Fabio Capello: "un Andrea Pirlo sano fa ancora la differenza" | JMania

Fabio Capello: “un Andrea Pirlo sano fa ancora la differenza”

Fabio Capello: “un Andrea Pirlo sano fa ancora la differenza”

I consigli dell’ex. Per curare la Juventus malata, Fabio Capello non ha dubbi: “Serve qualità, non quantità”. E chi meglio di Andrea Pirlo, che ha divorziato dal Milan dopo 10 anni e che è già nella lista dei desideri della Juventus? “Se è sano può fare la differenza” dice il c.t. dell’Inghilterra. “La Juventus deve …

I consigli dell’ex. Per curare la Juventus malata, Fabio Capello non ha dubbi: “Serve qualità, non quantità”. E chi meglio di Andrea Pirlo, che ha divorziato dal Milan dopo 10 anni e che è già nella lista dei desideri della Juventus? “Se è sano può fare la differenza” dice il c.t. dell’Inghilterra. “La Juventus deve tornare competitiva, ma senza avere fretta – è la tesi di Don Fabio, in bianconero sia da giocatore che da tecnico -. Ha bisogno di qualità e non di quantità. Servono due o tre acquisti, ma di quelli veri. Come ha fatto il Milan in estate. Quando hanno preso Ibrahimovic e Robinho, ho chiamato Galliani dicendogli che finalmente avevano preso dei giocatori veri. E la Juventus deve fare esattamente lo stesso”. Il nome di Andrea Pirlo salta fuori quasi da solo: “Si sa bene che tipo di giocatore è Pirlo. Non so dove giocherà l’anno prossimo, ma spero possa giocare ancora a grandi livelli. Se sano è uno in grado di fare la differenza”. Capello parla anche della scelta di Antonio Conte come timoniere del nuovo corso bianconero: “È un’idea giovane, come fu Guardiola per il Barcellona. E a lui auguro lo stesso successo. Ricordo che alcuni anni fa incontrai il presidente del Barcellona all’aeroporto e gli chiesi: chi prendete come allenatore? Guardiola, mi rispose. E io rimasi sorpreso. Anche Berlusconi ebbe questo coraggio con me, alle volte bisogna avere il coraggio della novità“.
Nel nuovo corso della Roma, la squadra con cui Capello vinse lo scudetto 2001, potrebbe esserci spazio per Fabio Baldini, che attualmente lavora per l’Inghilterra: “Resta al cento per cento fino alla fine delle qualificazioni per Euro 2012 – precisa il c.t. -. Tra me e lui c’è un grande rapporto, e la scelta di andare o no alla Roma spetta solo a lui”.

Credits: Gazzetta.it
Fracassi Enrico

5 commenti

  1. io credo ke ha ragione capello anke se pirlo sano o pirlo non sano rimane sempre un grande campione,certo però ritornando sul discorso di capello un pirlo sano potrebbe fere davvero la differenza in questa juve………

  2. io credo ke ha ragione capello anke se pirlo sano o pirlo non sano rimane sempre un grande campione,certo però ritornando sul discorso di capello un pirlo sano potrebbe fere davvero la differenza…….

  3. Beh a P0 il rischio bidone c’è meno. Poi guarda cafù.. al milan arrivò a 33 anni e fece sfracelli…

  4. Ecco appunto,un Pirlo sano…ma sara’ cosi ? Mi sembra ancora strano
    che il Bilan lo abbia lasciato andare via senza opporre resistenza.
    Speriamo che nn sia arrivato alla cottura,perchè dopo 10 anni di Bilan di km ne ha fatti davvero tanti,di botte ne ha prese a destra e a manca
    quindi spero che nn sia l’ennesimo bidone che ci rifilano…

  5. Confermo la tesi di Fabio Capello. Pirlo è un fuoriclasse assoluto, uno dei migliori metodisti al mondo.Importante è la tenuta fisica.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi