Juventus | Conte Panchina d'Oro 2014 | Le sue parole alla premiazione

Conte Panchina d’Oro 2014: “Premio anche per squadra e società”

Conte Panchina d’Oro 2014: “Premio anche per squadra e società”

Antonio Conte vince per il secondo anno consecutivo la Panchina d’Oro di serie A: secondo Vincenzo Montella, terzo Walter Mazzarri

conte-panchina-oro-2014Per il secondo anno consecutivo Antonio Conte è Panchina d’Oro di serie A. Il tecnico della Juventus precede il viola Vincenzo Montella e il nerazzurro Walter Mazzarri: un riconoscimento importante per il leccese, che raccoglie così i frutti del duro lavoro di questi anni con la Vecchia Signora. Salito sul palco per la premiazione davanti a tanti colleghi e allo stato maggiore della Figc, Conte viene nuovamente punzecchiato sulla convocazione in nazionale di Giorgio Chiellini: “Prandelli? Quello che avevo da dire l’ho detto, rimango sulle mie posizioni”.

Da qualche tempo si parla del futuro dell’allenatore, che secondo qualcuno potrebbe essere lontano dalla Juve:

“Il mio futuro? Va bene così – le parole dell’allenatore bianconero riportate da ‘Tuttosport’ -, siamo contenti della panchina d’oro, cerchiamo di concentrarci sulla gara con la Fiorentina. Chi vince dà fastidio? Bah, il mio lavoro è apprezzato dal movimento calcistico. Non è mai facile imporsi due volte, come dice Abete a volte è facile vincere più che farsi notare. Sono contento, sì. Non è semplice ripetersi ma ci sono riuscito: oltre al premio dell’Aic ricevuto un mese fa, ecco questo titolo dato dagli allenatori che mi gratifica ancora di più. Chi ho votato? I voti sono segreti e non si dicono”.

Il segreto del successo? Lavoro, lavoro e ancora lavoro!

“Dietro c’è molto lavoro, c’è tanta passione, componenti fondamentali per ogni tecnico, così come il sacrificio e il tempo sottratto alla famiglia. Lo dedico a loro, lo condivido con la mia famiglia appunto, con la società che mi supporta, con i miei calciatori e i miei collaboratori”, prosegue.

Tornando per un attimo al campionato, Conte mette in guardia i suoi: guai a sentirsi arrivati!

“Contro il Milan è arrivata una grande vittoria, in un turno dove potevamo rischiare. Invece, abbiamo guadagnato due punti sulla Roma, vincendo alla grande. Ma voglio ribadire che ancora non abbiamo fatto nulla, però il terzo scudetto sarebbe storico. Stiamo facendo cose grandissime, a volte mi sembra non apprezzato il tutto, mi arrabbio poi passa. Il segreto di Tevez? Più l’aria si fa calda più si fa largo. Ha personalità e carisma, nei momenti di difficoltà lui esce fuori, come i campioni. Ne avevamo sentite tante: Carlitos invece è un professionista esemplare – conclude -, siamo molto contenti di averlo con noi”.

2 commenti

  1. Tanti tanti complimenti mister, a volte esageri in alcune cose ma sul lavoro che fai nessuno puo’ dire niente. Tutto meritato! Grazie per questi meravigliosi anni

  2. Aurelio Matteini

    Premio del tutto meritato per la grande professionalita’,impegno e serieta’ nel lavoro svolto e da svolgere,se i nostri politici fossero cosi’ la nostra bella Italia non sarebbe nel caos.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi