De Paola: "Elkann ha in mente i modelli Barcellona e Bayern" | JMania

De Paola: “Elkann ha in mente i modelli Barcellona e Bayern”

De Paola: “Elkann ha in mente i modelli Barcellona e Bayern”

Chi attendeva delle risposte le ha avute e direttamente da John Elkann. Il primo appunta­mento cruciale per la Juve era rappresentato proprio dall’assemblea Exor. Le aspettative pun­tavano soprattutto sull’assenso per un aumento di capitale e sulle linee guida di una campagna di rilancio. Le parole sono state chiare e vanno nel­la direzione auspicata. John Elkann …

Chi attendeva delle risposte le ha avute e direttamente da John Elkann. Il primo appunta­mento cruciale per la Juve era rappresentato proprio dall’assemblea Exor. Le aspettative pun­tavano soprattutto sull’assenso per un aumento di capitale e sulle linee guida di una campagna di rilancio. Le parole sono state chiare e vanno nel­la direzione auspicata.
John Elkann non ha ovviamente annunciato ci­fre ma ha ribadito il «sostegno di Exor» alla Ju­ve. Il che vuol dire un aumento di capitale che po­trebbe oscillare fra i 90 e i 120 milioni. La som­ma verrà poi formalizzata nel Cda Juve in pro­gramma l’11 maggio, ma potrebbe anche essere comunicata successivamente. Comunque c’è il via libera per operare sul completamento dell’o­perazione rilancio. Molto interessante la seconda parte dell’intervento che per il momento delinea un’ipotesi di nuovi introiti grazie ai tifosi. Tecni­camente non si può definire azionariato popola­re in quanto la Juve è quotata in Borsa e non è pensabile un’operazione parallela fuori dalla Consob. Il termine giusto è, forse, «partecipazio­ne » attraverso la quale, la società coinvolgerà i suoi sostenitori. L’idea fa riferimento ai modelli Barcellona e Bayern ma sarà diversa e insieme all’investimento sullo stadio fornirà quell’autoa­limentazione indispensabile per non tradire le aspettative del fair play finanziario, ma anche per imboccare una sana gestione economica. L’impegno della Famiglia sottolinea la sintonia John-Andrea e arricchisce il club. Ora si faccia­no le scelte giuste. Su tutto.

Di Paolo De Paola per ‘Tuttosport’ – visita il blog del direttore del quotidiano sportivo torinese

15 commenti

  1. Juventuno vero

    Ora basta. Ora basta fare i tifosi juventini solo quando la juventus vince. A inizio campionato tutti credevano in questo allenatore che adesso non viene nemmeno piu considerato tale, tutti credevano che Beppe Marotta fosse il dirigente Italiano piu bravo in circolazione e tutti credevano negli acquisti fatti. Dobbiamo dare fiducia a questa societa. Dobbiamo dare fiducia ad Andrea AGNELLI non dimenticandoci del cognome che porta e di quello che significa quel cognome per noi. E’ vero, è stato un altro anno senza successi e con tanti rimpianti ma valutiamo anche il fatto che quest’anno l’idea della dirigenza fosse formare una base su cui innestare campioni nelle stagioni successive cosi da tornare la Juventus di un tempo. Diamo loro fiducia e vediamo cosa succede senza essere cosi pesanti con persone come Andrea Agnelli che danno il meglio di loro per la nostra Juventus

  2. Vendita di Iaquinta a 6mln + Amauri a 8mln + Sissoko a 6mln sono un buon motivo per fare una sbronza collettiva.

  3. Vendita di Iaquinta a 6mln + Amauri a 8mln + Sissoko a 6mln sono su un bilancio biennale 61/62 milioni.

  4. Facciamo chiarezza, i 60 milioni di passivo sono nel BILANCIO.
    per intenderci, se vendi Buffon a 10 milioni, incassi 10 milioni ma sul bilancio sono 26 il primo e 16 il secondo.
    Cambiando esempio più caro ai tifosi, Amari venduto a 8 milioni inciderebbe sul bilancio di 32 milioni in due anni.

  5. Sono più o meno d’accordo su quello che si dice in generale sui vari articoli. Però una cosa che non salta mai fuori è il tempo. Per prendere il Barcellona come esempio è vero che adesso caccia fuori i soldi (tralasciando il grande debito che si porta dietro) però ha dovuto passare diversi anni di sconfitte e insuccessi prima di vedere i frutti del lavoro della Cantera e stare ai vertici mondiali delo calcio. Perciò l’importante secondo me sarebbe per ora lavorare molto sulla Primavera e sul lanciare giovani in prima squadra. Poi si può discutere sugli acquisti sbagliati e i vari errori fatti ecc..

  6. Quindi ci rimangono le briciole, sai che campagna acquisti che faranno con quello che rimane,in piu’ con Delneri !

  7. Penso, e sottolineo penso, che siano tra i 90 e i 120 di cui 60 dovranno ripianare il deficit ovvio.

  8. giuro quando lo sento do di stomaco .

  9. Bene,se ha in mente quei modelli,sappia che DEVE anche “cacciare” gli stessi euro che tirano fuori loro x costruire una Grande squadra !
    @ N°7, tu sai se da questi diciamo 100mil che metterebbe la Exor,sono da togliere i 60 di deficit(quindi ne restano 40)opp sono 100 puliti e a parte risaneranno i 60 ? Perchè ci sarebbe una BELLA differenzain tutto questo.

  10. caro Elkann, ma cosa vedi di diverso rispetto allo scorso anno (ennesima annata di rilancio)?: allenatore inadeguato, giocatori flop, delusione di risultati, gioco latitante.
    La Juve, in questa fase, mi sembra uno dei personaggi in cerca d’autore di pirandelliana memoria…altro che modello Barcellona!!!!
    caro Elkann vuoi continuare in questo rilancio? ma de che? forse intendi rilancio per uno stabile posizionamento a metà classifica e fuori dall’Europa.
    Ravvediti!

  11. L’unico cambiamento che può giovare alla Juve è quello della proprietà e della dirigenza. Ladri, sono ladri di verità che stan facendo di tutto perché sia steso un velo di omertà su farsopoli di cui loro sono al 1000 per 1000 coautori. Si sono venduti la Juve nel 2006, è ora che se ne vadano, Blanc, Elkann, Grande Stevens.. e si portassero dietro quella nullità di Andrea Agnelli e il resto dei compagni di merende.

  12. Questo sta fuori !!!!!!! un saggio dei giornali di oggi giusto per rendere l’idea..

    Tuttosport = “Una juve piu ricca”..
    Il corriere dello sport = “juve: 100 milioni!”..
    La gazza ladra = “Elkann punto forte sulla juve”..

  13. Alternative non ne avete poichè se non rispettate ciò che dite il Vostro bello stupendo stadio pieno di confort e negozi resterà vuoto ma così vuoto che lo adibiranno a parco giochi per i bambini

  14. Se Elkann vuole l’apporto dei tifosi LO DICA CHIARAMENTE!!!!!
    Tantissime volte i tifosi hanno proposto di versare un contributo economico per riportare la squadra ad altissimi livelli.
    Basta dirlo chiaramente quindi e non girare intorno con discorsi incomprensibili.
    Facciamo un esempio:
    14 milioni di tifosi per 10 euro significa 140 milioni di euro all’anno

    Sicuramente molti verserebbero di più e quindi 150/200 milioni l’anno saltano fuori.

    Altri 50 li mette la società e facciamo una supermega squadra!!!

    Certo non voglio più vedere la faccia di Marotta Delneri Grygera Martinez e compagnia bella perchè significa che i soldi non li spendete per acquistare i giocatori ma ve li imboscate voi nei vostri conti correnti senza fondo.

    Quindi totale 250 milioni annui a disposizione per acquistare giocatori.

    Voglio:

    Hiddink o Capello

    Messi
    Fabregas
    Bale
    ecc… ecc..
    datevi da fare

  15. Caro DE PAOLA,
    ELKANN se imitasse lo STILE BARCELLONA…difenderebbe l’ONORE di NONNO GIANNI AGNELLI e di ZIO UMBERTO AGNELLI….e non avrebbe duttato la JUVENTUS…già verso una GRANDEZZA anche superiore a quella di BARSA e BAYERN e REAL M. …grazie al GENIO di GIRAUDO e MOGGI!!!

    Ma a chi la vuole raccontare…..
    Solo se CHIEDERA’ GIUSTIZIA…farà meno nausea …agli JUVENTINI…la sua faccia inespressiva e senza STILE JUVENTUS!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi