Juventus | Curva Sud | Il comunicato contro Mariella Scirea

La Curva Sud Juve contro Mariella Scirea: “Anche tu via quel nome”

La Curva Sud Juve contro Mariella Scirea: “Anche tu via quel nome”

Mariella Scirea minaccia di levare il nome del marito alla Curva Sud della Juventus? Il tifo organizzato bianconero risponde per le rime e con una risposta durissima chiede alla donna di levarsi lei quel cognome. La condanna della signora nei confronti dei comportamenti sopra le righe di alcuni settori del pubblico, non sono andati giù …

scirea-drughi-comunicatoMariella Scirea minaccia di levare il nome del marito alla Curva Sud della Juventus? Il tifo organizzato bianconero risponde per le rime e con una risposta durissima chiede alla donna di levarsi lei quel cognome. La condanna della signora nei confronti dei comportamenti sopra le righe di alcuni settori del pubblico, non sono andati giù ai Drughi che hanno scritto e firmato una missiva indirizzata proprio alla moglie di Gaetano Scirea. Di seguito il testo completo della missiva:

“Cara signora Mariella, E’ incredibile come certe persone riescano a dimenticare tutto nell’arco di pochissimo tempo. Noi ricordiamo la Signora Mariella alla testa del corteo quel fatidico 1° Luglio, e mai avremmo immaginato che, sposando il vento nemico, cadesse nella trappola di remare contro i colori indossati dal compianto Gaetano. Dovevamo immaginarlo analizzando il personaggio: d’altra parte, e questa è storia, varcò la soglia di Montecitorio grazie alla sua condizione di vedova di un grande campione, non certo per le sue qualità e tantomeno per la sua preparazione visto che, con il massimo rispetto, è ancora oggi in possesso solo di un diploma da perito aziendale, non proprio il massimo per rappresentare parte del Popolo Italiano. E non ci sono tracce significative del suo passaggio nella stanza dei bottoni, nulla di nulla. Ora l’uscita, sposata entusiasticamente da tutto il mondo nostro nemico di togliere il nome di Gaetano Scirea alla Curva Sud. Da considerare che i cori incriminati, cantati da tutti da più di 20 anni, vengono intonati a pieni polmoni anche nella Nord, solo che quel settore dello stadio è riservato ai Club Doc ed indovinate chi è presidente del centro coordinamento? Bravi, proprio la signora in questione che preferisce tacere per evitare di doversi dimettersi da un incarico evidentemente ben remunerato. Forse la signora non sa, e siamo qui per farglielo notare, che ovunque, dal sito della società compreso ai biglietti, passando per le indicazioni stradali fino agli abbonamenti, si parla sempre e solo di tribuna sud. Il nome di Gaetano Scirea non è mai contemplato quindi non capiamo come faccia a togliere qualcosa che semplicemente non esiste. Su una cosa siamo tutti d’accordo: giusto evitare tutti di strumentalizzare un Campione amato da tutti. Quindi accettiamo l’invito (ribadiamo invito perché non esiste un documento ufficiale che ne abbia decretato l’intitolazione al marito) della signora e da ora in poi il cognome Scirea non identificherà più il settore più vero e sincero dello Stadium, ma anche lei facesse altrettanto tornando a farsi chiamare con il cognome da nubile: Cavanna. Avendo conosciuto la riservatezza di Gaetano, siamo certi che non avrebbe gradito una moglie così invadente che, facendosi scudo di un cognome acquisito, si è fatta strada nel mondo della politica e dello sport dimostrando di non conoscere il primo e tantomeno il secondo. Ma ci permetta di chiederLe come ha potuto mettere a segno un autogol simile… Non soltanto ha permesso ai “giornalai” di puntare nuovamente l’indice nei confronti della nostra tifoseria, già sottoposta a continui attacchi mediatici, con le sue parole, ha inoltre accentuato l’attenzione dell’opinione pubblica e dei soliti perbenisti, invocando implicitamente sanzioni! E’ evidente dopo le Sue dichiarazioni, l’incompatibilità con il ruolo attuale di presidente del centro coordinamento, pertanto La invitiamo alle ovvie conclusioni di dimissioni inequivocabili. Siamo stati chiari, Signora Cavanna? Distinti saluti Drughi Ultrà Curva Sud”.

11 commenti

  1. Capitan Sparrow

    Ciao gbdm
    Anche io non ne posso più dell’accanimento nei nostri confronti, il mio sfogo deriva proprio da questo. Anche io penso che la società non faccia nulla per difendere i suoi tifosi (e l’ho scritto più volte in questo sito) come non fece nulla nel 2006 per difendere la sua dirigenza; neanche a me piace stare seduto e in silenzio allo stadio, ma non mi piace neanche ingiuriare i morti per il solo fatto che giocavano o tifavano per altre squadre. E’ questo il vero problema, non quello di avere uno stadio educato, popolato di gente in abito blu. Va bene tutto, ma gli striscioni su Superga no, e neanche i cori antisemiti (perché se per disprezzare un avversario lo paragoni a un ebreo presti il fianco ad accuse di antisemitismo anche se non lo sei). Se tu sei “un violento, un pazzo, un essere pericoloso per la società civile, un essere ignobile”, ebbene lo sono anch’io, perché tifo come te, mando a quel paese tifosi e giocatori avversari, ma lascio i morti al dolore dei loro cari, come sono certo che fai tu. Il vero problema in questa triste vicenda è che sono riusciti a far mettere uno contro l’altro chi tifa Juve e chi ha a cuore la Juve almeno come noi. Questo vuol dire cadere nei tranelli di squallidi personaggi che cercano di ricreare l’atmosfera che precedette il 2006. E noi, con queste polemiche, li aiutiamo a costruire un clima in cui gli unici che hanno da perdere siamo noi.
    P.S.: non ci credo che non rinnoverai l’abbonamento, di certo non me lo auguro. Ciao, fratello gobbo.

    • Ciao Captain

      Certo il razzismo e gli insulti ai morti sono orribili. Hai capito che non parlo di quello. Quello di cui parlo è andare a tifare per una squadra e poi vedere che, nonostante l’evidente disparità di trattamento riservato a noi juventini rispetto alle altre squadre, la società se ne fotte. E’ questo il punto. E’ evidente che la Juve non ci vuole, e va bene così, io se non sono desiderato mi alzo e me ne vado. Sono sicuro che non mi abbonerò, mi sentirei troppo scemo a spendere i soldi per l’abbonamento e poi farmi trattare così! Mi sembra ovvio. Tanto li sponsorizzo già pagando Sky, quindi il mio contributo non mancherà. FJS! Ciao fratello!

    • Dimenticavo… Si sapeva che i giornali ci avrebbero marciato, ma è anche vero che qualcosa su cui marciare lo trovano sempre! Siamo la Juve, l’odio non è un optional…. Pensa quante volte l’abbiamo messo nel culo a tutti, è normale che poi il bruciore fa straparlare. Sarà sempre così.

  2. Io sto con gli ultras. Mi sono profondamente rotto il cazzo dell’accanimento contro i tifosi della Juve, e anche del menefreghismo della Juve. Cori e atteggiamenti che esistono da decenni, in tutti gli stadi d’Italia. Il problema vero è la violenza, non i cori. Se mi parlate di violenza, se mi parlate dei soldi che girano dietro al sistema ultras sono d’accordo, sono problemi da risolvere. Ma se mi parlate di sfottò allora non ci sto. E se la società non fa nulla per difendere i suoi sostenitori, allora che cosa la sosteniamo a fare? Non ho voglia di andare allo stadio per stare seduto. Non ho voglia di andare allo stadio e dover pesare le parole, quando in parlamento si danno dei ladri e delle troie a vicenda e va tutto bene. Quando accendi la tv e senti solo parolacce insulti e violenza. Quando senti che insulatano una ministra perchè è nera. Ma il problema siamo noi, certo. Solo noi. Solo gli juventini. E allora grazie Juve, dal prossimo anno avrai un abbonato in meno. E sarete felici, perchè chiaramente sono un violento, un pazzo, un essere pericoloso per la società civile, un essere ignobile. Mancherà solo una voce, sostituita da un educato, civile, signorile, morto di sonno. E non dite che si può tifare senza insultare etc etc sarei anche d’accordo…. Ma andate una volta allo stadio e ascoltate da chi viene il vero sostegno… Poi se gli ultras fanno lo sciopero del tifo allora dite che danneggiano la squadra. Decidetevi. Oppure tifate cantate. Non si sente NIENTE! La perfezione non esiste: volete uno stadio caldo e un po’ maleducato, oppure una civilissima tomba? Avete una soluzione facilissima: visto che siete tutti grandissimi tifosi e sostenitori, quando la Sud canta qualcosa che non va, voi cantate più forte! Cantate quello che volete ma cantate, urlate, cazzo fate qualcosa!!!! E invece no ve ne state lì a borbottare oh ma guarda questi che animali oh ma pensa te oh che incivili… Insomma o vi date tutti una svegliata o la piantate di fare i moralisti da due soldi che alla fine non combinano un cazzo di niente, siete solo capaci a sparare cazzate.

  3. geppo e bennuz hanno già riassunto abbastanza bene quello che è anche il mio pensiero, e confermo quanto detto da geppo: io sono nel settore a fianco della sud, ma se dovessi ripetere le parole della maggior parte dei cori, non saprei dirle, non si capiscono. e poi cara sig.ra scirea (o cavanna come preferisce) può darsi che dopo questa sua imbeccata, gaetano esca dalla hit parade dei cori degli avversari, ma stia sicura, che heysel fortunato pessotto e ale & ricky ci resteranno ancora a lungo. e quello che dispiace soprattutto, è non vedere il nostro presidente presentarsi lui alle interviste e dire che nessuno parlerà finchè i nostri morti non saranno lasciati in pace. o magari anche lei. crede che le avrebbero dato lo stesso risalto di quando ha minacciato di revocare il nome di scirea dalla sud? e poi stia tranquilla, se anche avessimo una curva che canta “viola birichino” come massimo insulto, il lunedì troverebbe titoli a nove colonne più o meno così: “SCANDALO ALLO STADIUM: I TIFOSI ENTRANO SENZA GIACCA E CRAVATTA”.
    stia tranquilla che qualcosa per parlare male di noi lo trovano sempre, non c’è bisogno di imbeccarli.

  4. Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!

    ps: a quando l’abolizione dell’art. 21 ?

  5. Spero che la Juve aumenti ancora gli abbonenti! Che triste. Si può tifare anche senza cori razziali o anti-semiti lo sapete ma al solito a voi delle regole non importa nulla.

  6. Capitan Sparrow

    Bravi ragazzi, complimenti! Ci siete riusciti a diventare il modello negativo del calcio italiano! Avete visto le trasmissioni televisive della serata? Non aspettavano altro! Vedrete la stampa domattina! Da una parte la signora Mariella, modello positivo; dall’altra i Drughi, modello negativo nel cinema come nello sport! Ci siete cascati come polli! La signora Scirea (la chiamo ancora così) non ha considerato l’uso che i giornalai avrebbero fatto delle sue parole, ma voi…… Voi sapevate bene che saremmo stati tutti crocifissi dalla stampa e dalla TV, ma niente, non ve ne é fregato niente. La Juve siete voi!!!!No, ragazzi, la Juve siamo anche noi, siamo tutti quelli che veniamo a Torino facendo centinaia di chilometri solo per passione, che non ci riconosciamo in chi disprezza e oltraggia i morti di Superga, che pretendiamo rispetto per i morti dell’Heysel. Siamo noi che quel 29 maggio eravamo nella curva Z e ne siamo usciti vivi senza sapere chi o che cosa ringraziare, che abbiamo visto i morti uno per uno, coperti dalle bandiere fuori del famoso cancello che si apriva solo verso l’interno. Siamo noi che abbiamo pianto nell’estate del 2006, che eravamo a Rimini perché “non importa se sarà in serie b o in serie a, dove giochi noi saremo sempre là”. La Juve rappresenta la passione, la sofferenza, il dolore, la felicità, i momenti belli e quelli drammatici. Mi dispiace, ragazzi: siamo con voi quando tifate, ma non ci rappresentate!

  7. 1-Il termine “Ebreo” è usato in maniera gergale in mezzo mondo per indicare determinati comportmenti o atteggiamenti, come ad esempio l’avarizia, lo stesso vale per “sei un Genovese” o “Un portoghese”…ma adesso dato che si è sentito un coro dalla sud improvvisamente un branco di stronzi perbenisti si attaccano ad una parola che malgrado le terribili sofferenze di un popolo rimane uno sfottò.Adesso sembra che le altre curve italiane siano una sorta di circolo del libro, dove tra una lettura di Goethe e una riflessione su Heidegger a volte si lanciano motorini dagli spalti.

    2-La Signora Cavanna ha voluto godersi qualche momento di ritrovata gloria personale, poteva usare un minimo di buon senso ben sapendo quale sia il clima nei confronti della Juve e riflettere un momento prima di dire cose che suonano bene…si poteva prendere le distanze dai cori senza dare in pasto ai giornalacci altre scuse per attaccare la Juve, ma fanculo ai colori e viva l’ego,spero sinceramente che un simile esempio di bonaria stupidità abbia un minimo di dignità e si ritiri dai ruoli che ricopre in nome del grandissimo campione e uomo che aveva sposato.

    3-Ma certa gente pensa che si vada allo stadio per intonare cori tipo “biricchino di un avversario hai perso ma ti stimo” ? Brucia un gobbo, o infamarei nostri morti non fa notizia, ma i bambini che urlano un “merda” è uno SCANDALO che deve essere punito…inizio ad essere veramente incazzato con sta gente che si atteggia a paladino del bene facendo finta che tutto sto odio non sia solo frutto di un gelosia che nasce dal fatto che l squdra più gloriosa d’Italia si rinata dopo il tentato omicidio sportivo economico e di immgine orchestrato da dei delinquenti perdenti nel 2006.

    Anche se la forma è un pelo troppo ruvida appoggio pienamente il comunicato.Basta a fanfaroni e personcine senza spina dorsale da barzelletta sugli italiani, da tifoso della squadra più offesa e bistrattata d’Italia mi sono rotto i coglioni di certe stronzate.

  8. Premetto che generalmente i cori con contenuti estranei alla semplice goliardia, ma quindi carichi di astio e, nel caso, odio antisemita (che andrebbe poi verificato…) non li capisco e li condanno a prescindere.
    Devo però constatare un paio di cose:
    1- la risposta degli ultras (che non godo particolarmente come “etnia”) la trovo inappuntabile e, anche se sconfinante nell’essere velatamente minacciosa, corretta e ben formulata, senza trascendere in violenza verbale e di contenuti. Oltre tutto, ciò che scrivono non fa una piega, cara signora Cavanna.
    2-Cori come quelli in oggetto se ne sentono da almeno 30 anni negli stadi di tutta Italia (almeno quelli che ho frequentato: Taranto, Napoli, Roma, Piacenza, Torino, Milano, Genova, Bologna, Mantova, Modena, Vicenza, Cagliari, Palermo)

    Ora mi sorge un dubbio, non è che la smania di riuscire a fornire appunti per scrivere porcherie sui giornali, visto che ogni 5 minuti bisogna avere un argomento nuovo, abbia spinto i media e i suoi impiegati (leggasi telecronisti) a fare molta attenzione a quello che si dice in curva, più che a ciò che succede in campo, solo per poter creare ambiti di discussione ad ogni costo? No perché scusate se insisto, ma a dirla tutta io spesso non riuscivo a capire una sola parola di quello che a volte cantavano/urlavano in curva dal vivo, figuriamoci in TV!!!!! Solo così si spiegherebbe come mai da qualche tempo a questa parte ci sia una tale attenzione a questo fenomeno, che esistente da anni, non ha mai richiamato un simile interesse da parte di tutti. Addirittura adesso abbiamo i commissari in campo a monitorare simili eventi!! Il problema però mi chiedo è sconfiggere questa brutta abitudine o ESALTARLA???? Perché se si vuole eliminarla basterebbe smettere di parlarne….

    Ovviamente poi in questo periodo in cui la Juventus sta tornando a dominare, è chiaro che la strumentalizzazione contro di noi sia tornata di gran moda, ad ogni costo!
    Comunque forza ragazzi e stasera invece di cantare……suonateli……in campo però!!!!
    Pace

  9. NON è facendo un tifo maleducato che si fà il bene della Juve, NON è offendendo la moglie di un nostro grande campione e capitano che si fà il bene della Juve. Si fà il bene della Juve con un comportamento educato e civile. Queste persone NON fanno bene innanzitutto a loro stessi e agli altri tifosi. Li invito , a partire da questa sera, ad un comportamento il linea con lo stile della società e con il 99,99999% dei tifosi juventini. Forza Juve.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi