Interviste Serie A

D’Agostino: “Sedotto e abbandonato dalla Juve”

Gaetano D'AgostinoPer Gaetano D'Agostino (27) la partita di domenica sera non è una partita qualunque. Dopo gli abboccamenti estivi con la Vecchia Signora il centrocampista, cresciuto nelle giovanili del Palermo prima e della Roma poi, non resterà insensibile alla sfida, alla quale difficilmente potrà partecipare. In un'intervista a Tuttosport rivela il suo stato d'animo e i suoi pensieri, eccone uno stralcio:

Domenica sera c’è Juventus-Udinese. Non ci dica che è una partita come tutte le altre.
"La Juve è sempre uno stimolo, è un grande club. Io, però, penso soprattutto all’Udinese. Ab­biamo bisogno di punti e continuità. Sto facen­do tanta terapia per risolvere il fastidio al ner­vo sciatico. Voglio esserci assolutamente".

Il primo “dribbling” le è riuscito bene. Pro­va ancora amarezza per quanto successo in estate, quando sembrava a un passo dalla Juventus?
"Mentirei se dicessi che le vicende estive mi han­no lasciato indifferente. Leggevo i giornali e mi ritrovavo alla Juve o al Real Madrid. Adesso, però, è passato tutto. Sono concentrato sull’Udi­nese. E se mi guardo indietro provo solo orgoglio per essere stato accostato a grandi club".

Magari si sblocca proprio domenica contro la Juventus.
"Segnare a Buffon sarebbe tanta roba. Gigi è in assoluto il migliore portiere al mondo".

Domenica se la vedrà con Felipe Melo: in qualche modo il brasiliano le ha rubato il posto.
"Questi discorsi non li condivido. Felipe è un col­lega, ho grande rispetto di lui. A cambiare stra­tegia è stata la Juventus".

Quindi nessun problema?
"Assolutamente no. Anzi, visto che con Del Pie­ro la maglia l’ho già scambiata in passato trami­te Angelo Peruzzi, magari questa volta la chie­do proprio a Felipe Melo".

Che impressione le sta facendo la Juve?
"Ottima. Ha grinta, orgoglio, mentalità vincen­te. Dà sempre l’impressione di volere trionfare e non mollare mai. Avete visto a Bergamo? Sem­brava in difficoltà, poi ha segnato 5 gol".

Nessuna promessa con il patron Poz­zo per la prossima finestra di mercato?
"Per carità. L’esperienza mi ha insegnato che nel calcio non esistono promesse".
(Credits: Tuttposrt.com)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi