Esclusiva, Beccantini a Juvemania: "La Juve in Europa League merita 2. La stella a Boniek? Non bocciatelo per le sue opinioni. Calciopoli? A Napoli portate alla luce molte stranezze" | JMania

Esclusiva, Beccantini a Juvemania: “La Juve in Europa League merita 2. La stella a Boniek? Non bocciatelo per le sue opinioni. Calciopoli? A Napoli portate alla luce molte stranezze”

Esclusiva, Beccantini a Juvemania: “La Juve in Europa League merita 2. La stella a Boniek? Non bocciatelo per le sue opinioni. Calciopoli? A Napoli portate alla luce molte stranezze”

Roberto Beccantini, storico giornalista sportivo ed ex firma del quotidiano ‘La Stampa’, è stato intervistato dalla redazione di Juvemania per fare un primo bilancio della stagione bianconera, oltre che per dire la sua sull’attuale campionato di serie A e sulle ultime vicende relative al processo di Calciopoli in corso a Napoli. Come era facile attendersi, …

Roberto Beccantini, storico giornalista sportivo ed ex firma del quotidiano ‘La Stampa’, è stato intervistato dalla redazione di Juvemania per fare un primo bilancio della stagione bianconera, oltre che per dire la sua sull’attuale campionato di serie A e sulle ultime vicende relative al processo di Calciopoli in corso a Napoli. Come era facile attendersi, il nostro colloquio ha fatto emergere spunti di grande interesse.

Cominciamo ovviamente dalla Juventus… L’uscita dall’Europa League è un bicchiere mezzo pieno per la Vecchia Signora? Non avendo una rosa adeguata a supportare e sopportare 3 competizioni, d’ora in poi potrà concentrarsi solo sul campionato. A livello economico, però, si rinuncerà a 6-8 milioni di euro che sarebbero stati utili per il mercato. O no?
«Non discuto il ritorno utilitaristico, anche se mi ripugna farlo, visto che, bene o male, stiamo parlando della Juventus. Credo, però, che si debba parlare di bicchiere mezzo vuoto. Con tutto il rispetto per tutte le squadre di tutto il mondo, la Juventus – “anche” questa Juventus – non può raccogliere la miseria di due punti contro il Salisburgo».

Che voto dà a questo scorcio di stagione bianconera? Marotta e Del Neri le sembra stiano lavorando bene?
«Sei e mezzo in campionato, due in Europa League».

Paradossalmente i problemi maggiori potrebbero sorgere durante la prossima stagione: occorre arrivare assolutamente in zona Champions per disporre di liquidi da investire. E c’è un certo Alex Del Piero da sostituire. L’anno prossimo dovrebbe giusto fare la comparsa per il nuovo stadio… E poi ci sono i prestiti da riscattare o meno. Insomma ci sarà un bel po’ da fare in sede di mercato.
«Concordo. Basta pensare ad Aquilani e Quagliarella, da pagare, appunto, la prossima estate. Per questo, la zona Champions diventa un obiettivo irrinunciabile, anche se sarà molto dura centrarlo. Caso Del Piero: mi auguro che società e giocatore prendano una decisione netta, intera. Il capitano va per i 37, non dimentichiamolo, e il caso Raul – madridista ad honorem, esule a Gelsenkirchen – insegna che se le radici sono forti non sarà certo un momentaneo “temporale” a insidiarle».

Boniek e la stella nel nuovo stadio Juve. I tifosi bianconeri si sentono un po’ presi in giro, non fosse altro per il fatto che l’attaccante polacco non corrisponde a nessuno dei requisiti proposti dalla società per l’ottenimento del riconoscimento: non è entrato tra i primi 100 per le presenze, per i gol, non è stato capitano, non ha vinto il pallone d’oro… Perché hanno voluto mettercelo a tutti i costi? Che idea si è fatto della vicenda?
«Se Zibì non risponde ai requisiti, è un conto: mi arrendo. Ma se il motivo della protesta è legato alle sue critiche alla Triade, mi ribello. Trovo aberrante – sempre che sia questa la scintilla scatenante – promuovere o bocciare le persone in base alle loro opinioni. Voltaire, dalla tomba, starà scalciando come un mulo».

Il Milan è in fuga, diciamo “fughina”. Eppure non ha mai dimostrato di essere un’armata invincibile. Tutt’altro! Nelle passate settimane ha avuto parecchi alti e bassi, ma un certo Ibrahimovic ha risolto partite nelle quali i rossoneri non hanno fatto granché. Basterà lo svedese per raggiungere lo scudetto?
«Sì, assolutamente. Nell’ambito di un torneo mediocre come il nostro, Ibra rimane la carta che spariglia. Non a caso, ha vinto gli ultimi sette campionati ai quali ha preso parte: Ajax, Juventus, Juventus, Inter, Inter, Inter, Barcellona».

L’Inter, invece, sembra proprio aver chiuso un ciclo. Giocatori logori, tecnico non all’altezza, eccessivi infortuni… Quali sono secondo lei i motivi della crisi nerazzurra? E se fosse finito l’effetto Calciopoli? Quell’effetto che li ha fatti vincere per qualche anno facendoli credere invincibili?
«Due motivi, soprattutto: gli infortuni e la pancia piena. Benitez c’entra solo alla voce infortuni, sempre che abbia sbagliato preparazione. Quando si vince troppo, ed è il caso dell’Inter, prima o poi si paga. In compenso, sorrido alle critiche rivolte a Mourinho per aver spremuto i giocatori come limoni. Mi scusi: avrebbe dovuto tenerli in frigo?».

Calciopoli, a proposito. Le ultime news parlano di sim svizzere intercettabili, ma non intercettate. Strano no? E che dire poi del perito del tribunale di Napoli, De Falco, che da interista si dice “sorpreso per come siano state condotte le indagini”?
«Il processo di Napoli sta portando alla luce molte stranezze. Non credo alla associazione per delinquere, credo alla frode sportiva: al campionato in oggetto, 2004-2005, non erano iscritte soltanto Inter, Juventus e Milan (dettaglio che, in base alle intercettazioni di Calciopoli 2, lo avrebbe reso regolare per somma di irregolarità), ma altre diciassette società, non tutti i dirigenti delle quali hanno toccato i picchi illeciti di Moggi, Meani, Della Valle e, in base ai nastri dissotterrati, Facchetti. Risulterà anche a lei che il dottor Narducci sia furibondo con Auricchio per la storia delle bobine interiste omesse o trascurate. Senza restringere e annacquare le responsabilità dei protagonisti di Calciopoli 1, le intercettazioni di Calciopoli 2 hanno allargato il campo e coinvolto l’Inter. Non mi sembra poco. Guai, però, a cadere nella sciocchezza del “così facevan tutti”. Così facevan molti. Non tutti».

La ringraziamo molto per il tempo concessoci.

Intervista realizzata da Mirko Nicolino

7 commenti

  1. beccantini e’ dura anche x lei ammettere che nel 2006 sono state fatte contro la juve tante di quelle porcherie e lei ha scritto cose dimostratesi false al processo vero quello di napoli..PS..ma non era anche lei dopo che moggi e’ stato assolto al processo gea ,A DIRE CHE IL VERO PROCESSO A CALCIOPOLI!? ERA QUELLO DI NAPOLI..?…la verita’ verra’ fuori..piaccia non piaccia…

  2. frano fiumicino

    Sor BECCANTINI, quali sono i picchi illeciti toccati da MOGGI e company?
    Ce li vuole spiegare cortesemente? Parlare a vanvera non produche che pattume, non crede? Allora ci dica quali illeciti hanno commesso e, possibilmente ce li provi.
    Grazie

  3. un vecchio paziente

    e se ci dicesse perche’ moggi avrebbe dovuto montare un simile baraccone per fare quelle stesse cose che a milan e inter riescono per dono di natura sarebbe proprio il massimo.

  4. un vecchio paziente

    se poi ci spiegasse con chi moggi ha fatto questa benedetta frode sportiva ci tranquillizzeremmo una volta per tutte.

  5. un vecchio paziente

    sig. beccantini, perche’ non riapre quell’ospedale vera e propria fucina di talenti naturali e di cui si sente il bisogno. per quanto riguarda calciopoli ha usato il verbo giusto, credo. come negli atti di fede e nelle visioni soprannaturali.

  6. Diciamo che su qulla parte di Calciopoli non mi trova d’accordo, nel senso che nessuno di noi vuole dire “così facevan tutti”, ma su 20 lo facevano 19. Sono pochi quelli che si salvano. Cmq, le sue risposte sono sempre un pezzo unico di giornalismo. Poesia, almeno per le mie orecchie.

  7. il Beck in esclusiva? acc complimenti…

    però Beck, se era la stessa federazione a dare ai club i numeri di telefono dei designatori, vuol dire che volevano essere chiamati proprio da tutti, no?
    e allora c’erano dentro proprio tutti, o forse semplicemente non c’era niente di scorretto…

    e se Narducci è così furibondo con Auricchio allora che lo incrimi per – come minimo -omissione d’atti d’ufficio… 😉

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi