Felipe Melo: "Le mie stagioni alla Juventus? Troppi infortuni e dirigenza in confusione" | Juvemania

Felipe Melo: “Le mie stagioni alla Juventus? Troppi infortuni e dirigenza in confusione”

Felipe Melo: “Le mie stagioni alla Juventus? Troppi infortuni e dirigenza in confusione”

Curiosamente vive in una villa quasi interamente bianca e nera a 40 km dal centro di Istanbul: Felipe Melo, ex centrocampista della Juventus, oggi al Galatasaray, ha scelto una zona esclusiva della Turchia per far partire la sua riscossa lontano dalla Juventus: “Casa bianconera, perché no? Io tifo Juve, tifo per i vecchi compagni. Sento …

Curiosamente vive in una villa quasi interamente bianca e nera a 40 km dal centro di Istanbul: Felipe Melo, ex centrocampista della Juventus, oggi al Galatasaray, ha scelto una zona esclusiva della Turchia per far partire la sua riscossa lontano dalla Juventus: “Casa bianconera, perché no? Io tifo Juve, tifo per i vecchi compagni. Sento Grosso, Amauri, Storari… Non posso avercela con la Juve, devo solo ringraziarla: mi ha reso più famoso, mi ha pagato 25 milioni di euro, mi ha dato una grande occasione”, dichiara il brasiliano in un’intervista concessa alla ‘Gazzetta dello Sport’.
Tornando sulla propria esperienza alla Vecchia Signora, Felipe Melo racconta cosa è andato e cosa no durante la sua permanenza a Torino:

“Dipende dai punti di vista. Il 1˚ anno non ho giocato bene, vero, anche per il cattivo rapporto coi tifosi. Ma la seconda stagione è stata positiva. Con la Juve in Champions, si sarebbe detto che Melo era uno dei più forti centrocampisti in Italia. Con una classifica disastrosa, allora tutti vengono condannati. Il calcio è così. Il problema non era Delneri, come non lo era Ferrara o Zaccheroni. Il problema erano gli infortuni. Quando hai uno che segna sempre, risolve le partite e poi si fa male, resta un vuoto. Se si fanno male tanti altri, è un casino. Poi sono arrivati rinforzi come Paolucci. Gran professionista, e bravo ragazzo. Ma non da Juve. Era brutto pure per loro giocare una-due gare e stop. E la società, essendo giovane, era un po’ in confusione. Ora le cose funzionano meglio, ci sono grandi giocatori”.

Ora, in prestito al Galatasaray, Melo si sente rinato, merito anche della città di Istanbul.

“La città è fantastica, simile alla mia Rio: colline, mare, gente che fa casino. Il calore dei tifosi è stupendo, come a Rio. Sono al tuo fianco anche quando perdi. Sto diventando un leader, i compagni mi aiutano molto a esserlo. Non ho la fascia, quella è dell’ex viola Ujfalusi, ma mi sento già un capitano. Sono ascoltato dal gruppo. Spero che il Galatasaray acquisti interamente il mio cartellino. Se sono andato via dalla Juve è perché non mi volevano. Qui mi sento di nuovo importante. E, particolare non da poco, la mia famiglia si è trovata subito bene. Il mio obiettivo è lo scudetto col Galatasaray e la riconquista della Seleção.Sono ancora della Juve, uno dei club più famosi al mondo. Ma non sono un bugiardo e dico che vorrei restare qui. Penso che a Torino, ora che sono primi, siano contenti delle mie parole. Magari se finiscono settimi, diranno che rivogliono Melo. Ho passato 2 anni di sofferenza lì, ma sono contento che la Juve stia facendo bene. Le auguro lo scudetto, davvero. Speriamo che tenga. Perché anche quando c’ero io siamo partiti forte, in entrambe le annate, e poi…”.

Poi, Melo, fa chiarezza sui rapporti con gli allenatori, soprattutto con Ciro Ferrara:

“Prendiamo Ferrara: si credeva avessi problemi con lui. Mai avuti. Ma una cosa non mi è piaciuta: quando andò via, disse che facevo casino negli spogliatoi. Avrebbe dovuto dirmelo in faccia. Ferrara mancava di esperienza forse, ma è un buon tecnico. Si vede da ciò che sta facendo con l’Under 21. Non ce l’ho nemmeno con Conte. Non facevo parte del suo progetto? Amen. Invece parlerei bene di tanti: da Luxemburgo a Prandelli, da Fatih Terim – che personaggio, ha la Fiorentina nel cuore, come me e Ujfalusi a Delneri, che mi piaceva molto come uomo e come tecnico, uno dei migliori che ho avuto con Unai Emery (all’Almeria, ndr), Dunga e Prandelli”.

 

12 commenti

  1. [email protected]

    ho sentito qualche tifoso del galatasaray e mi ha detto che lo riscatteremo perche e un idolo che incita i tifosi ma comunque dato i nostri giocatori precedenti non abbiamo nessuna scelta….

    mi hanno detto del suo ‘special character’ che anche in turchia si e fatto espellere….

  2. Rimpiangere cosa di Diego? Le sue mozzarelle?

  3. “Mi sento già un capitano”

    Al solito.. magari in Turchia sarà un leader ma si lascia andare troppo con le parole esponendosi più del dovuto.

    “Penso che a Torino, ora che sono primi, siano contenti delle mie parole. Magari se finiscono settimi, diranno che rivogliono Melo”

    Non penso che rimpiangeremo Melo, non con Marchisio, Vidal e Pirlo.
    Potremo rimpiangere Diego forse, non Melo.

    Mah.. mi fa piacere che sia rimasto Juventino ma è troppo “rosicone” in alcune frasi.

    La colpa non era solo degli infortuni.
    La colpa è in primis della dirigenza, poi dei calciatori, degli infortuni ed infine dei tecnici vari.

    I dirigenti hanno sbagliato tutti acquisti prendendo gente non valida MENTALMENTE, gente che la Juventus non è riuscita a reggerla.

    I calciatori hanno fallito tutti o quasi.
    Alcuni bolliti (Grosso e Cannavaro), altri non da Juve (Melo, Bonucci, Amauri) che hanno offerto prestazioni scandalose. Capisco giocare male, ma non sono mai riusciti a tenere in pugno partite già vinte (vi ricordate Juventus – Chievo lo scorso anno da 2-0 a 2-2 rischiando di subire pure il beffardo 2-3 nel finale?).

    Gli infortuni li metto prima dei tecnici vari perchè per un allenatore influiscono molto.
    Cioè, da noi sempre 6/7 out non è facile.
    Ne tornavano 3 e se ne infortunavano altri 2, era un continuo cavoli.

    E infine gli allenatori che oltre a non aver mai dato un gioco alla squadra non gli hanno mai trasmesso il giusto carattere come ho detto prima. Prima di tutto la squadra mancava nella testa, nel coraggio, nella leadership. Non riuscivano ad imporsi quasi mai.

    Oltre a errori tattici, mentalità scadenti (Del Neri) ed inesperienza (Ferrara).
    Zaccheroni è stato preso come traghettatore e più di quello non poteva fare.

  4. [email protected]

    13millioni in arrivo e mi sgratto….

    ma e ingrassato o prende qualche sostanza ?la faccia sembre il doppio….sembra adriano….

  5. melo male che se ne è andato. non lo rimpiango proprio.

  6. Io dei rottamati targati Cobolli-Secco-Blanc rimpiango solo Diego , son convinto che con un 4-2-3-1 sarebbe stato una risorsa ottima, lottava su ogni pallone ed ha tecnica da vendere, avesse assorbito la determinazione e convinzione operaia di questa Juve di Conte avrebbe fatto bene a noi ed a lui che non sarebbe entrato prematuramente nella fase calante della carriera.Sinceramente vedere Vidal che ruba palloni accanto a Pirlo con Diego che sta qualche metro più avanti non mi avrebbe fatto schifo affatto,come anche Marchisio e Vidal dietro e Diego regista avanzato , avesse avuto Vucinic e Matri con cui dialogare …tante soddisfazzioni.avremmo avuto 4 centrocampisti di qualità da giostrare in base alle necessità.E scommetto che se ci fosse stato Conte al posto del canuto baffo non l’avremmo svenduto.ma queste son solo speculazioni.

  7. Infatti non ce lo vede nessuno davanti la difesa a impostare l’azione, e non si vedeva nemmeno lui.Quanto è semplice parlare quando in cabina di regia si ha Pirlo.Resta un ottimo centrale di centrocampo, con buona capacità di inserirsi, abile nello stacco aereo,ottimo in fase d interdizione e con un buon tiro da fuori.Se poi lo si acquista e gli si chiede di fare il Pirlo o lo Xavi della situazione il coglione non è lui, ma chi lo prende per fare ciò.A dimenticavo…..non difetta di carattere….proprio come questa squadra……se poi qualcuno mi dirà che a farlo partire è stato conte, io rispondo che lui era uno dei pochi con il quale si poteva monetizzare…….un saluto

  8. Io dico che potevamo tenercelo. Non era un regista, ma come stopper in mediana sapeva il fatto suo. Gli sono state attribuite troppe colpe per gli anni disastrosi in cui a giocato.
    Lui dice che la colpa non era di Del Neri, ma ricordiamoci che l’anno scorso avevamo una difesa pessima, e quest’anno guarda un po’ che muro abbiamo. Ed è stato aggiunto solo Stephan.
    Io me lo riprenderei. Però mi sa che è tardi :s

  9. Grande!
    Sempre umile!
    “mi sento già un capitano”…
    Addio senza rimpianti. ma ce lo vedete a impostare l’azione davanti alla difesa con uno dei suoi micidiali lanci orizzontali?

  10. Per me stasera avrebbe fatto moto comodo…e dico molto comodo….
    se poi vogliamo insultarl solo perchè ci sta sulle palle è un altro discorso……..

  11. Direi che gli insulti gratuiti possiamo pure lasciarli fuori no?

  12. due sole parole “PAGLIACCIO PSICOPATICO”. ha trovato la sua dimensione in turchia.Meglio così e che ci resti anche in futuro.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi