Fallimento Juventus, eppure fummo avvisati tutti... | JMania

Fallimento Juventus, eppure fummo avvisati tutti…

Fallimento Juventus, eppure fummo avvisati tutti…

Tanti tifosi in quest’ultimo periodo mi hanno scritto invocando una bella “gamba tesa” nei confronti di chi ha rovinato la Juventus anche quest’anno.\r\nDelneri e Marotta senza mai dimenticare però anche John Elkann e Blanc. L’unico ad esser salvato da questo disastro, almeno per ora, è Andrea Agnelli. Ma per quanto tempo ancora?\r\nIn questo momento invece …

Tanti tifosi in quest’ultimo periodo mi hanno scritto invocando una bella “gamba tesa” nei confronti di chi ha rovinato la Juventus anche quest’anno.\r\nDelneri e Marotta senza mai dimenticare però anche John Elkann e Blanc. L’unico ad esser salvato da questo disastro, almeno per ora, è Andrea Agnelli. Ma per quanto tempo ancora?\r\nIn questo momento invece non me la sento di sparare sulla croce rossa.\r\nE’ evidente che Delneri è ormai in pieno stato confusionale ma era anche ovvio sin dall’inizio che non era un tecnico da Juve. Eppure per mesi hanno provato ad indolcire la pillola ai tifosi accostandolo anche addirittura al nome e ai metodi di lavoro di Capello o esaltandone oltre la realtà il 4° posto ottenuto lo scorso anno alla guida della Sampdoria, sotto la supervisione di Marotta. Quest’ultimo ha invece dimostrato di non avere mentalità vincente ragionando estremamente da “provinciale” e operando sul mercato in maniera veramente imbarazzante. Emblematico l’ultimissimo caso “Piazon” che ha dimostrato in pieno che Marotta è un direttore sportivo abituato a ragionare solo da “piazzato”. Non da Juve quindi.\r\nA cosa servirebbe adesso cacciare Delneri? Ormai il latte è stato versato. Resta poco o niente da salvare.\r\nE poi la qualità della squadra è quello che è e le ambizioni di classifica sono ormai pressoché nulle.\r\nQuesto fallimento era ampiamente prevedibile sin dalla fine del mercato estivo e quindi nessuna giustificazione è accettabile ora ma infierire sarebbe inutile.\r\nEcco cosa scrivevo (scripta manent….) in data 1 SETTEMBRE 2010 a chiusura del mercato, quando tantissimi invece esaltavano l’operato della nuova Juventus.\r\nAlzi la mano chi si sarebbe aspettato un mercato come quello appena terminato dalla nuova Juventus targata Andrea Agnelli, Marotta, Paratici e Delneri?\r\nIo passo a mani basse.\r\nSeguo con passione la squadra bianconera da 30 anni, praticamente da quando sono capace di intendere e volere. Eppure ad un mercato come questo non avevo mai assistito.\r\nD’accordo, la drammatica stagione sportiva dell’anno passato suggeriva cambi drastici, ma mai mi sarei aspettato fino a questo punto e in questo modo.\r\nSoprattutto gli ultimi giorni di calciomercato sono stati seguiti dalla tifoseria juventina con assoluto senso di stupore ed impotenza, al punto che sono stato tempestato di e-mail e messaggi, con la mia bacheca su Facebook praticamente impazzita per le domande poste al sottoscritto.\r\nSe andiamo ad analizzare bene l’operato della dirigenza scopriremo che, tra acquisti e prestiti con diritto di riscatto, la Juventus ha investito potenziali 100 milioni di euro nel mercato in entrata per i cartellini.\r\n\r\nAlla fine sono arrivati ben 11 giocatori, una squadra intera.\r\nQuello che però resta sotto gli occhi di tutti è una cosa lampante: dei nuovi arrivi nessuno accende la fantasia dei tifosi, ne sarà in grado di poter far la differenza in futuro.\r\nCi sono persino bambini che si chiedono: e di chi mi compro la maglia quest’anno io?\r\nServiva davvero questa rivoluzione? No, parer mio, assolutamente no.\r\nNonostante la tragica stagione dell’anno passato le ragioni del fallimento andavano ricercate sopratutto nella catena impressionante di infortuni susseguitesi e nel fallimento tattico del cambiamento apportato da Ciro Ferrara al modulo 4-4-2 tanto caro alla Juve di Ranieri che ben aveva fatto in passato.\r\nNon andava smembrata in questo modo la squadra che l’anno scorso di questo periodo veniva accreditata dalla maggioranza degli addetti ai lavori come potenziale candidata allo scudetto facendo parlare l’allora presidente Blanc di “terza stella”.\r\nAndavano solo inseriti 3-4 giocatori di prospettiva e valore sopra la media, liberandosi degli ingaggi pesanti di quei giocatori ormai fuori dal progetto che ostacolavano la riprogrammazione futura.\r\nServiva davvero spendere quasi 10 miliardi di vecchie lire per un portiere 33enne che dovrà rimpiazzare Buffon per soli 4 mesi, avendo inoltre già in rosa Manninger?\r\nSiamo così sicuri che Motta sia meglio di Caceres?\r\nVedendo l’acquisto finale di Rinaudo per completare il reparto difensivo non era forse il caso di fare un ulterione anno di contratto a Cannavaro o tenere in rosa Ariaudo?\r\nServiva davvero investire 12 milioni di euro su un giocatore come Martinez, di difficile collocazione tattica e di dubbia qualità?\r\nServiva prendere Pepe e Krasic a quelle cifre quando oltre al rientrante Lanzafame si poteva puntare di più sulla classe del talento a costo zero di Giovinco, magari richiamando Palladino e mantenendo il tesoretto per colpi di spessore?\r\nVedendo l’attuale De Ceglie titolare da terzino sinistro siamo così certi che la Juventus abbia fatto bene a liberarsi di Criscito e Molinaro?\r\nSiamo certi che Candreva non sarebbe servito a questa Juventus?\r\nIl colpo di grazia per l’umore dei tifosi è stato, innegabile, l’aver ceduto Diego per poco più di 15 milioni di euro ed aver investito la stessa somma su Quagliarella.\r\nD’accordo, Diego non era Platini né Zidane ma nell’attuale Juve sarebbe stato innegabilmente l’uomo dotato di più qualità.\r\nI tifosi hanno sognato per un’estate intera la coppia Dzeko-Diego et voilà la coppia si è invece composta in Germania, proprio da quel Wolfsburg che ha sbeffeggiato la Juventus nella trattativa Dzeko. Rassegnazione.\r\nL’unico giocatore che potrebbe apportare un minimo di qualità alla Juventus è il redivivo Aquilani.\r\nMa qualcuno di noi è pronto a scommettere sulla sua integrità fisica, vedendo statistiche alla mano le sue presenze in campo negli ultimi 4 anni?\r\nLa nuova Juventus è una totale incognita. L’11 titolare, sembrerà impossibile, è stato notevolmente indebolito rispetto a quello della passata stagione.\r\nLa differenza con l’Inter è praticamente rimasta immutata (distanza anni luce), mentre è nettamente aumentata nei confronti del Milan e della Roma.\r\nE mentre l’anno scorso si partiva con speranze di scudetto, quest’anno l’obiettivo massimo potrà esser forse il quarto posto. E non è nemmeno detto sia così facile da raggiungere, guardando come si sono rinforzate le altre pretendenti.\r\nNo, i tifosi della Juventus proprio non se l’aspettavano un mercato così.\r\nL’avesse gestito Alessio Secco, all’uomo che “preparava le distinte” nella Juventus della Triade, l’avrebbero crocefisso in sala Mensa.\r\nMarotta e Andrea Agnelli invece dicono che va bene così, contenti loro.\r\nAlla Juve un colpo da 24 milioni alla Ibrahimovic o uno da 18 alla Robinho avrebbe fatto schifo?\r\nHanno ritenuto fosse meglio spendere 40 milioni di euro per 3 esterni che non fanno la differenza…..\r\nUn mercato che tanto ricorda quelli dell’Inter pre-calciopoli quando si compravano 3 terzini sinistri, 4 ali destre e si sommavano giocatori di dubbia qualità, quantità a quantità.\r\nMa per vincere, la storia insegna, servono sopratutto qualità e campioni che fanno la differenza.\r\nLa Juventus si ritrova ad iniziare la stagione con in attacco Amauri che non segna più, Quagliarella che non è mai stato un bomber, Iaquinta che ormai passa più tempo in infermeria che in campo e l’immortale 36 enne Alessandro Del Piero. Siamo sicuri che non sia stato un azzardo mandare via Trezeguet senza rimpiazzarlo con un adeguato sostituto?\r\nConclusione.\r\nIn questi giorni va molto di moda lo spot juventino per il nuovo stadio “accendi una stella”.\r\nVista invece la fine che fatto la Juventus rifiutata persino dai Burdisso, Di Natale, Kaladze e Borriello forse sarebbe il caso tutti di accendere…un cero!!\r\nCome si può constatare non serviva esser dei novelli Nostradamus per prevedere il fallimento totale della Juventus con largo anticipo. Bastava solamente capire un po’ di calcio.\r\nMa nella Juve degli ultimi 5 anni sembra una qualità troppo difficile da avere in dote….\r\nFare rimpiangere contemporaneamente Ranieri, Ferrara e Zaccheroni sembrava impresa ardua eppure Delneri c’è riuscito.\r\nMa ancor più “Mission Impossible” sembrava la possibilità di riabilitare l’operato di Alessio Secco. Invece Marotta in meno di un anno l’ha fatto ed anche in maniera consistente.\r\nNon resta quindi che sperare che a fine anno Delneri e Marotta facciano le valigie insieme ed insieme tornino alla dimensione “provinciale” che più gli compete, lasciando la Juventus prima di fare altri danni!\r\nD’altronde è dimostrato, la Juve post-Calciopoli è ampiamente capace di sbagliare da sola…\r\n\r\n(Di Stefano Discreti)

11 commenti

  1. La squadra costruita quest’anno rimane un incognita.E’ questo il vero valore dei singoli giocatori oppure conta ,ormai,la rassegnazione generale e il clima di sfiducia e impotenza?\r\nAl di là della confusione di Marotta e premesso il fatto che Del Neri è un allenatore “provinciale” non va dimenticato che dopo la seconda giornata (Juve-Samp 3-3) lo stesso mister aveva parlato in partenza di ‘obiettivo scudetto fuori dalla nostra portata’.Per queste dichiarazioni era stato quasi crocefisso dalla stampa e aveva quindi corretto il tiro con ‘nessun obiettivo ci è precluso’.\r\nPurtroppo bisogna rassegnarsi a questo: cercare di ripartire senza le pressioni di vittoria finale (un pò come il primo anno di Ranieri)e fare ogni anno un passo avanti con inserimenti mirati e di qualità per poi tornare ai vertici in un arco temporale di 3-4 anni.\r\nPer blasone e storia è difficile calarsi in questa dimensione ma così è.Se quest’anno avessimo raggiunto il 4° posto evitando le pressioni man a mano che ci si staccava dalla capolista la stagione non sarebbe stata catalogata alla voce totale fallimento (con la conseguenza,ora, di non aver più nemmeno chiaro, credo, come e da dove ripartire).

  2. L’anno scorso tutti dicevano… Magari avessimo noi Bonucci, Aquilani, Motta… Arrivano da noi e diventano scarsi…

  3. frano fiumicino

    Caro numero7, magari avessimo noi un Arnero ed uno Zapata, con il contorno di un INLER.\r\nDel Neri sta facendo quello che la DIRIGENZA permette di fare.\r\nCome mai dopo il Natale lo spogliatoio si sfalda?\r\nFino al 20 dicembre si parlava ancora di scudetto ed era sempre lo stesso allenatore, forse le ragioni vanno ricercate un poco più in alto, anche dello stesso Marotta.\r\nI giocatori spieghino il loro scarso impegno, pe5rchè non è possibile giocare in un modo contro l’INTER ed un altro modo contro il LECCE ed il BOLOGNA, senza dimenticare PARMA ed UDINESE.

  4. dnabianconero

    not sense, not sense, not sense….

  5. step x num. 7

    E’ vero quello che dici, ma quì però entra in gioco un altro fattore: la capacità dei giocatori di resistere alle pressioni psicologiche dell’ambiente juventino.Se mandiamo Bonucci a Palermo farà ancora meglio che a Bari.

  6. Devi ammettere però che Del Neri con la rosa a disposizione sta facendo del suo peggio. Non siamo certo da primi posti, ma la rosa mi pare nettamente superiore a quella di udinese e palermo. Se vedi che i titolari dell’udinese sono Benatia, Domizzi (ex panchinaro del napoli di qualche anno fa), Armero, Zapata… gente davvero da bassa classifica…

  7. Il problema è sempre solo quello: con pochi soldi si prendono solo mezzi giocatori.Marotta avrà anche preso Martinez a 12 mln, ma prendere un elemento di valore al suo posto significava spenderne almeno 20.\r\nRivoluzionare la squadra come la stampa e i tifosi pretendevano l’anno scorso, voleva dire spendere più di quello che ha speso il M.City di Mancini ovvero 120/160 mln (con Dzeko), E LA PROPRIETA’ “NON” HA VOLUTO SPENDERLI. Elkann ha solo sborsato una trentina di milioni e poi ha detto a Marotta di farseli bastare. Il nuovo DG ha fatto già tanto a “smaltire” elementi come Camoranesi,Poulsen.Trezeguet(che tanti rimpiangono ma ormai non è più quello dei tempi passati) e per poco anche Grosso.\r\nElkann e family non solo hanno sganciato poco denaro ma ci hanno preso per il c**o con la finta trattativa di Benitez per 3/4 mesi. I grandi tecnici vengono solo quando si acquistano giocatori importanti e anche Delneri farebbe bella figura con loro.

  8. Si ma Balzaretti e Cassani sono inubbiamente i terzini più forti in Italia e Nocerino è un centrocampista ottimo. Erano nostri perchè darli via per prenderne di peggiori. Sono d’accordo con @frano fiumicino visto che di errori ne sono stai fatti, ma sono stati fatti anche prima. Io confido nel tempo. Negli acquisti (pochi) estivi e nella mentalità e concentrazione da ritrovare degna della Juve.

  9. cassani? balzaretti? nocerino? vi voglio ricordare k siamo alla juve… e con tutto il rispetto x qst giocatori x vinvere servono giocatori cn gli attributi…..ma misa k marotta nn se n e ancora accorto…..

  10. frano fiumicino

    Non viene considerato il risparmio economico sugli ingaggi,senza contare che molti fruitori di questi ingaggi elargiti dalla passata dirigenza non sono voluti partire, Grosso, Amauri, Grygera,Bazzo etc. etc..\r\nAllora bisogna che ci decidiamo, la JUVENTUS andava o no rifondata?\r\nSono stati fatti degli errori, ma anche nella favolosa gestione della TRIADE ci sono stati degli acquisti non giustificabili e, a posteriori errati.\r\nA questa squadra mancano ancora due terzini validi (Cassani e Balzaretti non li ha venduti MAROTTA), un valido centrocampista di fatica (Nocerino non lo ha venduto MAROTTA) ed un esterno alto di sx.

  11. Cito: “””I tifosi hanno sognato per un’estate intera la coppia Dzeko-Diego et voilà la coppia si è invece composta in Germania, proprio da quel Wolfsburg che ha sbeffeggiato la Juventus nella trattativa Dzeko. Rassegnazione.”””\r\n\r\nDzeko attulmente è al Manchester con 7 presenze e 0 gol… statisticamente ininfluente. L’avesse preso Marotta sarebbe stato crocefisso. Io credo che ci sia ancora del lavora da fare ma forse non in direzione di quello che suggerisce il caro (a me) Stefano Discreti.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi