Conte e gli altri, il solito processo | JMania

Conte e gli altri, il solito processo

Conte e gli altri, il solito processo

(Di Gaver) La trepidante attesa è compiuta, Palazzi ha portato a termine il suo “lavoretto” e stamani tutti i media (Romani in primis) si son potuti scatenare nella caccia all’uomo che cercavano da tempo. E’ strano leggere certe notizie, ma lo è ancor di più apprendere le modalità di esecuzione che certi organi di stampa …

(Di Gaver) La trepidante attesa è compiuta, Palazzi ha portato a termine il suo “lavoretto” e stamani tutti i media (Romani in primis) si son potuti scatenare nella caccia all’uomo che cercavano da tempo.
E’ strano leggere certe notizie, ma lo è ancor di più apprendere le modalità di esecuzione che certi organi di stampa han posto in essere per dare un risalto (meritato?) a dei particolari che vogliono far emergere più della notizia stessa.
Conte
è stato deferito, unitamente a Bonucci e Pepe, per motivazioni diverse e con diverse connotazioni, ma che nella sostanza coinvolgono comunque un club che sembrava essersi allontanato da certi teatrini che nulla hanno a che vedere con il calcio vero e giocato.
Sta di fatto che tocca nuovamente affrontare scene apocalittiche descritte in alcune radio o su taluni quotidiani, o su certi siti web che già tentano di deridere i nostri tesserati con fotografie presentate ad hoc, in modo tale da proseguire con quella macchina del fango che ormai conoscono alla perfezione.
Ma stavolta no, stavolta non ha senso (ri)cascarci, questa volta squadra, società e tifosi devono far quadrato, non devono farsi sommergere da quel letame mediatico che non trova mai fine quando vi è in ballo il nome JUVENTUS.
L’ho già scritto altre volte; la motivazione di tale concentrazione di attenzioni è semplicissima, ovvero la gran mole di contatti&copie&sintonizzazioni che il nome della squadra più forte d’Italia riesce a far concentrare! Se il prodotto è la Juve, il guadagno è assicurato!
Ma facciamo un po’ di ordine in modo sintetico ed equo, nonché con quell’equilibrio che ci distingue da piu di cento anni ormai.

Tre tesserati coinvolti, per diverse motivazioni, le cui cause non vado a snocciolare minuziosamente poiché già ampliamente evidenziate da stamani tra i giornalisti più attenti.
Ad ogni modo, Conte e Pepe per omessa denuncia e Bonucci per tentato illecito.
Per i primi due, che non voglio appositamente scindere nelle posizioni, si contesta un’omessa denuncia di fatti illeciti dei quali i nostri sarebbero stati a conoscenza ma che non avrebbero portato all’attenzione degli organi preposti. Per Bonucci un tentativo di illecito sportivo, atto a combinare una gara.
Tutto è possibile, non siamo pronti a mettere le mani sul fuoco per nessuno; ma faccio qualche piccola considerazione, che spero possa servire alla causa.
Antonio Conte è ormai da alcuni anni un allenatore in ascesa, un Capitano di vecchia data, un combattente nato, colui che per ultimo finiva di correre sul campo.
Non una tecnica sopraffina sul rettangolo verde, ma una forza d’animo e di volontà fuori dal comune; insomma, uno che se l’è guadagnata sempre.
E qui mi viene difficile credere che uno così, sempre molto attento ad ogni passaggio della propria vita, si sia potuto perdere in simili contesti.
Se poi vogliamo etichettarlo come persona negativa, beh, ancora peggio. Pensate veramente che avrebbe discusso di tutto quel che gli viene addebitato dinanzi a decine di persone? O invece poteva essere propenso a pensare che tra quelli poteva starci comunque qualche anello debole?
Facendo un esempio, non credo che un Dirigente di un ufficio qualsiasi discuta di “mazzette” dinanzi a tutti i dipendenti, ma lo fa in privato con i suoi più fidati.
Carobbio è stato anche oggetto di alcune considerazioni su presunte liti extracalcistiche, ma soprattutto è stato smentito da molti altri tesserati del Siena. Si spera che quelle deposizioni siano prese nella giusta considerazione.
Poi, fatto giuridico molto importante, nella giustizia sportiva conta principalmente colui che accusa, mentre il destinatario dell’accusa stessa deve provare la propria innocenza. Tutto nella norma, direte voi.
Ed invece no, perché questo spesso è impossibile in casi del genere.
Tento di spiegarmi meglio: se vengo accusato di rapina, attraverso test tecnici o ambientali puoi provare o no la sussistenza del fatto, ma in questo caso, se non dai credito alle testimonianze rese dagli altri, non hai via di scampo; ed è quel che sta avvenendo con Conte.
Poi, Mezzaroma sembra non essere coinvolto nonostante le accuse di Carobbio e inoltre, fatto ancor più grave, se è vero che Conte avrebbe proferito dinanzi a tutti quanto riportato da Carobbio, perché tutti i calciatori del Siena non sono  segnalati per omessa denuncia?
E ancora, perché ha ragione Carobbio che accusa, mentre sono screditati tutti gli altri che affermano l’esatto contrario? A Voi la risposta.
Bonucci e Pepe sono coinvolti per Udinese-Bari, il primo per presunto illecito ed il secondo per omessa denuncia.
Su Bonucci non è chiara la posizione in quanto risulta da piu parte che il calciatore fosse in Nazionale all’epoca dei fatti; quindi, se cosi fosse, come fai a perseguire un illecito (tentata combine) se non sei materialmente presente?
Pepe anch’egli coinvolto per omessa denuncia, su testimonianze che i tanti media scatenati di oggi non riportano neanche in modo esauriente; ma anch’egli, come gli altri, deve sobbarcarsi questa ennesima presa di posizione nei confronti dell’unica società interessante del nostro panorama calcistico.
I deferimenti sono per molti, ma la prima pagina è per pochi.
Quanti allenatori e calciatori sentiti e poi, molti, deferiti? Tantissimi, ma in queste settimane i loro nomi sono stati abilmente secretati.
Se ci fate caso, qualcuno parla degli arrestati? O di altre vicende? Il nulla.er esempio, è stato coinvolto Vieri per un Inter-Lecce non andatra a buon fine; ma qualcuno si è preoccupato di indagare più a fondo del perché “non sia andata a buon fine”?
Di seguito uno schemino:
PROCURA DI CREMONA:
Partite incriminate di serie A del campionato 2010-2011
Catania-Chievo 1-1 (11/1/2011)
Napoli-Sampdoria 4-0 (30/1/2011)
Brescia-Chievo 0-3 (30/1/2011)
Brescia-Bari 2-0 (6/2/2011)
Genoa-Roma 4-3 (26/2/2011)
Brescia-Lecce 2-2 (27/2/2011)
Fiorentina-Roma 2-2 (20/3/2011)
Genoa-Lecce 4-2 (20/3/2011)
Bari-Chievo 1-2 (20/3/2011)
Brescia-Bologna 3-1 (2/4/2011)
Parma-Bari 1-2 (3/4/2011)
Chievo-Sampdoria 0-0 (3/4/2011)
Bologna-Napoli 0-2 (10/4/2011)
Chievo-Bologna 2-0 (17/4/2011)
Lecce-Cagliari 3-3 (17/4/2011)
Bari-Sampdoria 0-1 (23/4/11)
Catania-Cagliari 2-0 (1/5/2011)
Palermo-Bari 2-1 (7/5/11)
Lazio-Genoa 4-2 (14/5/2011)
Chievo-Udinese 0-2 (15/5/2011)
Catania-Roma 2-1 (15/5/2011)
Genoa-Cesena 3-2 (22/5/2011)
Lecce-Lazio 2-4 (22/5/2011)
Bologna-Bari 0-4 (22/5/2011)

Scorrete le partite, e  verificate voi stessi la presenza di diverse squadre ignorate giornali e tv, che ormai vedono nella battaglia contro la Juve la loro ragione di esistere. Peccato che questo schema sia compreso in un esposto da parte del CODACONS per un ricorso collettivo per partite truccate.
Ma a nessuno è interessato più di tanto, se non contro le squadre di livello inferiore e contro la solita realtà che, con la sua sola presenza, rende un giornale appetibile! Ti basta scrivere di JUVE per avere un po di mercato.
Ma per esempio la Juve, in quell’elenco, non è minimamente menzionata!!!
Vedremo come andrà a finire in sede di giudizio; ma, a prescindere da ciò, sappiate con certezza che questo modo di far giornalismo ancora una volta ha partorito il mostro da sbattere in prima pagina senza minimamente preoccuparsi di specificare a chiare lettere, per esempio, che la società Juve non è minimamente coinvolta, nonostante alcuni giornalisti tentino di tirarla dentro più di realtà societarie affettivamente coinvolte.
Questo è solo un ultimo paradosso dell’etica e della legalità, traete voi le dovute considerazioni.

13 commenti

  1. @juventino49. basti ricordare l’inchiesta sui fondi neri per il trasferimento di Lentini mai chiarita fino in fondo, o gli scambi di ragazzini con i cugini interisti al solo fine di generare plusvalenze. Il materiale c’è, probabilmente non tutti han voglia di prenderne atto. Se poi dici qualcosa, se ne escono fuori con le solite sim svizzere di Moggi, senza mai chiarire aspetti piu complessi e piu bui del calcio italiano.

  2. @gaver. ricordo anche il milan berlusconiano. in un milan juve il povero scirea si lamentava perche’ alla juve fischiavano continuamente fuorigioco inesistenti, infatti in quel periodo le partite del milan le arbitrava FRANCO BARESI.anche quello un periodo da rivedere.certo milan forte, ma guai a toccarli dpodiche’ il berlusca non aver certo remore nel tentare di……… ma questa e’ un’altra storia.

  3. Antonio Pompeo Medaglia

    …tutto è premeditato…..non dimentichiamo gli accertamenti pubblicati da Palazzi (..non merita di essere chiamato signor Palazzi) nei confronti dell’Inter quanto era già scaduto il tempo utile alla prescizione………se è vero quanto successo nella squadra del Bari dove sono stati incriminati sette/otto giocatori perchè non lo è stato anche Ranocchia?—-sicuramente percè approdato nell’Inter……se Conte ha profferito alcune frasi(come dice Carobbio)davanti all’intera squadra perchè non sono stati incriminati tutti i giocatori?……….PALAZZI A CHE GIOCO STA GIOCANDO?????…..mi auguro che Conte..Pepe Bonucci dopo questa baraonda la denuncino e le chiedano i danni morali e materiali cerchi di fare l’Uomo e non l’utile idiota di qualche personaggio squallido e dal sorriso ebete!!!

  4. complimenti GAVER per l’articolo…molto interessante e “onesto”

  5. SIIIIII…Iscriviamoci in un altro campionato…oppure fondiamo un’altra federazione..con campionato, coppe e tutto quello che ne viene al seguito..basta con tutti questi “POMPINARI LECCACULO PARASSITI” e sono stato ancora gentile….al posto di figc facciamo la FJGC “FEDERAZIONE JUVENTUS o GIOVENTU’ GIUOCO CALCIO”…anche se tanto troveranno ancora qualcosa per rompere i cog……
    FORZA JUVE SEMPRE

  6. Dispiace parecchio per Bonucci,perchè mi sa che è quello che rischia parecchi mesi di squalifica.
    Mi piacerebbe capire se è davvero colpevole o no,a questo punto

  7. a parte l’inter ladrona,dal 2006 ad oggi in italia le altre squadre hanno vinto come noi o meno
    quello che io dico e penso è che tanto non riusciranno a fermarci,mettiamo l’allenatore primavera in panchina (dovessero squalificare Conte),fino a quando torna il mister,e non ci faranno un baffo.
    io però metterei anche le tre stelle come provocazione,dopo questi deferimenti
    forza juve sempre

  8. Cirnecobianconero

    Salve a tutti,
    Io sono del parere che chi non ti ama non ti merita.
    VIA DAL CAMPIONATO ITALIANO CHE MUOIONO NELLA LORO MERDA

  9. Vi ringrazio.
    Ad ogni modo, per quanto riguarda gli interrogativi sollevati un po da tutti e da Zebrato in ultima analisi, basta ripercorrere a ritroso le stagioni del calcio italiano per capire un po di cose.
    Vi accorgerete che a Torino vi è sempre stata una squadra gestita come un gioiello di famiglia, che andava sempre lucidata e tenuta tra le cose piu care. E la sudditanza psicologica era (se c’era) nei confronti di una famiglia che in quegli anni rappresentava il gotha dell’industria italiana e non solo.Ma io la chiamerei rispetto.
    Altrove vediamo come in inghilterra correva voce che non si poteva giocare contro l’inter di Herrera e Moratti sr., per i troppi favori che ricevevano. (basta andare a riguardarvi un vecchio post in cui abbiano snocciolato la “grande” Inter)
    Oppure come all’inizio degli anni 80 il presidente del Milan fosse Carraro (a voi le considerazioni).
    Oppure i 100 milioni offerti dalla roma per roma-dundee di coppa ctanti anni fa, per stessa ammissione del figlio di Dino Viola. (ed ancora fanno la morale con Turone) leggete pure: (http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/roma/2011/03/17/news/lo_scandalo_roma_-_dundee_viola_l_arbitro_fu_pagato-13737013/.)
    O il Napoli di Ferlaino, iper chiacchierato su ogni fronte.
    L’italia vive di capri espiatori, e per il mondo del calcio la vorrebbero chiamare Juventus mentre loro, nell’altra stanza (a luce spenta) fanno di tutto; tanto i riflettori li proiettano su di noi.
    Ma spero davvero che questa volta la società sappia essere semplicemente quel che la storia ed il blasone le impongono, semplicemente una realtà sportiva che non può sottostare a simili ricatti mediatici.

  10. @Gaver, hai scritto un articolo nel quale si rispecchia tutta la verità sul calcio italiano e sulla cosidetta “Giustizia sportiva”.
    La mia “incazzatura”, scusa il termine, aumenta quando penso che queste ingiustizie le conosci tu e le conosciamo tutti, tranne gli antijuventini, i giornalisti e gli organi federali che rappresentano il calcio.
    Mi domando: chi DEVE portare queste verità nelle sedi opportune?
    Chi DEVE difenderci?
    Perchè, fino ad oggi, NESSUNO ha saputo dire BASTA a Palazzi & soci??
    Il “sig” Palazzi, pagato (da chi?) per fare il giustiziere, stà facendo tutto quello che vuole, senza nessun contrasto.
    Chi dovrebbe contrastarlo?
    Il nostro, sacrosanto, sfogo non basta a fare giustizia. Resta uno sfogo e nient’altro.
    La nostra dirigenza, cosa sta aspettando ancora?
    Ci stanno massacrando e continuiamo a lodare lo “stile Juve”.
    Se questi sono i risultati …….. lo stile Juve non mi piace!!!!

  11. …sì, ma esiste un tribunale serio sul quale si possa fare affidamento in questo paesuncolo da 4 soldi?
    No, perchè finora con i vari procedimenti farsopolari riguardanti Moggi e Giraudo, e quelli promossi dalla stessa Juventus, l’impressione è che si ha a che fare con un muro di gomma su cui si finisce inesorabilmente per rimbalzare.
    Quanto dovremo aspettare per avere un briciolo di parvenza di Giustizia vera, una decina di anni per esaurire tutti i possibili gradi di giudizio italioti e poter finalmente ricorrere ad un tribunale europeo? (sperando che siano meglio dei ns.)

  12. Questa non e’ giustizia ma giustizialismo premeditato…..ormai milano la fa’ da padrona….sono loro la GS…..e non si puo’ ritenere affidabile una GS che condanna senza prove certe ma solo sulla parola di qualcuno……delirio puro…..comunque nel CGS non esiste nessuna norma che afferma che l’onere della prova spetta all’accusato…..stavolta se arriveranno condanne solo sulla parola di un pentito, inaffidabile per definizione, dovremo portare la FIGC i tribunale…..non c’e’ altra via contro questa gente in totale malafede….forza juve

  13. Gaver mi sono letto con attenzione il suo interessantissimo e competente articolo……ma indipendentemente da tutte le argomentazioni……la tristezza rimane………..non si risponda piu alle provocazioni che radio tv e giornali ci elargiranno nei giorni che verranno Attendiamo fiduciosi il proseguimento della vicenda senza pero arretrare mai……un saluto e grazie per la chiarezza in quanto scrive ciao

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi