Ferrara ora prova il "trapezio" | JMania

Ferrara ora prova il “trapezio”

A Palermo la Ju­ve aveva fallito la prova del nove ( tanti erano a quel momento gli impegni uffi­ciali sostenuti dai bianco­neri), la decima con la Fio­rentina non ha proposto so­stanziali passi in avanti sul piano della manovra. Dieci partite non sono po­che. Sicuramente risultano sufficienti per sottolineare cosa, al momento, non fun­zioni nella Juve 2009/ …

ferraraA Palermo la Ju­ve aveva fallito la prova del nove ( tanti erano a quel momento gli impegni uffi­ciali sostenuti dai bianco­neri), la decima con la Fio­rentina non ha proposto so­stanziali passi in avanti sul piano della manovra. Dieci partite non sono po­che. Sicuramente risultano sufficienti per sottolineare cosa, al momento, non fun­zioni nella Juve 2009/ 10. Quanto alle soluzioni, tro­varle tocca essenzialmente al tecnico. Ma a qualche conclusione possiamo arri­vare anche noi sulla base di quanto abbiamo visto. E pure di quanto non abbia­mo visto in questi primi tre mesi.\r\nCon il rombo è fondamentale che il gioco non si sfilacci. Invece la distanza tra Felipe Melo e Diego è spesso eccessiva. Il problema si è manifestato con regolarità, soprattutto in casa.\r\nGrosso sta deludendo le attese. Ma la vera lacuna è a destra: Zebina è incostante, Grygera inadatto al sistema. E’bene riprovare Caceres e tornare sul mercato a gennaio. Inoltre i centrocampisti devono aiutare.\r\nCon due mediani affiancati, i trequartisti avversari sarebbero in difficoltà. La Juve ha giocatori adatti al 4-2-3-1: Marchsio, Poulsen, Sissoko. Felipe Melo, poi, sarebbe aiutato nell’impostazione.\r\n Il brasiliano è stato decisivo soltanto contro la Roma. Dopo il match con la Fiorentina ha espresso il desiderio di giocare più vicino alla porta avversaria. Cambiando modulo, se ne sfrutterebbe meglio il talento.\r\nE oggi infatti il tecnico bianconero ha testato sul campo lo schema, con Melo e Sissoko centrali e Camoranesi, Diego e un insolito De Ceglie sulla linea dei trequartisti dietro la prima punta. A due giorni dalla sfida di Champions League contro il Maccabi Haifa, la squadra ha proseguito la preparazione con una seduta mattutina a Vinovo, la prima con il gruppo al completo dopo il defaticante di ieri. Ancora assenti Del Piero, Marchisio e Salihamidzic. Tiago ha lavorato con intensità agli ordini del preparatore Andrea Scanavino. Programma regolare per il resto dei giocatori.

LEGGI ANCHE  Verso Cagliari-Juventus: torna Cuadrado, Barzagli out

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi