E se ci stessimo sbagliando a inneggiare alla Casoria? | JMania

E se ci stessimo sbagliando a inneggiare alla Casoria?

E se ci stessimo sbagliando a inneggiare alla Casoria?

Oggi ho comprato il mio giornale di fiducia (Calcio Gp), un settimanale nel quale mi ritrovo. Ci leggo i miei amici gobbi, da Momblano a Corsa, Ricchiuti, da Angelini a Zampini, Leonetti, Pollicelli e chi più ne ha più ne metta e mi scuso in anticipo se ho dimenticato qualcuno, ma non è del giornale …

Oggi ho comprato il mio giornale di fiducia (Calcio Gp), un settimanale nel quale mi ritrovo. Ci leggo i miei amici gobbi, da Momblano a Corsa, Ricchiuti, da Angelini a Zampini, Leonetti, Pollicelli e chi più ne ha più ne metta e mi scuso in anticipo se ho dimenticato qualcuno, ma non è del giornale che vi voglio parlare oggi. Vi voglio parlare di un’idea che mi frulla per la testa da qualche giorno e della quale voglio fare partecipe i miei amici succitati, che sicuramente riguardo a Farsopoli ne sanno più di me.
Come tutti voi, sono ben presente sul Web e su Facebook che ormai è diventato uno dei nostri “migliori” mezzi di diffusione delle informazioni “vere”, o della controinformazione come qualcuno ama dire. Da un po’ di giorni leggo sul Web e su Facebook , appunto, della nascita di siti in difesa della giudice di Napoli Teresa Casoria. Siti e pagine che come si può immaginare hanno avuto subito molto successo e a cui mi sono iscritto e ho partecipato dicendo la mia. Ora, io non sono un esperto del processo di Farsopoli, lo seguo come tutti gli juventini con apprensione, tuttavia ho la chiara impressione che la giudice Teresa Casoria non sia per niente Juventina. Non ne ho la certezza, ma non mi sembra affatto… La mia idea è che la Casoria abbia solo a cuore di fare il proprio lavoro bene e nulla più. Quindi la domanda che mi passa per la testa da un po’ di giorni e che rimando agli esperti del caso è: ‘’ E se noi invece inneggiando alla  Casoria stessimo facendo il gioco dei Pm che la vogliono ricusare?’’
Cioè , non è che così facendo stiamo dando una carta in mano in più a quei Pm (e ai media) per dire: “Avete visto che la Casoria non è imparziale? Lo sanno tutti gli juventini che è dalla loro parte”. Attendo risposte, certo che quella che stiamo combattendo dal 2006, è una guerra  per niente facile da vincere.

Di Alessandro Magno per Juvemania.it

19 commenti

  1. Ciao Filippo lungi da me volerti insegnare alcunchè la mia era una precisazione per dire che mentre la ricusazione la Casoria al limite la subisce e la deve accettare o meno o fare ricorso se e qualora fosse possibile, sulla deroga al trasferimento decide lei, e puo anche non aver voglia di finire questo processo. Mi pare di aver capito che non è obbligata a continuare , da li il mio scritto ”Speriamo la Casoria abbia voglia di finire il lavoro.”

  2. Beh, Alessandro, con tutto il rispetto, Ti assicuro che la differenza tra ricusazione e trasferimento mi è sufficientemente chiara…;-)
    Per quanto ne so io, il trasferimento può avere effetto dalla data indicata sul provvedimento o, in mancanza, dalla data di comunicazione dello stesso, dopodichè credo serva un’ordinanza del Presidente del Tribunale per renderla effettiva.
    Detto questo, la deroga non impedisce il trasferimento, ma semplicemente consente al magistrato trasferito di continuare quel procedimento pendente: per intenderci, la Casoria può tranquillamente iniziare da domani alla prima sezione civile del Tribunale di Napoli e continuare calciopoli alla sesta sezione penale del medesimo Tribunale.
    In tutti i casi i tempi tecnici di trasferimento non sono immediati, quindi le udienze del 19.04-03.05-10.05 si dovrebbero tenere comunque (peraltro anche le giudici a latere, Pandolfi e Gualtieri, hanno ottenuto da tempo il medesimo trasferimento con deroga della Casoria, eppure sono ancora lì, nonostante le incompatibilità caratteriali con la Presidente del Collegio), sicchè nella sostanza resta lo spartiacque del 20 maggio per la decisione della Corte d’Appello sulla ricusazione.
    Ciao!

  3. filippo la ricusazione e’ una cosa la domanda di trasferimnto fatta dalla casoria e’ un altra. sulla ricusazione decideranno il 20 sul trasferimento che e’ stato accordato decide la casoria se continuare avvalendosi della deroga o accetare subito.

  4. Non è questione di “voglia di finire il lavoro”.
    E’ questione di “poter” finire il lavoro: sul punto sarà determinante l’udienza del 20 maggio in cui la Corte d’Appello di Napoli deciderà sull’ennesima istanza di ricusazione, su cui, tecnicamente parlando, la sanzione disciplinare della censura del CSM per le espressioni oltraggiose verso alcuni colleghi, non dovrebbe pesare, posto che i requisiti per la ricusazione sono sostanzialmente legati al conflitto d’interessi, che va a ledere la terzietà e l’imparzialità del Giudice.
    Già nelle passate occasioni la Corte aveva ritenuto che non vi fosserò problemi da quel punto di vista e che non vi fosse nemmeno alcuna anticipazione di giudizio in relazione alla famosa frase (ovviamente cavalcata dai gazzettari) “Abbiamo processi più seri da fare…”.
    Certo la censura se non dal punto di vista tecnico (anche se non sono un penalista) potrà influire dal punto di vista politico-mediatico.
    Spero che, per una volta, non si voglia sovvertire con ulteriori manovre sporche il normale iter della Giustizia…

  5. Tanto abbiamo capito tutti come sono andate le cose e chi sono gli onesti. Per cui, qualunque sia la sentenza, i tifosi sanno chi stimare e chi odiare.

  6. Grazie del benvenuto juza. Adesso con la delega che ha avuto per proseguire il processo vediamo come va finire. Speriamo la Casoria abbia voglia di finire il lavoro.

  7. Alessandro, innanzitutto benvenuto.

    Si inneggia alla Casoria per un semplice motivo, comunque vadano a finire le cose.
    Si sta dimostrando ad oggi una incorruttibile, verace e sboccata quanto si voglia, ma che da l’idea di non piegarsi all’onda emotiva scatenata da chi ben sappiamo e suffragata da giornalai di apertissimo orientamento filo milanese…

    Il fatto che sia stata confermata fino a sentenza avvenuta vedila come una piccola rivincita di noi tutti tifosi che abbiamo visto buttare addosso alla Juve ogni tipo di illazione e, diciamocelo, sopruso ed abuso…

    Pensa se fosse stata rimossa: altro chiaro segno di chi stia creando, loro davvero, una cupola…
    Ripeto, nessuno può prevedere il futuro, ma il presente è di un’importanza emotiva fondamentale, il fatto che la Dott.ssa Casoria resti al proprio posto da l’idea a noi tutti che qualche ultimo baluardo di persone che sappiano rispondere con una sonora pernacchia a frasi del tipo: “Lei non sa chi sono io…” ancora esista in questa Italia piccola piccola.

    Io vedo la Casoria come l’ultima dei rivoluzionari che lotta, e lavora SERIAMENTE, contro un mondo di frasi fatte, teste piegate e sottomesse al potente di turno, contro l’arroganza. Per ora mi basta, del domani non vi è certezza.

    Grazie!

  8. Tutto e il contrario di tutto.
    I seguaci dei veri CUPOLARI CORROTTI del CALCIO che hanno ideato e gestito CALCIOPOLI…stanno facendo tutto e il contrario di tutto.Direttori di giornali che si fingono pro-causa-juventus ed invece sono solo orfani di CANDIDO C….notizie sulla CASORIA trasferita che invece resterà a Napoli e il PROCESSO andrà a SENTENZA!Hanno anche capito i CUPOLARI-CORROTTI…hanno capito che INTERNET ci da voce e cerità e che li abbiamo aggirati…i PENNIVENDOLI GAZZETTARI e CORRIERARI e REPUBBLICHINI e CORSERISTO…stanno imitando NUCINI il CAVALOdiTROJA… e si stanno infiltrando per destabilizzarci.
    PERO’ la JUVENTUS..fc DEVE MUOVERSI PERCHè ANCHE L’INGIUSTO PROCESSO a GIRAUDO è DAVVERO A RISCHIO SE AGNELLI e ELKANN NON SI MUOVONO…ANCHE a LIVELLO SPORTIVO…CON ARTICOLO 39 del REGOLAMENTO SPORTIVO….
    PERO’—NON FACCIAMOCI FREGARE COME NEL 2005…..DIFENDIAMO LA JUVENTUS!!!ANDREA BATTI UN COLPO SE CI SEI…ADESSO ….

  9. Le lodi alla Casoria sono state esclusivamente pr la sua professionalità e per la sua onestà.
    E’ stato chiaro fin dall’inizio che a malapena sapeva distinguere un pallone da calcio da una pallina da tennis.
    Il problema vero è quello accennato da Drugo. Se così fosse sarebbe davvero la fine.
    Casoria trasferita, processo saltato e rito abbreviato di Giraudo più facilmente gestibile per loro.
    Risultato: Napoli salta e a Giraudo lo condannano di nuovo, con le conseguenti ripercussioni mediatiche…
    Questa è l’itaGlia…

  10. Calciopoli, trasferita Teresa Casoria? – Un’importante notizia è trapelata dagli ambienti giudiziari del Tribunale di Napoli nella serata di lunedì. Secondo alcune fonti il Presidente del Collegio giudicante del Processo Calciopoli, Teresa Casoria, sarebbe stata trasferita alla Sezione Civile del Tribunale di Napoli. Un trasferimento in realtà chiesto dallo stesso magistrato, ma che sarebbe dovuto avvenire solo dopo la sentenza del procedimento a carico di Moggi & C. Normalmente in questi casi al giudice viene concesso di terminare i processi in corso, ma in questo caso la “prosecuzione” sarebbe in dubbio, anche e soprattutto per le sferzanti dichiarazioni rilasciate dalla Casoria nell’infuocata udienza davanti al CSM nell’ambito del procedimento disciplinare a suo carico. Dichiarazioni al vetriolo contro le colleghe e contro Procura e Tribunale che, se da un lato hanno suscitato ammirazione nei nostri lettori, dall’altro pare non siano piaciute affatto ai Giudici del CSM e al Tribunale stesso. Se questa notizia dovesse rivelarsi fondata e con essa l’immediata esecutività del provvedimento, per il Processo Calciopoli sarebbe un duro colpo. Il procedimento si avvierebbe ad una fase di stallo che lo destinerebbe mestamente alla prescrizione. Appare scontato inoltre che molti degli avvocati delle difese chiederebbero il trasferimento del processo ad altra sede per legittimo sospetto. A quel punto tutte le speranze andrebbero ad essere concentrate sull’appello di Giraudo, che si terrà il 5 luglio e per il quale verrà chiesta l’acquisizione degli atti del dibattimento del rito ordinario di Moggi & C. Un’ulteriore condanna di Giraudo scatenerebbe le parti civili e la Juventus sarebbe costretta a pesanti risarcimenti. Una sentenza di assoluzione invece darebbe nuovo slancio alle rivendicazioni di tifosi e piccoli azionisti per una revisione totale del processo sportivo del 2006. Inutile sottolineare che il nostro auspicio è che la Casoria possa completare il suo lavoro ed arrivare a sentenza entro l’estate come previsto.
    ….QUESTO SIGNIFICA LA FINE!!!! MALEDETTI!!!

  11. E’ giunta l’ora di ammetterlo: il concerto di 5 anni fa è stato suonato da un’ orchestra magistralmente diretta.
    Le note, stonate per noi, si unirono in una meravigliosa sinfonia per chi, da sempre, ci invidia.
    La scelta dei cavalli giusti in Procura, la preparazione capillare delle redazioni e il momento dello scoppio dello scandalo, con il campionato in bilico. E poi i politici scandalizzati (!) e lo stillicidio delle intercettazioni, un tot al giorno, a reti unificate e in prime time.
    Solo l’Auricchio piccanto mi è sembrato al di sotto del compito, persino troppo superficiale nella ricerca del nulla.
    Per il resto, se non fossi gobbo, farei un plauso a questo fine, strutturato ed efficiente disegno criminale.
    Il degno finale di questo piano perfetto sembra proprio essere la giudice ricusata e l’insabbiata finale.
    L’assoluzione di Moggi il direttore d’orchestra non se la può permettere.
    Noi, forse, la fine della Juve si.

  12. Innanzitutto grazie a Juvemania e Mirko per l’opportinità che mi danno. Il piacere di scrivere qui è tutto mio.

    Per quanto riguarda la casoria ovviamente anche io come dice Filippo mi sento garantito da un giudice che ha a cuore il proprio lavoro ma non vorrei che il troppo rumore intorno a Lei finisca per danneggiarla.

    Hai ragione Remix bisognerebbe ricusare i Pm.

  13. Noi juventini non tifiamo per la CASORIA,noi tifiamo perche si arrivi alla verita’,e chi ha cercato di nascondere la verita’ sia giudicato e punito.

  14. Non difendiamo nè la Casoria, nè Moggi, ma, dopo la Vergogna di Farsopoli, ci battiamo sempre contro ogni Menzogna ed Ingiustizia. Gli sportivi non ne possono più di chi (moratti, narducci) vuole eliminare gli avversari con ogni mezzo.

  15. La Casoriopoli del tribunale di Napoli non ci interessa, la Casoria faccia il suo lavoro, quello che interessa ed è davanti agli occhi di tutti (salvo gli “onesti” che davanti agli occhi hanno le fette di salame) è che quanto fatto da Moggi (quindi dalla Juve) è di gran lunga meno grave e losco di quanto fatto da Facchetti, per non parlare dei PM che hanno dolosamente nascosto le telefonate che scagionavano Moggi e coinvogevano altri soggetti.

  16. Avere a cuore il proprio lavoro e volerlo fare bene è già di per sè una rarità ed un motivo sufficiente per sostenerla in quello che più che come una ricusazione ha tutta la somiglianza di un avvertimento mafioso.
    Io, al di là del fatto di essere juventino, mi sentirei più garantito da un giudice come la Casoria che non tifa per nessuno, piuttosto che da un De Gregorio, ultras Napoli, che dopo la condanna all’abbreviato di Giraudo si è andato subito a bullare sui quotidiani, in forza di una sentenza sbrodolata, che si è rivelata il copia-incolla delle tesi dei PM, tra cui “Piaccia o non piaccia non ci sono telefonate dell’Inter” Narducci, a loro volta meri copia-incolla delle approssimative, artefatte e monodirezionali indagini della PG, in particolare del maresciallo Auricchio, quello che faceva le indagini leggendo la Gazzetta, il cui inviato al processo, Galdi, è una fonte dell’accusa.
    Sicuramente poi non mi sentirei sicuro se la mia accusa fosse rappresentata da un Narducci che è in rapporti di affettuosa amicizia con Moratti e Zanetti.
    Inneggiare e idolatrare è materia calcistica, qua si tratta di osservare e sostenere un Giudice che è stato messo in un angolo dal suo stesso Tribunale per evitare di far fare una figuraccia storica alla Procura di Napoli.

  17. Se inneggiamo alla Casoria è perchè abbiamo i nostri buoni e validi motivi. Personalmente, ritengo che la Casoria sia stata perseguitata sin dall’inizio del processo e spinta a non condurlo proprio come lei ha detto e se noi tifosi tifiamo per lei è perchè, scottati dall’esperienza 2006 e dal processo sportivo FASULLO, non intendiamo rinunciare a quello penale che, nonostante stia andando per le lunghe (come previsto), sta portando alla luce tante verità sin qui nascoste.

    In ogni caso, i PM non possono comunque utilizzare questa scusa per farla ricusare il prossimo 20 Maggio, sarebbe come utilizzare la ‘Rosea’ per le intercettazioni (ogni riferimento è puramente casuale).

  18. perchè Travaglio è un venduto come tanti altri

  19. Do il benvenuto ad Alessandro e al suo primo pezzo per Juvemania. Vai Ale!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi