Drogba vicinio alla Juve: lunedì Paratici a Montecarlo

Drogba vicinissimo alla Juve: lunedì Paratici a Montecarlo per chiudere

Drogba vicinissimo alla Juve: lunedì Paratici a Montecarlo per chiudere

Drogba alla Juventus già lunedì? Dopo voci e smentite, sembra proprio che Didier Drogba sia davvero vicino alla Juve. “Voglio una squadra competitiva, che mi permetta di giocare la Champions League a un certo livello”, ha dichiarato l’ivoriano a Surface subito dopo il suo divorzio dal Galatasaray. Nelle ultime ore qualcuno ha avanzato l’ipotesi di …

Didier-Drogba-lunedi-juventusDrogba alla Juventus già lunedì? Dopo voci e smentite, sembra proprio che Didier Drogba sia davvero vicino alla Juve. “Voglio una squadra competitiva, che mi permetta di giocare la Champions League a un certo livello”, ha dichiarato l’ivoriano a Surface subito dopo il suo divorzio dal Galatasaray. Nelle ultime ore qualcuno ha avanzato l’ipotesi di un ritorno al Chelsea dall’amico Josè Mourinho, ma l’entourage del calciatore avrebbe fatto sapere di volere solo la Juventus.

Lo ha confermato anche Cenk Ergun, team manager del Galatasaray, contattato da ‘Calciomercato.com’: “Ho sentito spesso Didier in questi ultimi giorni, e so che la famiglia avrà un peso determinante nella sua decisione. La Juventus è sicuramente una possibilità”. Insomma, Drogba alla Juventus è una trattativa molto seria e la dirigenza bianconera non lo considera affatto vecchio, come ha confermato lo stesso John Elkann un paio di giorni fa.

L’unico a non essere convintissimo pare essere Antonio Conte, ma visto che per il tecnico bianconero sarà l’ultimo anno e che Drogba deve aiutare a vincere subito in Europa, alla fine lo si convincerà. Lunedì ci sarà l’incontro decisivo a Montecarlo: il ds della Juventus, Fabio Paratici, incontrerà Drogba e il suo entourage per trovare una sintesi, visto che la distanza tra domanda e offerta è di circa 1 milioni di euro. La Juve offre un contratto annuale da 3-3,5 milioni, mentre l’attaccante ivoriano chiede 4,5 milioni.

5 commenti

  1. @RedazioneJM

    Se fosse vero quanto esprimi, allora mi sa tanto che indipendentemente dagli acquisti, l’anno prossimo sarà molto scadente per non dire una debacle; obbligare, (perchè se non firma e non firmerà il contratto nuovo) Conte a rispettare il contratto, quando lui si è perfettamente espresso che aveva finito il suo ciclo, non porta a risultati, ma ad una convivenza forzata malsana. Credo sarebbe stato meglio lasciarlo andare, ringraziandolo per quanto fatto, ed iniziare subito un nuovo ciclo con un nuovo tecnico (casa che si dovrà fare l’anno prossimo, perdendo quindi tempo)
    Un vero peccato. In tutti i sensi.

    • Può darsi che alla fine Conte non abbia trovato nessuna squadra e abbiano deciso di sopportarsi a vicenda. Certo che ogni domenica ci saranno dai giornalisti domande sul suo futuro e in caso di sconfitta? “Conte, forse i giocatori non la seguono perché sanno che va via?”

    • @ Enrico:

      non è sempre così( o almeno in italia è cosi e non all’estero): per esempio il Bayern Monaco ha fatto il triplete con in panca Jupp Heynckes che sapeva benissimo che la stagione successiva ci sarebbe stato Guardiola…è questione di professionalità, non solo di motivazioni…

  2. e chi ve lo ha detto che x Conte sarà l’ultimo anno??

    • Non ha rinnovato. Il contratto gli scade a giugno 2015. Elkann ha ribadito: “Non c’è stato il prolungamento, si arriverà serenamente a fine campionato”. Un matrimonio a termine tra due contraenti scontenti

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi