Diego: "Alla Juventus arriveranno momenti difficili. Dovranno avere pazienza" | JMania

Diego: “Alla Juventus arriveranno momenti difficili. Dovranno avere pazienza”

Diego: “Alla Juventus arriveranno momenti difficili. Dovranno avere pazienza”

Diego Ribasa da Cunha: una stagione da dimenticare alle spalle con il Wolfsburg (era stato relegato in seconda squadra, nell’equivalente Lega Pro 2 italiana) e una nuova avventura all’Atletico Madrid inizita non di certo da protagonista (tanta panchina e tribuna). L’ex numero 28 della Juventus, è tornato a parlare della sua esperienza italiana dalle colonne …

Diego Ribasa da Cunha: una stagione da dimenticare alle spalle con il Wolfsburg (era stato relegato in seconda squadra, nell’equivalente Lega Pro 2 italiana) e una nuova avventura all’Atletico Madrid inizita non di certo da protagonista (tanta panchina e tribuna). L’ex numero 28 della Juventus, è tornato a parlare della sua esperienza italiana dalle colonne della ‘Gazzetta’: “È stata un’esperienza breve ma piena di belle cose. In un club ricco di fascino con tifosi che mi hanno trattato benissimo”. Un’esperienza sportivamente da dimenticare, ma com’è andata prova a spiegarlo il diretto interessato: “Diciamo che non è andata. Sono mancate pazienza e personalità. Quando tu cominci un progetto nuovo, con tecnico, giocatori e sistema differenti, non puoi pretendere che tutto funzioni in 30 giorni. E non puoi nemmeno buttare via tutto dopo una, due partite storte. Devi sapere che ci proverai, ma che non è detto che riuscirai a vincere già nella prima stagione. Devi essere preparato ad aspettare, a dar tempo alla squadra di crescere e assimilare il nuovo concetto tattico. Giocavamo col rombo mentre la Juve era abituata a uno stile più diretto, non era così scontato che funzionasse subito”. Tacciato di avere poca personalità, Diego rispedisce le accuse al mittente, anzi la personalità è mancata “alla Juve. È inutile cercare colpe dei singoli. Vanno divise tra tutti: allenatore, presidente, società, io stesso, che per quel progetto ero uno importantissimo. È mancato qualcuno che di fronte alle prime difficoltà dicesse: “Tranquilli, continuiamo il nostro cammino, abbiamo bisogno di tempo”. Peccato, ma nessun rimpianto. La vita è così: offre delle opportunità che vanno sfruttate. Per questo io conservo bei ricordi”. Poi l’addio per 15,5 milioni di euro e il ritorno in Germania: “Sono arrivati un allenatore e un d.s. nuovi e io ero fuori dal loro progetto per due motivi: perché non volevano giocare con un trequartista e perché volevano una squadra composta da italiani, e io pur avendo il vostro passaporto resto brasiliano”. Ora, però, la Juventus ha trovato una nuova dimensione e le cose stanno andando bene: Questo mi rallegra – conclude Diego – perché con me porterò sempre un pezzo di Juve, un club speciale. Però, come ai miei tempi, sarà fondamentale avere pazienza nei momenti difficili, che sicuramente arriveranno”.\r\n\r\n

LEGGI ANCHE  Francesco Gabbani: "Porterei Dani Alves in tournée"

6 commenti

  1. ops! ..zione:) sorry..

  2. ma vai in mona Diego!! prrr!!! @Redazine JM hahahaha!! 😉

  3. ma cosa vuole questo?

  4. Che lo abbiano mandato via perché volevano un giocatore italiano mi sembra mooooooooooooolto strano!

  5. E ora come faremo senza di lui? 😀

  6. HO VISTO DIEGO A VALENCIA ,E’ entrato al secondo tempo,è stato il migliore in campo !!!!!!!!!

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi