Conte: un fulmine a ciel sereno

Conte: un fulmine a ciel sereno

Conte: un fulmine a ciel sereno

Antonio Conte non è più l’allenatore della Juventus: un fulmine a ciel sereno per tutto il popoloi bianconero che ora non vuole Allegri

juventus-benfica-conte-camE’ arrivata la notizia delle dimissioni di Antonio Conte come un fulmine a ciel sereno. Le motivazioni di questa scelta di Conte e della società (che ha accettato subito le dimissioni) non sono state chiare. Nei due messaggi di Conte e del Presidente Agnelli nessuno dei due ha spiegato cosa è successo ed entrambi si sono limitati ai reciproci ringraziamenti. Poco male perché per quanto riguarda questo, le prossime mosse della società e di Conte ci faranno capire che cosa è accaduto veramente. Ormai non mi stupisco più di nulla quindi ci potrebbe essere dietro questa scelta la proposta allettante di una Nazionale (magari quella italiana), oppure, come penso io, è venuta a mancare quella parola data su Vidal e Pogba che dovevano essere incedibili e forse ora non lo sono più (entrambi o anche solo uno dei due). Oppure ancora Iturbe e Morata, ammesso che si riescano a prendere, non stuzzicano più di tanto l’appetito di Conte che forse il secondo neppure lo voleva. O forse ancora il mancato arrivo di Sanchez e di Cuadrado fanno venire meno l’auspicio che questa squadra possa competere seriamente anche in Europa. Una di queste o anche tutte queste, presto lo sapremo perché non è normale quello che è accaduto, non lo è nei tempi (fra 40 giorni inizia il campionato) non lo è per una squadra come la Juve che non è abituata a queste cose.

Se per quanto riguarda le motivazioni il tempo come detto ci aiuterà a capire, per quanto riguarda il successore di Conte invece il mistero si fa abbastanza fitto. A questo punto della stagione gli allenatori papabili sono davvero pochi. Escludendo scelte clamorose tipo il ritorno di Ferrara o Ranieri o la panchina a Nedved che non so neppure se ha il patentino, esistono aperte e libere le piste tutt’altro che ”simpatiche” di Allegri e Mancini, o il più simpatico Spalletti (che sono liberi), l’altra più complicata di Deschamps che non è libero ma potrebbe liberarsi. Guidolin ha appena smesso e accettato un ruolo dirigenziale all’Udinese ma magari per la Juve tornerebbe anche in pista. Oppure la Juve potrebbe dare clamorosamente la panchina ad Alessio o Carrera. Tutte le altre piste sono chiuse o tremendamente complicate.

Alla Juve è caduto un fulmine a ciel sereno e al 16 Luglio è un tremendo… tremendissimo pasticcio.

2 commenti

  1. Meglio tardi che mai, ma la società non è più la Juve di Boniperti o di Moggi siamo arrivati al 16 luglio quando tutto questo doveva avvenire dopo l’ ultima giornata di campionato, non parliamo poi di Allegri che Dio ci guardi ed abbia pietà di noi speriamo di giocare le coppe l’ anno prossimo.
    Ora capite perché non vinciamo mai in Europa.

  2. Mamma mia Magno, che botta! Ma Allegri no, non è possibile! Più antipatico di Capello, ma molto meno competente. Sarà difficile, ma molto difficile!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi