Emerson "Il centrocampo Juve è da scudetto" | JMania

Emerson “Il centrocampo Juve è da scudetto”

Emerson “Il centrocampo Juve è da scudetto”

La Juventus che ha letteralmente annichilito la Fiorentina ha sfoderato una grande prova, soprattutto a centrocampo, dove il trio Pirlo-Vidal-Marchisio si è espresso ai livelli di inizio stagione: ritmo, qualità e pressing asfissiante sugli avversari. A commentare la stagione della Juve, ci ha pensato oggi, dalle colonne di ‘Tuttosport’, il ‘Puma’ Emerson, uno che di …

La Juventus che ha letteralmente annichilito la Fiorentina ha sfoderato una grande prova, soprattutto a centrocampo, dove il trio Pirlo-Vidal-Marchisio si è espresso ai livelli di inizio stagione: ritmo, qualità e pressing asfissiante sugli avversari. A commentare la stagione della Juve, ci ha pensato oggi, dalle colonne di ‘Tuttosport’, il ‘Puma’ Emerson, uno che di centrocampo sene intende, eccome: “Quella di sabato è una delle poche partite della Juve che mi sono perso, ma solo perché ero in viaggio. So però che la squadra di Conte ha vinto 5-0 zero. Buon segno, il campionato è ancora aperto, anche se il Milan è un modello di regolarità. Ma se quei tre girano al massimo…”, spiega l’ex numero 8 bianconero che poi si sofferma sul centrocampo a disposizione di Conte. “Bene, quel trio è di valore mondiale. Pirlo ci mette cervello ed esperienza, Vidal personalità e forza, Marchisio talento e nervi. Loro sono da scudetto, su questo non ho dubbi. Il cileno in particolare mi ha colpito. E’ giovane, ma ha impiegato pochissimo a integrarsi in un campionato difficile come quello italiano. E ho l’impressione che Vidal abbia capito soprattutto lo spirito Juve. Lo dico sempre, quando mi viene chiesto dei miei anni bianconeri: è la società a fare la differenza. Se lo capisci, fai la tua fortuna di calciatore. In caso contrario sprechi un’occasione importante. Vidal non la sprecherà”, prosegue l’ex Roma, Juventus, Milan e Real Madrid.

Il Milan rimane comunque il favorito, secondo Emerson, poiché dispongono di una rosa qualitativamente più completa di quella bianconera: “Hanno una rosa più ampia. Esce Robinho ed entra Pato. E pure a centrocampo Allegri ha solo l’imbarazzo della scelta. Mentre Conte deve sperare che quei tre stiano sempre bene. In prospettiva i dirigenti della Juve devono lavorare su questo aspetto. Creare una squadra che sia tutta di livello Mondiale, come quella in cui ho giocato io. Quella Juve era davvero incredibile sia per la qualità, sia per l’esperienza dei suoi componenti. Sono seguiti anni difficili, ora però a Torino hanno imboccato la strada giusta”, conclude le’x centrocampista bianconero.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi