Dilemma Juve: quanto può durare Pirlo così? | JMania

Dilemma Juve: quanto può durare Pirlo così?

Dilemma Juve: quanto può durare Pirlo così?

Ieri abbiamo visto una Juventus dalle due facce; una, quella del primo tempo, che non avevamo mai visto così in difficoltà; l’altra, quella della seconda frazione di gioco, cinica, devastante, e soprattutto vincente che noi tutti conosciamo. Ciò è forse frutto di una combinazione di eventi: l’ampio turn-over in vista Champions League (vedi i vari …

Ieri abbiamo visto una Juventus dalle due facce; una, quella del primo tempo, che non avevamo mai visto così in difficoltà; l’altra, quella della seconda frazione di gioco, cinica, devastante, e soprattutto vincente che noi tutti conosciamo. Ciò è forse frutto di una combinazione di eventi: l’ampio turn-over in vista Champions League (vedi i vari Caceres, De Ceglie, Giaccherini e Matri in campo al posto di Lichsteiner, Asamoah, Vidal e Vucinic) e la bassa condizione di alcuni giocatori, uno tra tutti Pirlo. Non vogliamo assolutamente mettere in croce il campione Bresciano, ma fare solo qualche considerazione.
Il costante doppio impegno settimanale tra campionato e Champions League, al quale si aggiungerà anche la Coppa Italia, oltre agli impegni delle varie Nazionali, sono una realtà di questa stagione, come lo sarà anche il turn-over e la Juve non può prescindere da Pirlo. Già nei giorni scorsi si discuteva se fosse giusto concedere o meno un turno di riposo all’ex-Milan, tornato stanco dalle sfide con Bulgaria e Malta con la Nazionale Italiana; difatti a Genova, non si è visto un Pirlo brillante; forse un po’ di riposo avrebbe fatto bene, anche per vedere all’opera il talentuoso 19 enne francese Pogba, che il duo Conte/Carrera vede bene in quel ruolo del campo.

Dati i molti impegni dunque sembra logico privarsi del “genio” almeno in vista delle partite più importanti in Europa, dando modo alla gioventù di crescere; ma come lasciare un giocatore come Pirlo in panchina? E’ questo il costante dilemma che dovrà affrontare Antonio Conte nel suo secondo anno da allenatore della Vecchia Signora. A Genova, da questo punto di vista, i cambi sono stati più che azzeccati: Asamoah, devastante sulla fascia sinistra, per De Ceglie, qualche sporadica discesa; Vucinic, vero baluardo lì davanti, per Matri, sembrato spaesato; ed infine Lichsteiner che ha sostituito l’Uruguayano Caceres, apparso un po’ lento. E nuovamente Pirlo, 90’ in campo e non sentirli (o quasi): a Londra siamo certi che il “professore” salirà di nuovo in cattedra, come ha sempre fatto, per riprendere in mano il centrocampo ed per assicurarsi anche un po’ di riposo Sabato sera, nell’anticipo contro il Chievo … ma questo è un dilemma di Conte!

7 commenti

  1. sanguebianconero

    Marrone ha dimostrato di poter sostituire degnamente Pirlo, magari nelle partite con le provinciali a partire dalla prossima contro il Chievo

  2. sabato col chievo sarebbe una buona occasione per vedere pogba e dare riposo a pirlo; secondo me andrea è più facile che sia devastante in europa dove dovrebbero marcarlo meno strettamente che in italia, dove dovremo abituarci a vederlo per tratti più o meno lunghi ai margini del gioco, anche se la sua presenza dà tranquillità a tutti; ma non solo lui deve rifiatare… coi centrocampisti che abbiamo non dovrebbe essere diffile farli ruotare (non vorrei veder spremere anche marchisio)… e in attacco sono curioso di vedere bendtner.
    a genova abbiamo avuto un esempio di sano turnover (abbiamo risparmiato vidal e, per più di un tempo asa e vucinic)

  3. Se non trovano al più presto una soluzione rischiano grosso. Anche solo un mese senza Pirlo sarebbe un disastro.Checché ne dicano i più, subito dopo Conte, l’ex milanista è stato uno dei principali artefici del miracolo dello scorso anno. E il nostro top più forte e perderlo potrebbe costarci caro. Pertanto, anche a costo di sbagliare qualche partita, bisogna subito provare le alternative, in primis Pogba. E’un suicidio continuare a far giocare Andrea ogni tre giorni.

  4. Non è possibile far giocare Pirlo tutte queste partite.E’ davvero assurdo pretendere che giochi ad alto livello ogni partita. Pirlo non è una macchina e quindi ha bisogno di riposare per recuperare energie per gli impegni più importanti.Abbiamo Pogba,Marrone (il futuro) che possono degnamente sostituire Pirlo e farlo respirare.O forse siamo talmente masochisti di aspettare che Pirlo scoppi o si rompe (tocco ferro)? Pogba ha lasciato il Manchester perchè non lo facevano giocare e non vorrei che a fine anno succedesse la stessa cosa con noi.I talenti seppur giovani devono giocare e Conte deve dimostrare coraggio come ha fatto per Giaccherini,Estigarribia,Pepe ecc.Forza Juve

  5. Per le qualità ma soprattutto per il modo di giocare che ha Pirlo, può giocare anche a mezzo servizio, non è tanto importante che sia al top o che corra mangiando l’erba, quanto la sua sola presenza. Perché garantice le geometrie, l’esperienza e la mentalità vincente in campo; mentre per la corsa (ma non solo) abbiamo Vidal, Marchisio e Asamoah.

  6. Mercoledi sarà di nuovo titolare, ci mancherebbe altro, ma sabato sera gli devono concedere un turno di riposo! Lo stanno spremendo troppo! Poi in panchina abbiamo due giovani di buone speranza, Pogba e Marrone! Comunque nel secondo tempo è cresciuto insieme alla squadra!

  7. Prima o poi bisognerà dare spazio ai giovani e dare a Pirlo la possibilità di fiatare.
    Marrone e Pogba (in seconda istanza Bouy e Appelt) sono pronti a subentrare in quel ruolo!!!!

    E pensare che qualche anno fa avevamo F.Melo, Poulsen, Tiago, Almiron e Aquilani in questo ruolo nevralgico!!!!

    Peccato per Verratti!!!!!

    Se non dovesse andare bene con i giovani che abbiamo in casa ci tocca mettere le mani nel portafogli, ma sono fiducioso.
    Forza Marrone e Pogba…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi