Cuccureddu: "Juve stai con i piedi per terra" | JMania

Cuccureddu: “Juve stai con i piedi per terra”

Cuccureddu: “Juve stai con i piedi per terra”

Antonello Cuccureddu, ex calciatore della Juventus e allenatore da qualche anno di diverse compagini tra serie B e Lega Pro, è intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica ‘Stile Juventus’, condotta da Nicola De Bonis, per commentare l’ultima prestazione della Vecchia Signora con il Lecce. Ecco la trascrizione da parte di Juvemania.it dei suoi interventi salienti. …

Antonello Cuccureddu, ex calciatore della Juventus e allenatore da qualche anno di diverse compagini tra serie B e Lega Pro, è intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica ‘Stile Juventus’, condotta da Nicola De Bonis, per commentare l’ultima prestazione della Vecchia Signora con il Lecce. Ecco la trascrizione da parte di Juvemania.it dei suoi interventi salienti.

MAI ESALTARSI TROPPO
“Sono felice per la squadra. E’ chiaro che era un match alla portata, non esaltiamoci più di tanto. La squadra può ancora crescere, c’è da lavorare tanto, ma questa vittoria ci voleva dopo i pareggi con Inter e Manchester City. Qualcosa da migliorare c’è, soprattutto nella fase difensiva, anche se è positivo non aver preso gol”.

AQUILANI OK, MELO TROPPO IRRUENTO
“Sapevamo del valore di Aquilani. L’importante è che lui stia bene. Ora non bisogna fermarsi. Melo deve ancora calmarsi un attimino, gli ho visto fare un paio di entrate davvero brutte. E’ importante che la Juventus non sia Krasic dipendente, altrimenti se gli trovano le contromisure per la Juve sono dolori”.

COME IL BARCELLONA MA OCCHIO!
“Il modulo con Marchisio a sinistra mi ricorda il Barcellona, ma il limite è che da quel lato non si spinge e se bloccano Krasic a destra a quel punto il gioco della Juventus sarebbe senza sbocchi. Occorre trovare un esterno basso a sinistra che dia più garanzie”.

IL GRUPPO C’E’
“L’importante è comunque creare il gruppo. Quando crei il gruppo i sacrifici si fanno senza problemi. E a quanto pare Delneri sta lavorando bene”.

AMAURI ANCORA DELUDENTE
“Amauri sottotono? Ha bisogno di giocare, ha un fisico per il quale deve giocare sempre per entrare in forma. Bisogna dargli tempo e attendere che entri in condizione”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi