E' accaduto in Serie A: fatti e misfatti della 28a giornata | JMania

E’ accaduto in Serie A: fatti e misfatti della 28a giornata

E’ accaduto in Serie A: fatti e misfatti della 28a giornata

Sarà forse il 28° turno di campionato ad aver messo la parola fine allo scudetto? Dopo il raddoppio di Thereau nel match contro il Napoli, sembrava ormai certo che i bianconeri non andassero oltre il pari, a conferma che le squadre che stanno dietro non approfittano mai dei passi falsi della Vecchia Signora… ed invece? …

chievo-napoli-2-0Sarà forse il 28° turno di campionato ad aver messo la parola fine allo scudetto? Dopo il raddoppio di Thereau nel match contro il Napoli, sembrava ormai certo che i bianconeri non andassero oltre il pari, a conferma che le squadre che stanno dietro non approfittano mai dei passi falsi della Vecchia Signora… ed invece? Il colpo che non ti aspetti, un assist fornito dal miglior giocatore in campo, Pogba, ed un gol siglato da vero opportunista da Emanuele Giaccherini, regalano alla Juventus 3 punti al 91’, importantissimi in chiave scudetto. I bianconeri ottengono così la 19° vittoria in questo campionato, col minimo sindacale; prestazione opaca e con poche idee (il dopo Champions si è fatto sentire) e con una coppia d’attacco, Giovinco-Vucinic, ancora una volta sterile e poco vivace.

Dicevamo del Napoli; certo andare a vincere a Verona era difficile se si conta la voglia di riscatto dei clivensi (1 punto nelle ultime 3 partite). I partenopei vanno sotto con un bolide dalla distanza di Dramè e capitolano con il raddoppio di Thereau. A fine partita Mazzarri si toglie dalla lotta scudetto “Mai detto” afferma … ed aggiunge “Siamo da 4°-5° posto”: piangersi addosso o vedere la realtà dei fatti?

Sorride il Milan, che grazie alla vittoria di Genova, si porta a -2 dallo stesso Napoli e blinda il terzo posto! Un recupero che nessuno si aspettava “macchiato” però dai tanti errori arbitrali di venerdì scorso. Ora la testa è tutta a Barcellona: obiettivo quarti di finale di Champions League!

La Fiorentina di Vincenzo Montella mette la freccia e supera in un colpo solo Inter e Lazio (48 pt a 47pt), portandosi al 4° posto! Un gol del solito Jovetic ed una splendida punizione di Ljajic stendono i biancocelesti tra le mura amiche dell’ “Olimpico”. Ottima la prestazione di Viviano che salva il risultato in più di un’occasione.

Ed infine, l’Inter di Stramaccioni, che dopo la disfatta in Europa League contro il Tottenham (3-0) era chiamata al riscatto. Ed invece di 11 leoni sono scese in campo 11 pecorelle: mai pericolosa col solo Palacio lì davanti (Benassi preferito a Cassano), il Bologna va vicino al gol più volte e nel secondo tempo la mette dentro con Alberto Gilardino!

Più 9 ed 11 punti su Napoli e Milan a 10 giornate dal termine: è bene non mettere le mani avanti, anche perché c’è una Champions League da giocare, ma siamo veramente sulla strada giusta per bissare il titolo!!

2 commenti

  1. A completamento di quanto scritto prima, vorrei riportare classifica di serie A senza gli errori arbitrali:
    JUVE pti Reali 62 / Virtuali 63 (delta -1)
    NAPOLI pti Reali 53 / Virtuali 51 (delta + 3)
    CATANIA pti Reali 42 / Virtuali 41 (delta + 1)
    MILAN pti Reali 51 / Virtuali 40 (delta + 11)

    Ogni altro commento è superluo, alla faccia di tutti i giornalai chiamati in causa nel precedente commento.

  2. Ogni tanto penso di essere masochista, infatti ieri sera sono stato tentato di vedere “Il processo di Biscardi”, un programma che fa invidia al “bar dello sport”, condotto dalla caricatura di un giornalista, spalleggiato da pseudo giornalisti. Biscardi addirittura non sapeva che la Juve aveva già giocato a Napoli, ma la cosa più “esilarante” è quando facendo finta che la richiesta venga dall’esterno, ha fatto vedere l’intervento che Bonucci ha fatto oltre 30″ prima del gol di Giaccherini, e spacciandolo per gioco pericoloso e la madre di tutti gli errori commessi nella storia degli arbitri. Come al solito questi giornalai non perdono occasione per attaccare la Juve, anche a rischio di passare per incompetenti (quali sono) oltre che prevenuti (quali sono). Io che non sono giornalista, ma per fortuna di calcio ne capisco più di loro, vorrei ricordare un episodio, il gol/non gol di Cannavaro, quando il Parma segnò il gol a seguito di un corner fasullo, allora gli stessi giornalai sostennero che dare o non dare un corner non poteva essere influente.
    Detto questo, mi ripropongo di non guardare più tale programma, che reputo un insulto all’intelligenza degli spettatori di qualsiasi fede calcistica.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi