E se Moggi avesse ragione? | JMania

E se Moggi avesse ragione?

E se Moggi avesse ragione?

(di Gaver) Voglio esordire affermando fortemente che Big Luciano mi ha sempre affascinato più come gran conoscitore del mondo del pallone che come uomo immagine della mia squadra del cuore, ma colgo anche l’occasione per dargli atto di intuizioni calcistiche di altissimo livello, forse assoluto. A parte le considerazioni prettamente tecniche, vorrei soffermarmi in questa …

(di Gaver) Voglio esordire affermando fortemente che Big Luciano mi ha sempre affascinato più come gran conoscitore del mondo del pallone che come uomo immagine della mia squadra del cuore, ma colgo anche l’occasione per dargli atto di intuizioni calcistiche di altissimo livello, forse assoluto.
A parte le considerazioni prettamente tecniche, vorrei soffermarmi in questa sede su una settimana di polemiche inutili, superflue e che nulla hanno a che fare con uno sport.
Non per campanilismo, ma son convinto che una società quotata in borsa abbia il sacrosanto dovere (non diritto) di comunicare ogni suo sentimento per iscritto, compresa la convinzione di essere stata defraudata; ciò non per puro senso di tifoseria, ma perché una società quotata in borsa ha adempimenti obbligatori che vanno ben al di la di una semplice chiacchierata da bar.
Da qui, la mia ferma convinzione che il comunicato della Juve stia ampiamente all’interno di canoni di sportività e correttezza che le comuni leggi dello sport prevedono.
E’ altro che invece ha interessato, ha incuriosito le mie attenzioni; ovvero la presa di posizione di protagonisti che cambiano opinione alla stregua di come cambiano le camicie (o almeno, è un mio augurio), che son capaci di ovviare alle proprie precedenti esperienze attraverso dichiarazioni di facciata che possano rendere in qualche modo sereno il “padrone” di turno.
E fin qui, sinceramente e dal punto di vista umano, non ci trovo granché di sconvolgente; d’altronde, ognuno gestisce la propria dignità come meglio crede, sarà quella stessa dignità a presentare il conto a fine corsa, sempre per coloro che credono in certi valori.
Ma la domanda che mi pongo nel titolo vira altrove!
Per ragioni di praticità,non potendo montare una parabola, a volte mi vedo costretto a seguire autentici filosofi del calcio che su Mediaset impazzano; e fin qui, niente di male… se non fosse che questi filosofi non perdono occasione per poter ovviare ad argomenti scadenti attraverso discutibili palinsesti ed opinioni che fanno male al calcio molto di più delle tante demonizzate dichiarazioni di Conte.
Mi chiedo, per esempio, che senso ha oggi, 19 febbraio 2012, riproporre, su Mediaset Premium, una smielata ricostruzione dell’epoca della tanto discussa partita Juve-Inter?
Poi, in giorni come questi densi di sterili ed inutili polemiche, ed alla vigilia di un Milan-Juve che potrebbe essere importante per il titolo.
Vedete, Moggi non sarà stato uno stinco di santo, d’altronde nessuno può esser in un mondo in cui girano interessi da capogiro,ma forse la sua teoria di dover difendere la Juve, all’epoca, non è poi così fantasiosa.
Basta riprendere la storia degli ultimi campionati, e verificherete la presenza di episodi dubbi un po’ a favore di tutte le presunte big.
Eppure, nessuno si permette di ricordare il gol di Materazzi&Toldo con carica su Buffon e dei rigori in serie per gli eroi del triplete, dei tanti episodi in favore del Milan, della Roma salvata con decreti ad hoc e con, anche qui, comportamenti arbitrali non sempre lindi.
Nessuno lo fa, la Juve forse tira di più anche a livello mediatico; ma io sto con Conte anche quando è stizzito nei confronti di cori che ormai lasciano il tempo che trovano… Basta riguardare le partite per capire come gli stessi episodi a favore della Juve vengano ingigantiti, mentre per gli altri c’è sempre il beneficio del dubbio.
Un’ultima considerazione, per quei telecronisti che sinceramente andrebbero seguiti a volume nullo… Ma è cosi difficile fare una telecronaca che sappia solo di sport? E non densa di false polemiche o tentativi di generarle quelle polemiche. Piccinini, ieri sera, è stato davvero “scarso”, è questo l’unico aggettivo che egli può meritare.
Chiudo asserendo ancora che Moggi non era difensore di nessuna verità e di nessuna parte lesa, ma probabilmente aveva capito prima di altri che le cose peggiori arrivano dai diavoli travestiti da santi.

9 commenti

  1. Complimenti per l’articolo Gaver.

    Io dico solo che Moggi ”combatteva” contro Cragnotti, Tanzi, Berlusconi, Moratti, Ferlaino , Della Valle, Gaucci, Casillo e tanti altri che al loro cospetto lui è Padre Pio. 😀 .

  2. @zebrato ha ragione “drugo” la rovina “calcistica” del direttore, proviene dall’interno della famiglia dai famosi eredi indiretti che non capivano di calcio, ma che successivamente, forse, si sono ravveduti ed hanno riconsegnato la squadra ad agnelli il vero titolare, permettendogli di agire per il bene della stessa.Speriamo che la protezione continui almeno protremo riottenere per via legale la onesta calpestata.

  3. Premetto che non seguo la trasmissione televisiva Controcampo per il semplice motivo che è una trasmissione di parte, con due frequentatori, uno tifoso milanista e l’altro tifoso laziale, che commentano gli episodi pro domo loro. Aborro solo al pensiero di fare l’abbonamento a Premium calcio; ho quello con Sky per il semplice motivo che con questa piattaforma ho la possibilità, pagando 8 € al mese, di sintonizzarmi sul canale 231 riservato a Juventus Channel. Detto questo credo che alla società Juventus manchi, non so se per propria scelta, un comunicatore con il carisma del dr. Galliani. In passato abbiamo avuto alcuni personaggi come Giampiero Mughini e nulla più. Forse l’unico che potrebbe garantirci una presenza qualificata in tal senso sarebbe quel Claudio Zuliani o Paolo Rossi di Juventus Channel che sono stati e sono, nel caso di Zuliani, impiegati in trasmissioni televisive di poco spessore mediatico. In Rai ed in Sky la nostra partecipazione è totalmente assente, per cui gli altri la fanno da padroni.

  4. @Zebrato, Il DIRETTORE è stato affossato (e non è ancora finita 🙁 ) dalla “nostra” proprietà!! Nessun’altro l’ha affossato, nessuno!! Tutto è partito da Torino e dintorni, gli altri ne hanno solo approfittato!! VERMI!!

  5. Trascuriamo, per qualche attimo, di parlare di quel “diavoletto Moggi”.
    Vogliamo fare un elenco di tutti i “santarelli” che operano nei più grossi club del calcio italiano??
    Chi possiamo inserire nella lista dei buoni??
    Forse sono un pò smemorato, ma non mi viene in mente NESSUNO.
    Mi vengono in mente alcuni nomi ma appertengono a personaggi che non meritano nemmeno di essere menzionati; personaggi che per raggiungere il loro scopo, hanno calpestato le più elementari regole dell’onestà.
    Personaggi che dal Sig. MOGGI hanno tantissimo da imparare.
    MOGGI, ha difeso la socità che lo pagava e, contrariamente ad altri, lo ha fatto con onestà.
    MOGGI era, ed è, grande conoscitore del calcio e di tutti quelli che volevano il male della JUVE. MOGGI!! Personaggio scomodo.

  6. Basta cambiar canale…cosi come i tifosi juventini hanno affossato la Gazzetta dello Sport NON comperandola più, altrettanto potranno fare con certi reti televisive.
    In attesa di un canale tematico “Juventus” ove dar spazio a civiltà, educazione e sport.

  7. Baldini, Auricchio, moratti, Nucini, facchetti, Abete e guidorossi eterni esempi di slealtà, falsità, cartone, prescrizione e vergogna

  8. Ci sono solo 2 personaggi che hanno rovinato e continuano a rovinare il calcio italiano….IL NANO E IL SUO SERVO PELATO….e tutta la schiera di parassiti che li’ seguono….da quando ci sono loro, il calcio italiano ha iniziato una discesa inarrestabile…..forza juve

  9. W Il DIRETTORE!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi