Diretta Genoa-Juventus 16 marzo: TV, streaming e formazioni ufficiali

Diretta Genoa – Juventus 16 marzo: TV, streaming e formazioni ufficiali

Diretta Genoa – Juventus 16 marzo: TV, streaming e formazioni ufficiali

Diretta Genoa – Juventus: le info per seguire la partita in in tempo reale in TV, streaming live e le formazioni ufficiali in campo alle 20.45 a Marassi


Ore 20.00 | Genoa – Juventus, annunciate le formazioni ufficiali.
Importanti novità nella formazione dei bianconeri: Conte schiera dal primo minuto Martin Caceres al posto di Giorgio Chiellini. In avanti confermate le indiscrezioni della vigilia con Llorente e Osvaldo.

Genoa (3-4-3): Perin; De Maio, Burdisso, Marchese; Motta, Sturaro, Matuzalem, Bertolacci, Antonelli; Gilardino, Sculli

Juventus (3-5-2) Buffon; Barzagli, Bonucci, Caceres: Lichtsteiner, Pogba, Pirlo, Vidal, Asamoah; Llorente, Osvaldo.

Genoa – Juventus, il meteo. Le condizioni del tempo nel capoluogo ligure sono stabili: cielo sereno e temperature comprese tra i 12 e i 15 gradi. Clima ideale questa sera per una partita di calcio.

Diretta Genoa Juventus, 16 marzo 2014. Dopo il pareggio giovedì contro la Fiorentina e in attesa del ritorno degli ottavi di Europa League, la Juventus fa visita al Genoa di Gasperini. Sarà il posticipo della 28.ma giornata di serie A con fischio d’inizio previsto alle 20.45. La partita sarà trasmessa in diretta su Sky Calcio 1 HD, Sky Sport 1 HD e su Mediaset Premium, con ampio pre-partita a partire dalle ore 20.00. In streaming, la gara sarà visibile su Sky Go e Premium Play, piattaforme accessibili gratuitamente per gli abbonati alle pay TV tramite smartphone, tablet e computer.

Come contro la Fiorentina, Conte dovrà ancora fare a meno di Carlos Tevez, che lamenta un’infiammazione al tendine rotuleo. A Marassi non ci saranno nemmeno Marchisio e Giovinco (oltre ai lungodegenti Pepe e Vucinic). Ecco l’elenco dei convocati della Juventus: 1 Buffon, 3 Chiellini, 4 Caceres, 5 Ogbonna, 6 Pogba, 13 Peluso, 14 Llorente, 15 Barzagli, 18 Osvaldo, 19 Bonucci, 20 Padoin, 21 Pirlo, 22 Asamoah, 23 Vidal, 26 Lichtsteiner, 27 Quagliarella, 30 Storari, 33 Isla, 34 Rubinho, 39 Slivka, 40 Marzouk.

Sono in tutto 20, invece, i convocati di Gian Piero Gasperini: 95 Albertoni, 13 Antonelli, 91 Bertolacci, 53 Bizzarri, 8 Burdisso, 79 Cabral, 16 Calaiò, 26 Centurion, 29 De Ceglie, 4 De Maio, 18 Fetfatzidis, 11 Gilardino, 77 Konate, 15 Marchese, 27 Matuzalem, 21 Motta, 1 Perin, 90 Portanova, 10 Sculli, 69 Sturaro.

Genoa – Juventus: probabili formazioni

Genoa: Perin, Burdisso, Portanova, Marchese, Motta, Sturaro, Matuzalem, Antonelli, Konatè, Gilardino, Sculli. Allenatore: Gasperini

Juventus: Buffon, Barzagli, Chiellini, Bonucci,  Lichtsteiner, Pogba, Pirlo, Vidal, Asamoah, Osvaldo, Llorente.

Juventus – Genoa: il 2-0 dell’andata

2 commenti

  1. Turnover o no, io continuo a vedere una squadra che per lunghi tratti della partita arriva sempre seconda sul pallone, dove i soli 4-centrocampisti-4 di ruolo per tre posti, per quanto bravi, sono oramai stanchi (perchè di cambi non ce ne sono) e dove il reparto d’attacco, tolto Tevez, viene ridotto al lumicino dalla difesa avversaria.

    Col Torino l’ha risolta una prodezza di Tevez, col Milan due prodezze di Tevez (assist e gol), con la Fiorentina una prodezza di Asa, poi è venuto il pareggio su errore di pirlo a centrocampo e poi della linea difensiva, stasera si doveva perdere e si è vinto con prodezza di Pirlo (che fino all’89′ aveva giocato una partita penosa ai due all’ora, letteralmente mangiato dal centrocampo avversario).

    Nessuno toglie niente alla fantastica stagione della Juve, che rimane fantastica a prescindere. Però alcune considerazioni vanno fatte:
    1. stiamo arrivando al momento clou e siamo un po’ stanchi, ci siamo salvati più volte grazie a prodezze personali e a singoli episodi favorevoli (vd. rigore sbagliato loro – punizione nel sette nostra)
    2. non puoi affrontare una stagione di 60 partite in cui gli avversari giocano spesso contro di te come fatto dal genoa stasera, con soli 4 centrocampisti
    3. preoccupa l’involuzione del gioco, con la scusa di avere Llorente là davanti i lanci lunghi cominciano a diventare più delle palle giocate a terra, ultimamente si parte da rinvio di buffon per la punta e amen (sembra il primo milan di allegri, ma lui aveva ibra là davanti, noi no)
    4. tevez è e rimane l’unico giocatore insostituibile forse dell’intero campionato

  2. Finalmente capisce che deve far riposare tevez per giovedì con la fiorentina ed io avrei fatto più tourn over oggi e non giovedì scorso tanto anche un pareggio non ci fa male con il vantaggio che abbiamo,perchè tre giorni di recupero a questo punto del campionato,non sono tanti.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi