Interviste Primo Piano

Evra: “Ho lasciato la Juve per rispetto”

Patrice Evra addio juventus
Scritto da Redazione JM

Patrice Evra è stato oggi a Torino per salutare i suoi ex compagni e per spiegare a Sky Sport i motivi dell’addio anticipato

Patrice Evra è stato oggi a Torino per salutare i suoi ex compagni. È stata l’occasione, per il 35enne terzino francese, per chiarire il suo addio alla Juventus davanti alle telecamere di Sky Sport. Alla luce dell’addio, la voglia dell’ex United di giocare con continuità, cosa che in bianconero non era possibile per la presenza di Alex sandro.

"Non è stata una scelta facile quella di lasciare la Juventus - esordisce lo ‘zio Pat’ - , nemmeno io mi sarei aspettato di andare via questa estate. Dopo l’Europeo sono tornato molto carico, con tanto entusiasmo, pronto a ricominciare e voglioso di vincere la Champions, come ho detto anche in alcuni video che ho pubblicato su Instagram. Quando è cominciata la stagione però la prima partita non ho giocato, la seconda nemmeno e dopo la terza, con molta educazione, sono andato da Allegri a chiedere spiegazioni. Il mister mi ha detto di non preoccuparmi, che avrei trovato spazio in Champions e anche i miei compagni hanno cominciato a prendermi in giro chiamandomi ‘l’uomo della Champions’, solo che per me giocare una partita al mese non era sufficiente. Dopo la prima sosta per le Nazionali ho sentito qualcosa e ho capito che in questo modo non sarei stato felice: la gente può dire che la mia sia stata una scelta egoistica, però preferisco essere onesto con me stesso e andare via invece di restare senza motivazioni e senza più riuscire a dare il massimo per la mia maglia".

L’impressione, dunque, è che fosse ormai deteriorato il rapporto con Massimiliano Allegri, che pure l’hanno scorso lo ha preferito tante volte ad Alex Sandro, anche quando magari il brasiliano avrebbe meritato di giocare di più. Quest’anno le gerarchie sono cambiate e nonostante non fosse più un ragazzino, ha chiesto di giocare di più.

"Io devo dare il 100% per una squadra e se sento che non riesco a farlo, se sento che sto dando anche solo il 90%, per me non va bene: la Juventus è una squadra che rispetto tantissimo e per non fare un torto ai dirigenti, Marotta, Agnelli, Paratici e Nedved, che sono dei veri gentiluomini, ho deciso di lasciare e loro hanno capito il mio discorso. Non posso che ringraziarli per la loro comprensione e per tutto quello che mi hanno dato".

Evra: "No United per colpa di qualcuno"

Prima di firmare con il Marsiglia, Evra è stato vicino al ritorno al Manchester United, ma qualcuno ha messo i bastoni tra le ruote…

"Sono stato molto vicino a un ritorno al Manchetser United - ammette - : avevo parlato anche con Mourinho, ma c'era una persona, della quale non dirò il nome, che probabilmente non gradiva il mio ritorno. Anche i tifosi erano entusiasti e sarebbero stati felicissimi, ma siccome avevo capito che non si sarebbe fatto nulla allora ho chiesto al mio agente di cercare altre squadre. Ce ne erano tante che mi volevano, tra queste anche il Marsiglia che mi ha subito conquistato con il suo progetto e con il quale si è subito creato un gran feeling. Ci abbiamo messo solo un giorno per chiudere la trattativa: la mattina ero ad allenarmi a Vinovo e nel primo pomeriggio, alle 15.00, ricevo un messaggio del mio agente che mi avvisa che avevo un aereo solo due ore dopo per raggiungere Marsiglia e fare le visite con il club. Ma come è possibile? mi sono chiesto. A quel punto sono corso a casa, ho radunato in fretta le mie cose, sono partito, alle 21.30 ho completato le visite e alle 23.00 ho firmato il contratto, perché loro mi volevano subito in campo contro il Montpellier. Mi hanno trattato veramente come un Dio, facendomi capire che avevano veramente bisogno di me e questa cosa mi ha fatto molto piacere".

Infine, una battuta sul prossimo derby d’Italia:

"Vincerà la Juventus, ne sono certo. L'Inter è una squadra forte, è vero, ma ho troppa fiducia nei miei compagni e nei metodi di lavoro di Allegri per dire il contrario. Alla fine credo che con la personalità e la grinta che hanno i nostri giocatori sarà veramente difficile per l'Inter: poi è normale che può accadere di tutto, ma non mi posso immaginare la Juve che non batta i nerazzurri, con tutto il rispetto per la squadra di Pioli", conclude Evra.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi