Del Piero “Vi spiego cos’è Germania - Italia. Il futuro? Non ho ancora deciso” | JMania

Del Piero “Vi spiego cos’è Germania – Italia. Il futuro? Non ho ancora deciso”

Del Piero “Vi spiego cos’è Germania – Italia. Il futuro? Non ho ancora deciso”

Alessandro Del Piero torna a parlare dopo alcune settimane di assoluto silenzio. Nonostante i numerosi rumors che lo hanno avvicinato a questa e a quella squadra, l’ex numero 10 della Juventus non ha ancora deciso ‘cosa farà da grande’. Nella lunga intervista concessa oggi a ‘La Gazzetta dello Sport’, però, Alex ha parlato principalmente di …

Alessandro Del Piero torna a parlare dopo alcune settimane di assoluto silenzio. Nonostante i numerosi rumors che lo hanno avvicinato a questa e a quella squadra, l’ex numero 10 della Juventus non ha ancora deciso ‘cosa farà da grande’. Nella lunga intervista concessa oggi a ‘La Gazzetta dello Sport’, però, Alex ha parlato principalmente di nazionale ricordando cosa sia per lui Germania-Italia.

È il ricordo della nostra più bella partita al mondiale tedesco, una serata incredibile. Tutti ci parlavano di quel famoso 4-3 del ’70, però noi quella memorabile sfida non l’avevamo mica vissuta. E poi naturalmente la finale del 1982… Averne realizzata una simile, per la storia del calcio azzurro, ha rappresentato qualcosa di pazzesco. In casa loro, poi. Quale immagine mi torna in mente quando penso a quel gol nei supplementari? Ogni fotogramma di quella sera vale tantissimo, ed è impresso nella mia mente. Ricordo che dopo il gol cercai con lo sguardo mia moglie sugli spalti. Ho rivisto in televisione tante volte quelle immagini: si vede Sonia che piange di gioia, e subito dopo una bimba tedesca che invece è in lacrime perché ha perso. La finalissima contro la Francia fu l’emozione più grande, perché sollevammo il trofeo, però la partita migliore resta quella contro i tedeschi. Perché questa Italia può battere la Germania? Perché ha dimostrato di essere sempre più solida di partita in partita, perché ha una precisa identità di squadra e perché sa sfruttare le occasioni giuste.

La stampa italiana e internazionale non può che celebrare Andrea Pirlo, con il quale Alex ha conquistato il trentesimo scudetto bianconero:

Pirlo ancora più forte rispetto al 2006? Direi che Andrea si è mantenuto a quei livelli eccezionali, come del resto in campionato con la Juventus. Come mi sarei trovato in questa Nazionale? Se mi chiedete se mi sarebbe piaciuto ritrovarmi in questa Nazionale, rispondo di sì. Qual è il compagno del blocco Juve che mi ha sorpreso di più a parte Pirlo e Buffon? Io li seguo sempre con un affetto speciale, e fino al 30 giugno sono oltretutto miei compagni di squadra. Dunque, per me giocano tutti benissimo. Chi dobbiamo temere di questa Germania? Penso che i tedeschi siano un po’ come gli azzurri: compatti, e con ottime individualità. Dovendo proprio scegliere, direi Ozil, Muller e Gomez. Se mi piace questo Europeo? Mi piace molto, anche perché sono arrivate in fondo squadre che puntano tutto sul gioco. Squadre robuste, mai però distruttive. Questo, come calciatore, mi ha messo addosso ancora più voglia di giocare. Se sento un po’ di nostalgia? Mi sto allenando agli ordini dei miei preparatori atletici, qui in America, dove ho trascorso le vacanze con la mia famiglia: tanta palestra, piscina e corse sulla spiaggia. Adesso però ho bisogno del pallone. Dov’ero la sera di Italia-Germania del 1982? Guardammo la finale del Bernabeu in una specie di capannone da lavoro dei nostri vicini di casa: portarono le sedie e il televisore grande, fu bellissimo. Io avrei compiuto otto anni a novembre. Una frase, un augurio, un incoraggiamento da trasmettere ai miei amici della Nazionale? In bocca al lupo, tutto qui. Sono un atleta, conosco le scaramanzie e quindi so che non si deve aggiungere niente di più.

Infine, sulla sua prossima destinazione, Del Piero non si sbilancia ancora:

Se ho deciso il mio futuro? E la risposta che non posso non dare: ancora no”.

Un commento

  1. Bè non si è sbilanciato molto, nè sulla Nazionale nè sul suo futuro. Comunque anche secondo me Pirlo sta vivendo un secondo stato di grazia, è come il vino vecchio, più invecchia più migliora!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi