Egitto, strage durante una partita di calcio: 73 morti ed oltre mille feriti | JMania

Egitto, strage durante una partita di calcio: 73 morti ed oltre mille feriti

Egitto, strage durante una partita di calcio: 73 morti ed oltre mille feriti

Una vera e propria battaglia su un campo di calcio ha lasciato ieri sera sul terreno 74 morti e quasi mille feriti, secondo un bilancio che potrebbe ancora salire. ”E’ il peggiore disastro nella storia del calcio egiziano”, ha dichiarato il vice ministro della sanita’ Hesham Sheiha parlando alla televisione di Stato, mentre il capo …

Una vera e propria battaglia su un campo di calcio ha lasciato ieri sera sul terreno 74 morti e quasi mille feriti, secondo un bilancio che potrebbe ancora salire. ”E’ il peggiore disastro nella storia del calcio egiziano”, ha dichiarato il vice ministro della sanita’ Hesham Sheiha parlando alla televisione di Stato, mentre il capo del consiglio militare Hussein Tantawi ha promesso che chi ha ispirato questa violenza non la fara’ franca. Gli scontri di questa sera nello stadio di Porto Said, nel nord dell’Egitto, tra i tifosi della squadra ospite di el Ahly e quella locale di al Masry ripropongono drammaticamente la questione della sicurezza nell’Egitto del dopo rivoluzione, dove la polizia gioca un ruolo di basso profilo e le partite di calcio sono diventate un avvenimento ad alto rischio anche per la violenza degli ultras. Ed in questo clima si sono subito inseriti i Fratelli musulmani che hanno accusato i sostenitori dell’ex presidente Hosni Mubarak ”di aver pianificato gli scontri”. Teatro delle violenze lo stadio di Porto Said, citta’ portuale, dove si giocava ieri sera la partita di premier League fra el Ahly, la squadra della capitale, una delle due principali del paese, e il team locale. Con un risultato a sorpresa ha prevalso per 3-1 la squadra di casa, ma questo non ha impedito una furibonda invasione di campo dei sostenitori del Masry che hanno dato la caccia ai giocatori avversari, dai quali li divide una accesa ostilita’ di lunga data. Per il medico dell’Ahly, Ehab Ali, non e’ stato altro che ”una guerra pianificata”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Tkwo70W0j2k[/youtube] 

Le immagini della televisione di stato egiziana mostrano centinaia di supporter invadere il campo non appena fischiata la fine del match, mentre la polizia in assetto antisommossa appare incapace di gestire la situazione e si tiene sostanzialmente a bordo campo. Da un primo bilancio di sette morti si e’ saliti in meno di un’ora a oltre settanta e mille feriti. La maggior parte delle vittime sono state schiacciate nella calca. Molti gli uccisi da coltellate e quelli caduti dalle gradinate. Drammatiche alcune delle testimonianze dei giocatori dell’ Ahly raccolte dalla tv del club. ”Le forze di sicurezza ci hanno abbandonato, non ci hanno protetto. Un supporter mi e’ appena morto davanti agli occhi negli spogliatori”, ha urlato al telefono il veterano Mohamed Abou-Treika implorando che venissero mandati aiuti. Dopo poco l’esercito ha inviato due elicotteri per evacuare dallo stadio, dove erano rimasti intrappolati, giocatori e tifosi della squadra ospite. A far temere che non si trattasse di un episodio isolato c’e’ stata anche la notizia di un incendio scoppiato nello stadio del Cairo dove si svolgeva la partita tra l’altra squadra del Cairo al-Zamalek ed un altro team della Premier League, che hanno portato i responsabili ad annullare la partita. Ma le fiamme sono state domate subito e si e’ parlato di un guasto ad una cabina elettrica. Dopo gli scontri e mentre ancora le ambulanze facevano la spola con gli ospedali, l’esercito e’ stato schierato a Port Said per prevenire altri incidenti e a tarda sera e’ stato annunciato l’arresto di 47 persone.
Tantawi, in una inconsueta telefonata alla televisione di el Ahli, ha assicurato che ”il paese superera’ questa fase. L’Egitto sara’ stabile. Abbiamo una roadmap per trasferire il potere a civili eletti. Se qualcuno punta all’instabilita’ in Egitto , non vincera’. Ciascuno avra’ quel che si merita”. ”Questi fatti possono avvenire ovunque nel mondo ma non lasceremo che chi c’e’ dietro la faccia franca”, ha promesso. La Federazione calcio egiziana ha sospeso i match sine die, mentre il presidente della Fifa Blatter ha parlato di ‘giornata nera per il calcio’. Il Parlamento e’ convocato per domani in seduta urgente e Tantawi ha annunciato anche la creazione di una commissione che indaghi sull’origine delle violenze. La tifoseria dell’Ahly, nota con nome di Ultras era nei mesi scorsi in piazza Tahrir quando si sono verificati gli scontri fra sostenitori e oppositori della rivoluzione.”E’ un messaggio dei partigiani dell’ex regime”, hanno commentato sul loro sito i Fratelli musulmani subito dopo la strage.

Credits: Ansa
Fracassi Enrico

 

Un commento

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi