Conte: "Superato il primo step, guardiamo avanti. Tourn over? Non se ne parla" | JMania

Conte: “Superato il primo step, guardiamo avanti. Tourn over? Non se ne parla”

Conte: “Superato il primo step, guardiamo avanti. Tourn over? Non se ne parla”

La Juventus si appresta ad affrontare il Cesena in casa dopo la doppia trasferta contro Lazio e Napoli. Si tratta di un momento d’oro per gli uomini di Conte, anche se ieri il Milan vincendo a Genova ha scavalcato i bianconeri in cima alla classifica di serie A. I rossoneri campioni in carica, dunque, continuano …

La Juventus si appresta ad affrontare il Cesena in casa dopo la doppia trasferta contro Lazio e Napoli. Si tratta di un momento d’oro per gli uomini di Conte, anche se ieri il Milan vincendo a Genova ha scavalcato i bianconeri in cima alla classifica di serie A. I rossoneri campioni in carica, dunque, continuano ad essere i favoriti per la vittoria del campionato anche per antonio Conte, che ha ribadito il concetto nella conferenza stampa di oggi a Vinovo.

“Io so soltanto che il Milan l’anno scorso ha vinto lo scudetto e quindi Allegri è ripartito su una base che ha vinto lo scudetto. Una base importante e chi vince l’anno prima lo scudetto non può dire: ‘Vediamo che succede l’anno prossimo’. La differenza sostanziale penso che stia lì. Noi, invece, veniamo da due settimi posti, non da uno, da due, e penso che sicuramente per il nome, la Juventus, è giusto sempre che stia nel lotto delle favorite, però per i fatti accaduti ultimamente secondo me non era giusto inserire la Juventus tra le favorite. Così come non è stato inserito il Palermo che è arrivato ottavo. Così come non è stata inserita l’Udinese che è arrivata quarta. Ripeto, poi, al di là di questo, è giusto guardare sempre in casa nostra. Io nel momento in cui sono diventato allenatore della Juventus mi sono posto degli step. Il primo step era quello di tornare ad essere competitivi. Tornare ad avere credibilità agli occhi dei nostri tifosi, tornare ad avere credibilità agli occhi degli avversari. Io penso che questo step lo abbiamo raggiunto e non era facile. Adesso c’è il secondo step e poi ce ne saranno altri”.

Obiettivo numero uno raggiunto, dunque, qual è il prossimo gradino che dovrà salire la Juventus di Conte?

“Il secondo step qual è? Mantenere la competitività. Cosa che negli anni passati non si è riusciti. Quest’anno invece dobbiamo essere bravi. Come? Continuando a mantenere la giusta concentrazione, la giusta attenzione, la voglia, la determinazione, questa grande organizzazione che abbiamo, questa crescita da parte di tutti quanti i calciatori e confermarci nei piani alti della classifica. Poi ci sarà un altro step. Però, come dico, quando si costruisce, anche l’ingegnere che prende un progetto, si pone degli step: io mi sono posto questi step. Il primo siamo riusciti a raggiungerlo anche in poco tempo, adesso il secondo step è quello di mantenere questa competitività, lasciando stare cosa dicono gli altri. Penso che ognuno debba guardare in casa propria e noi guardiamo in casa nostra, perchè ognuno conosce i propri pregi e i propri difetti”.

Domenica il Cesena, poi lo scoglio Roma. La Juventus ha diversi diffidati: Conte sta pensando al tourn over per evitare brutte sorprese con i giallorossi?

“Non mi interessa niente. I tre punti con il Cesena sono come i tre punti con la Roma. Per noi la partita della vita è sempre la prossima, quindi quella col Cesena, perchè non è detto da nessuna parte che abbiamo tre punti in tasca. E qui torniamo al discorso del secondo step: quello di confermarci competitivi in tutto, nell’atteggiamento, e anche in una gara nella quale guardando la classifica si affrontano la prima e la penultima. Sembrerebbe tutto facile, invece io dico che vincendo col Cesena daremmo sicuramente grande valore alla vittoria con la Lazio ed al pareggio contro il Napoli; non vincendo col Cesena, ridimensioneremmo di tanto queste due trasferte insidiose che abbiamo affrontato”.  

Mancherà per la prima volta Andrea Pirlo, come ha preparato Conte la partita senza il suo uomo più decisivo?

“Sappiamo tutti l’importanza di Andrea. Quando parlo di Pirlo, mi piace parlare più dell’uomo che del calciatore, perchè il calciatore lo conoscono un po’ tutti, io invece ho avuto la fortuna, visto che lo alleno, di conoscerlo e lo sto conoscendo anche come uomo. Quindi sicuramente è un giocatore importante per noi, sotto tutti i punti di vista, però sono convinto anche che chi giocherà domani insieme alla squadra cercherà di non far rimpiangere questa assenza, sapendo che Andrea resta un punto di riferimento importante. Però ho grande fiducia in chi sostituirà Andrea, perchè ci sarà anche una squadra che invece di fare 100 quando c’era Andrea, farà 120 per cercare di mettere anche nelle migliori condizioni chi entra a fare benissimo”. 

 

 

8 commenti

  1. Questa squadra non può fare turnover perché non è ha i mezzi. Questa squadra soffrirà da bestia con l’anno nuovo per non parlare della prossima stagione. Sono preoccupato.

  2. @Redazione JM

    Ecco, mi ero dimenticato il succo del discorso xD
    E’ che leggendo il titolo ho pensato “dovrebbe fare turn over” mentre poi leggendo il resto dell’intervista ero molto contento del resto delle parole e mi hanno fatto dimenticare il resto xD

    Anche se non abbiamo coppe un minimo di turn over ci sta…
    Io non dico domani di schierare 10 calciatori “nuovi”… ma solo quelli più affidabili.

    Per esempio…
    Intanto dentro Pazienza (tanto Pirlo non c’è), poi dentro anche Quagliarella ed Estigarribia… ed al massimo azzerderei un Sorensen al posto di Bonucci al centro, ma mi fermerei qui.

    Poi per il resto JM, con chi lo facciamo il turn over?
    Io non rischierei mai Motta al posto di Lichtsteiner… o De Ceglie per Chiellini o Toni per Matri… :/

  3. [email protected]

    non abbiamo giocatori affidabili e buoni in panchina….solo in attacco ne vedo buoni….

    molto probabile non danno garanzie elia e krasic e lo capisco sinceramente….

    giochera pazienza e puio giocare quagliarella….

    poi dipendere l’esito della partita….

    fara respirare pepe e lichsteiner….

    fara entrare giaccherini….

  4. E io invece sul tourn over non sono d’accordo. Da qui al 21 dicembre giocheremo 5 partita (praticamente in 17 giorni). Non fare almeno un minimo di tourn over potrebbe rivelarsi un suicidio. Spero ci vada bene. Forza Juve

  5. Grandissimo Conte, veramente ogni intervista mi stupisce (in positivo) sempre di più.

    Sarà pure alla sua prima esperienza in un club di prima fascia ma sa come gestire ogni frangente, sa come dire, sa come affrontare le varie situazioni.

    E’ un tecnico a cui manca solo l’esperienza “in teoria”, perchè gli anni da calciatore e capitano della Juventus gli sono serviti per essere quello che è adesso.

    Ha ragione.
    Il 1° obiettivo era riacquistare sicurezza, trovare un gioco e farci temere dagli avversari.
    Ora qualche maligno che si augura che la Juventus sia solo un fuoco di paglia c’è ma gli avversari ci temono e fanno bene.

    Adesso bisogna dimostrare che meritiamo di stare dove siamo.
    Anche con Del Neri (seppur in maniera molto meno convincente) eravamo nelle prime posizioni a Natale e poi siamo crollati in maniera inesorabile. Ora bisogna tenere duro e dimostrare che siamo una grande squadra.

  6. Ieri sera ho visto la partita del Milan e devo dire che le squadre che gli giocano contro hanno davvero un atteggiamento imbarazzante!!!C…o, Malesani quando venne a Torino si giocò la partita a viso aperto, ieri è stato uno strazio, un 5-3-2 di catenacciara memoria, pensato solo per difendersi e consegnarsi completamente all’avversario. Se si continua cosi il Milan vincerà tutte le partite, senza nemmeno dover fare fatica. Peccato, perchè quella rossonera mi sembra tutto fuorchè una squadra imbattibile!!!!

  7. CONTE,un bellissimo e bravissimo MASTINO JUVENTINO!

  8. Un mastino

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi