Conte: "Rispetto ma nessuna paura, a Udine per vincere" | JMania

Conte: “Rispetto ma nessuna paura, a Udine per vincere”

Conte: “Rispetto ma nessuna paura, a Udine per vincere”

La Juventus si appresta ad affrontare lo scoglio più duro della sua stagione, ossia l’Udinese di Guidolin che ha sin qui collezionato 7 vittorie su 7 partite casalinghe: “Come ripeto sempre rispetto per tutti, paura di nessuno – ha esordito in conferenza stampa Antonio Conte – L’Udinese è l’ultima squadra che dobbiamo ancora affrontare tra …

La Juventus si appresta ad affrontare lo scoglio più duro della sua stagione, ossia l’Udinese di Guidolin che ha sin qui collezionato 7 vittorie su 7 partite casalinghe: “Come ripeto sempre rispetto per tutti, paura di nessuno – ha esordito in conferenza stampa Antonio ConteL’Udinese è l’ultima squadra che dobbiamo ancora affrontare tra quelle che possono ambire alle zone alte della classifica. Sarà uno stimolo ulteriore giocare in un campo sul quale ha sempre vinto, segnando 14 reti e subendone solo due. Conosciamo le difficoltà che incontreremo e ci stiamo preparando. Del resto l’Udinese ha giocatori importanti come Asamoah, Isla, Di Natale, ambiti da tante squadre e non è più una rivelazione specie dopo il campionato dello scorso anno quando a tre, quattro giornate dalla fine si è trovata con il Napoli a contendere lo scudetto al Milan”.

Nonostante l’avversario di prim’ordine, l’obiettivo di Conte è quello mantenere l’imbattibilità e possibilmente il primato in classifica:

“Non voglio sembrare presuntuoso o sbruffone, ma noi lavoriamo per ottenere sempre il massimo. Quindi andremo a Udine senza accontentarci, perché non deve far parte del nostro modo di pensare. Non deve sembrare arroganza, ma fa parte della strada che abbiamo intrapreso. Se poi gli avversari si dimostreranno più forti stringeremo loro la mano. Però prima e durante la partita non ci dobbiamo accontentare degli obiettivi minimi. Non c’è pazienza con le grandi squadre. L’Udinese lo scorso campionato è arrivata quarta, noi settimi, ma la prima cosa che mi avete chiesto è lo scudetto. Non è lo stesso per Guidolin, che ha più tempo per lavorare e per crescere”.

Intanto, il tecnico bianconero incassa i complimenti del direttore generale Marotta:

“Non posso che ringraziare il direttore per le parole usate nei miei confronti, Questi attestati di stima sono motivo di orgoglio. Tutti, dal presidente in giù, stiamo lavorando sodo e tutti ci dobbiamo ritenere utili, sapendo però di non essere indispensabili. Siamo andati al di là delle più rosee previsioni, ma sono passate solo 15 giornate e i conti si faranno a maggio. I numeri sono sotto gli occhi di tutti il merito va alla disponibilità e alla voglia dei miei calciatori. La soddisfazione più grande? Aver recuperato credibilità agli occhi dei tifosi e degli avversari. Ora c’è di nuovo rispetto nei nostri confronti”.

La partita contro il Novara, nonostante le tante occasioni gol fallite, ha dato a Conte nuove certezze, ma soprattutto alternative:

“Non avevo dubbi sulle risposte che avrei ricevuto da parte dei giocatori meno utilizzati, perché vedo come si allena il gruppo. Cerchiamo di preparare tutti per giocare e il merito dei risultati è del mio staff. La Juve debba avere una rosa tale da poter sopperire alle assenze, senza che cambi il risultato. Ed è quanto si è verificato contro il Novara. Sono contento per la prestazione di Quagliarella, coronata da un gol. Per gli attaccanti è fondamentale segnare, perché loro vivono di questa gioia. Sarei stato molto contento se ci fosse riuscito anche Alex, ma a me interessava la prestazione e sono stato contento del fatto che abbia giocato per la squadra. Il gol prima o poi arriverà. Per domani dovrò valutare attentamente durante l’ultimo allenamento, visto che qualcuno ha anche preso delle botte ed è uscito malconcio dalla partita di domenica. Un cambio tattico? E’ una possibilità”.

6 commenti

  1. [email protected]

    “schiacciasassi” per una squadra che gioca in contropiede fa un certo effetto….come del resto napoli….

  2. 7 vittorie su 7 in casa….14 gol fatti solo 2 subiti…..non c’e’ bisogno di aggiungere altro sull’udinese “schiacciasassi”……stasera sara’ durissima contro questa squadra, che gioca, a parer mio, il miglior calcio in italia, assieme a noi……attualmente penso sia la sfida piu’ difficile di tutto il girone d’andata…..forza juve

  3. @alessio: io mi auguro di no.La difesa a tre con questi interpreti non mi convince, e queste mie supposizioni sono suffragate dai goals presi adottando questo schieramento proprio in partite come quelle di napoli.Io proverei Quagliarella punta centrale e pepe e giaccherini a supporto.Penso che solo allargando il gioco e tagliando con gli esterni abili nell’1vs1, si possa mettere in difficoltà questa collaudata squadra e provare a vincerla.Comunque stiamo a vedere, ho piena fiducia in Conte………..

  4. secondo me la partita più rischiosa del girone d’andata. sarà molto dura!spero nei goal degli ex. con vucinic poteva esserci qualche possibilità in +. chissà

  5. Salvatore Aragri

    Ma io non voglio dir niente se no vengo tacciato di portare sfiga.. ma domani rischiamo tantissimo.. bisogna stare attenti !!!

  6. Sembra che Conte voglia giocare a Udine come fatto a Napoli: con Quaglia da seconda punta dietro Matri e Pepe esterno tutta fascia, al posto di Estigarribia. E in questi momenti che mi piacerebbe avere Caceres in rosa, così da poter fare un grande terzetto con Barzagli al centro e il Chiello a sinistra. voi che ne pensate?vi piace questa situazione tattica per domani?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi