Conte "Indagato senza essere sentito", Agnelli "E' e sarà il nostro allenatore" - video | JMania

Conte “Indagato senza essere sentito”, Agnelli “E’ e sarà il nostro allenatore” – video

Conte “Indagato senza essere sentito”, Agnelli “E’ e sarà il nostro allenatore” – video

Andrea Agnelli e Antonio Conte si sono presentati alle 18.30 davanti ai microfoni dei giornalisti per fare il punto sulla vicenda del calcioscommesse che vede indagati al momento il tecnico bianconero e il difensore Leonardo Bonucci. Nella sala riservata ai media al centro di Vinoco, il primo a prendere la parola è stato il presidente …

Andrea Agnelli e Antonio Conte si sono presentati alle 18.30 davanti ai microfoni dei giornalisti per fare il punto sulla vicenda del calcioscommesse che vede indagati al momento il tecnico bianconero e il difensore Leonardo Bonucci. Nella sala riservata ai media al centro di Vinoco, il primo a prendere la parola è stato il presidente Agnelli, che si è espresso in questo modo:

Tutti quanti noi seguiamo i fatti di cronaca giudiziaria sportiva. Non posso nascondere che il quadro che si sta delineando sia un quadro estremamente preoccupante per il mondo del calcio. E un quadro che tutti noi seguiamo con apprensione e amarezza. Ad oggi non risulta che Antonio Conte faccia parte di questo quadro. Dico ciò per tre motivi: in primis il suo ruolo sarebbe vicino all’insignificante. Poi la società che rappresento e io in particolare lo conosciamo da venti anni e conosciamo le sue qualità umane. E’ giusto però a questo punto esprimere agli organi inquirenti il nostro rispetto per il loro lavoro però è giusto anche esprimere rispetto per le persone che si ritrovano coinvolte in queste questioni. La Juve società e io personalmente siamo a fianco di Antonio e di Bonucci. Leonardo sa reggere perfettamente le pressioni e spero che giochi uno splendido europeo. Antonio è e sarà il nostro allenatore. Dovremo affrontare la Champions, ci guiderà lui.

A seguito dell’intervento del presidente, ha preso la parola Antonio Conte:

Inizio col dire che la mia storia calcistica è sotto gli occhi di tutti. Ho sempre dimostrato intergrità morale e onestà. Lo si può chiedere anche agli avversari chi è Antonio Conte. Voglio sempre vincere, ma sempre con certi valori. Voglio ricordare che io ho subito un’aggressione con bastoni davanti a mia moglie e a mia figlia, per la mia integrità. Col Siena abbiamo vinto il campionato con tre giornate di anticipo, con grande sacrificio e grande soddisfazione. Ribadisco la mia assoluta estraneità a qualsiasi fatto, mia e dei miei calciatori. Niente e nessuno rovinerà quella annata. Oggi mi è arrivato un avviso: sono stato indagato per associazione a delinquere. Ho avuto una perquisizione. Ho letto il provvedimento e ho visto le poche parole scritte. La prima domanda che mi sono posto è stata: come mai non sono stato chiamato dal pm prima di diventare un indagato? Mi sarei aspettato questo. Penso di aver detto tutto. Buone vacanze a tutti, perchè le mie saranno buone.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi