esce allo scoperto e dice la sua sul caso biglietti e il presunto coinvolgimento del presidente della Juventus, Andrea Agnelli. “Sulla vicenda-biglietti, che coinvolge la Juve, non siamo preoccupati: noi dobbiamo occuparci della giustizia sportiva – le parole del dirigente federale a Palermo per Italia-Albania – . Però, mi sembra si stia facendo un processo mediatico; occorre che la giustizia ordinaria faccia il proprio corso con la massima serenità. Mi sembra che l’Antimafia stia facendo un processo molto mediatico e questo non fa bene né al calcio, né tantomeno all’Italia. Il calcio dà esposizione mediatica e questo è evidentemente in questo momento”.

Un’entrata a gamba tesa quella del dg Uva, che arriva a poche ore da nuove indiscrezioni in merito all’inchiesta: ad Andrea Agnelli viene attribuita una conversazione nella quale in realtà è a parlate Calvo e per giunta la telefonata risale al periodo in cui l’ex dipendente della Juve, stava ormai lavorando da tempo per il Barcellona. “Juventus? Ci sono state delle attività che si sono svolte – continua il dg della Figc – . C’è in atto una attività penale verso alcune persone dove la Juventus non esiste, non è coinvolta. C’è una attività della Procura federale, dove sono state violate delle norme. Siamo sereni, mi sembra che si stia alzando troppo il volume su una cosa banale e penso che i problemi dell’Italia e della Commissione Antimafia dovrebbero essere rivolti verso attività ben diverse da quelle dei biglietti ad una curva”.

Insomma, Uva concorda con Agnelli che si stiano facendo “sperimentazioni” sulla pelle di una società e del suo presidente. Durissime le reazioni a queste parole da parte di Rosy Bindi, presidente della Commissione Antimafia, e del vice presidente Claudio Fava. “Se il Dg della Federcalcio definisce ‘una cosa banale’ un’inchiesta penale sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel circuito del tifo organizzato c’è da essere preoccupati. Se poi si chiede alla Commissione Antimafia di ‘occuparsi d’altro’ c’è da essere anche imbarazzati”, le parole riportate da Repubblica.

Si accoda anche il Movimento 5 Stelle, che nonostante gli errori grossolani venuti fuori in queste ore, parla di “negazione della verità, di negazione di un fenomeno così infame non solo sono pieni i libri di storia ma ne abbiamo avuto più che a sufficienza. Quindi non offenda il lavoro della commissione e se vuole per davvero fare il bene per il mondo sportivo assicuri una leale collaborazione e non cerchi una ribalta attaccando un lavoro serio e fondato”.

4 Commenti

  • Le varie giustizie, quella sportiva è meno giustizia di tutte, facciano il loro corso, quello che dobbiamo fare noi juventini (Presidente-Dirigenti-Tifosi-Giornalisti obiettivi) è stare con le antenne dritte, l’aria del 2006 si sente forte e chiara.

  • e perché l antimafia non si è mossa quando un pluripregiudicato con la pettorina di un tesserato assisteva ai margini del campo mentre si giocava la finale di coppa italia e lo si vede fotografato con la coppa appena vinta dal napoli ,li che faceva l antimafia e la procura sportiva dormivano ,ahahah ma fatemi il piacere ,e sarà anche un caso che la bindi e pecoraro siano di napoli ,ahahahah chissà

  • Be’ sono d’accordo che la questione infiltrazioni non sia per nulla una cosa banale, ma per nulla proprio. E’ giusto che ci sia un’indagine e per una volta che uno della federazione parla a nostro favore dice assurdità.
    Ma del resto è suo interesse che alcune cose non vengano fuori, che sia con noi o con altri,
    Poi sono le modalità con cui l’indagine viene svolta, sono gli obiettivi che questa indagine si pone che al solito mi lasciano perplessa.
    L’eco mediatica, la strumentalizzazione delle informazioni, la sperimentazione sulla Juve, questo sempre mi lascia perplessa ma soprattutto mi preoccupa.
    Ma che ci si occupi di questo problema è giusto, certo andrebbe fatto per tutte le società.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi