Del Piero cauto: "Non abbiamo ancora fatto nulla" | JMania

Del Piero cauto: “Non abbiamo ancora fatto nulla”

Del Piero cauto: “Non abbiamo ancora fatto nulla”

Dieci minuti scarsi ieri per Alessandro Del Piero, che ha partecipato alla vittoria della Juventus contro il Palermo. A dire il vero, dall’espressione di Alex non traspariva particolare gradimento per la lezione che cercava di impartirgli Angelo Alessio prima di entrare in campo. In ogni caso, il capitano si è messo a disposizione della squadra: …

Dieci minuti scarsi ieri per Alessandro Del Piero, che ha partecipato alla vittoria della Juventus contro il Palermo. A dire il vero, dall’espressione di Alex non traspariva particolare gradimento per la lezione che cercava di impartirgli Angelo Alessio prima di entrare in campo. In ogni caso, il capitano si è messo a disposizione della squadra: quando Conte chiama, il numero 10 cerca di farsi trovare pronto, anche perché i prossimi impegni ravvicinati potrebbero consentirgli di riconquistare la maglia da titolare. Intanto, tramite il proprio sito ufficiale, Del Piero ha commentato così l’ultima vittoria allo Juventus Stadium:

“La vittoria contro il Palermo segna un altro passo importante nella nostra stagione, il risultato netto non deve fare pensare che sia stato facile, ricordando i precedenti degli anni passati. Siamo rimasti in testa alla classifica con una partita in meno da giocare, e abbiamo assorbito bene la lunga sosta. E’ un momento molto positivo e per farlo rimanere tale dobbiamo continuare a pensare che non abbiamo ancora fatto nulla, e giocare con la stessa fame con cui abbiamo voluto la partita di ieri”.

Tornando sul suo futuro, Alex ha poi ribadito:

“E’ talmente bello questo momento con la Juve prima in campionato che non vedo perché dobbiamo pensare al mio futuro. Il futuro è sabato, non voglio pensare a cosa accadrà da giugno in poi. E’ innegabile però che in panchina si soffre, perché ho ancora il fuoco dentro. Quanto gioco, però, non cambia il fatto che io sia capitano di questa squadra, come i miei compagni hanno sempre ribadito. Molti hanno strabuzzato gli occhi quando ho detto che avrei giocato fino a 40 anni, così mi sono ricreduto, dovrò continuare fino a 42… Non voglio pensare a quello che farò da giungo in poi, penso a me da qui a giugno e basta – ha spiegato – . Mio fratello si occupa del mio futuro, saranno problemi suoi. Io non sto cercando nulla, voglio solo godermi ogni singolo momento con la Juventus da qui alla fine e poi vediamo cosa accade”.

Inevitabile la battuta finale su Calciopoli:

”Per me l’unica certezza è il campo, è solo lui il vero giudice, anche se questa parola non mi piace. Il resto spetta a presidenti, avvocati e federazione. Ho risposto non so quante volte a queste domande, non voglio essere noioso e ripetitivo, sono cose che mi riguardano fino a un certo punto, a me interessa quello che ho fatto in campo con avversari e compagni”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi