Ferrara è ormai un ex, ma chi il sostituto? | JMania

Ferrara è ormai un ex, ma chi il sostituto?

Da esonerato in pectore, Ciro Ferrara ha pilotato ieri mattina a Vinovo l’allenamento della Juve, calato in un clima vagamente surreale. Sbriciolato nell’animo ma non rassegnato lui, disorientata la squadra, a dir poco. Il destino ha ormai imboccato il Sunset Boulevard. Non è più questione di se, ma di quando: in settimana. E se pure …

FerraraDa esonerato in pectore, Ciro Ferrara ha pilotato ieri mattina a Vinovo l’allenamento della Juve, calato in un clima vagamente surreale. Sbriciolato nell’animo ma non rassegnato lui, disorientata la squadra, a dir poco. Il destino ha ormai imboccato il Sunset Boulevard. Non è più questione di se, ma di quando: in settimana. E se pure arriverà a San Siro, giovedì in Coppa Italia, non vorrà dire fiducia: solo ritardo nel reperimento di un sostituto a lunga scandenza.
Il licenziamento per giustificato motivo, deciso ma non ancora comunicato, s’è reso obbligatorio per mancanza di risultati, l’unica cosa che conta. Da settimane, si sono smarriti, e quello con la Roma, seppure il meno scandaloso, è solo l’ultimo passo di una discesa agli inferi: ottava sconfitta nelle ultime undici partite, terza filata in casa. E una classifica che sta scivolando sempre più in fretta: Juve sesta, sul pianerottolo dell’Europa League, altro che Champions o scudetto. Per i soldi investiti in estate, sibilano da casa Juve, un’eresia. «Non lascio la nave che affonda», ha ribadito Ferrara: lo faranno scendere, per non andare a picco.
Da ieri notte, così, si cerca di assumere un nuovo comandante, missione complicata a questo punto della stagione. Di questo, e del campionario dei sostituti, Jean-Claude Blanc e Roberto Bettega, presidente e vicedirettore generale, hanno parlato ieri sera a cena, con John Elkann. Due le rotte possibili, presentate al presidente di Exor, azionista di maggioranza del club: dare l’incarico a un tecnico capace di portare l’imbarcazione a destinazione senza ulteriori naufragi, che è poi la qualificazione alla Champions; o affidarsi a un allenatore in grado di guidare un nuovo corso.
Quelli che piacevano in estate non sono prendibili, altri nomi da sogno già comandano bastimenti nemici. Volendo trovare un rifugio part-time, il nome che più offre certezze è quello di Giovanni Trapattoni: storia juventina, carisma e polso. Forse superabile il suo accordo con la federazione irlandese, difficilmente i dubbi del Trap. Si pensa anche a Dino Zoff, che ha cromosomi bianconeri, ma declinerebbe: «Se mi chiamassero, direi di no». I quattro anni d’assenza da una panchina, hanno annidato incertezze in chi lo dovrebbe scegliere. Sul menù dei candidati, o auto-candidati, ci sono Claudio Gentile, Gianluca Vialli, che però fa altro mestiere da anni ed è escluso dalla proprietà, e Michael Laudrup, reduce da un esonero (dallo Spartak Mosca). C’è pure Alberto Zaccheroni, esperienze d’alta quota e scomodi fallimenti.
Candidati più «credibili», se si rischia l’elezione di un tecnico da tenere pure per gli anni che verranno. Il migliore, per capacità, esperienza e trofei razziati resta Guus Hiddink. Come pure rimane una (superabile) controindicazione il costo: per il suo ingaggio, e per lo stanziamento di fondi che richiederebbe sul mercato. Nel panorama internazionale vagano senza impiego anche Marco Van Basten, che però non sembra entusiasmare la dirigenza, e Luiz Felipe Scolari: conosce il calcio, ha vinto un mondiale, ma ha toppato di brutto la chance con il Chelsea. Dove, in parte, rimediò proprio Hiddink. Questi i nomi, anche se la Juve sta scandagliando l’elenco, ridotto, di chi una panchina non ce l’ha. E che non sarà più di Ciro, è l’unica cosa certa. Anche se pure nella nottataccia della Roma, Jean-Claude Blanc ha tentato l’ultima salvataggio di Ferrara, nella riunione con Bettega e il direttore sportivo Alessio Secco. Fino alla resa: con questi risultati, è un allenatore indifendibile.

(Di Massimiliano Nerozzi per La Stampa)

Un commento

  1. Oggi come oggi sostituire Ferrara è l’ultimo problema.Laudrup non ha esperienza x prendere in mano una juve in queste condizioni.Ci vuole un motivatore,forse sono pazzo ma se ‘ si vuole ottenere qualcosa l’unico nome che mi viene in mente è Mazzone.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi